Rami crollati a causa delle violenti raffiche: nessun ferito. Interrotta per un paio di ore la metro B San Paolo e Monti Tiburtini: una donna si sarebbe gettata volontariamente sui binari. Immediatamente soccorsa è stata trasportata in ospedale in codice rosso. Circolazione in via di normalizzazione


Acquazzoni, vento fortissimo, alberi caduti, metro a singhiozzo: è questo, per il momento, il bilancio di questa domenica di maltempo. A seguito dell’allerta meteo diramata dalla protezione civile regionale (allerta arancione), già dalle 8 è attivo il centro operativo comunale deputato a coordinare gli interventi della giornata. Dal Comune, intanto, spiegano che sono state attivate misure per fronteggiare i disagi: da un piano straordinario di spazzamento di strade e pulizia caditoie a interventi su rami e alberi caduti (circa 25 nella giornata di ieri, più i 140 dei vigili del fuoco, per il 60% riguardante proprio gli arbusti), fino all’accoglienza dei senza fissa dimora per 170 posti in totale.

Ciononostante questo non sta evitando disagi. Già da ieri gli alberi sono cominciati a cadere: da via Arturo Graf a Talenti a Porta Metronia, fino a un arbusto che ha sfondato la recinzione della scuola di via Volterra nell’VIII municipio e a un altro in via Agnelli tra Monteverde e Portuense.

Dalle 20 di ieri sera alle 11 di stamani sono stati già 120 gli interventi dei vigili del fuoco del Comando di Roma a Roma e Provincia per le forti condizioni meteo. A causa dei forti venti si registrano cadute di tegole dai tetti, alberi e rami pericolanti, insegne pubblicitarie e pali (di enti pubblici) pericolanti. Al momento sono stati effettuati circa 150 interventi (di cui 80% per le condizioni meteo il restante 20% soccorso ordinario)

Situazione critica sulla costa del litorale romano a causa della forte mareggiata in corso da diverse ore. Gli scenari più difficili ad Ostia e a Fregene sud, ed al confine con Focene, da tempo alle prese con un grave fenomeno erosivo. Alcuni stabilimenti balneari sono circondati dalle onde ed in alcuni casi l’acqua ha superato le barriere allestite dai concessionari. Tanti i rifiuti, di ogni tipo, che la mareggiata sta trascinando sugli arenili. Nel frattempo, per il forte vento, a Fiumicino sono cadute alcune paline segnaletiche.

Ramo pericolante all’Arco di Costantino, vicino al Colosseo. Sul posto i carabinieri della compagnia Centro. Segnalato alla Polizia Locale e richiesto l’intervento dei vigili del fuoco.
Rami caduti anche in via Leone XIII.

Alle 9 a Cinecittà è stata chiusa via Quintilio Varo fra via Sestio Calvino e viale Tito Labieno per un albero caduto in strada, mentre alle 7.45 si sono registrate difficoltà di circolazione in via delle Cerquete nella periferia est di Roma e a Prati Fiscali, a via Ivanoe Bonomi all’altezza di via Ottorino Gentiloni, sempre per lo stesso motivo. Chiuse anche via Santa Maria Ausiliatrice al Tuscolano e via Vannutelli fra viale Ginnasi e via Lepidio Ostia

Intanto, per attività delle forze dell’ordine in seguito al soccorso di un viaggiatore sui binari della stazione di Castro Pretorio, dalle 7.50 la circolazione della linea B è interrotta da San Paolo a Monti Tiburtina e da San Paolo a Jonio (B1) e viceversa (attive navette sostitutive). Si tratta di una donna – una 43enne peruviana – che dalle prime ricostruzioni e secondo alcuni volontari si sarebbe gettata volontariamente sui binari. La donna è rimasta cosciente ma incastrata col suo corpo sotto al convoglio: è stata poi trasportata d’urgenza al policlinico Umberto I, dove è arrivata in codice rosso.