Virtus Roma ospite a Sky Sport 24 nel pomeriggio di oggi

Pomeriggio prestigioso per la Virtus Roma quello di oggi, con il Presidente Alessandro Toti e Amar Alibegovic ospitati nel salotto di Sky Sport 24 da Sara Benci e Pietro Colnago per dare spazio al progetto “Nasce la tua Virtus”.

L’ala virtussina ha fatto un bilancio della propria stagione e sul momento della squadra: «Abbiamo perso partite che non avremmo dovuto perdere, soprattutto un paio che avevamo praticamente già vinto e che invece abbiamo lasciato andare più per demeriti nostri che per meriti degli avversari. Personalmente sono soddisfatto della mia stagione ma odio perdere per cui ultimamente esco dal campo molto arrabbiato. A Roma mi trovo bene sin dai tempi della Stella Azzurra, è una città che amo ed è un onore poterla rappresentare sul campo».


Al Presidente Alessandro Toti sono invece state poste domande riguardo all’innovativo progetto di Equity Crowdfunding: «È una iniziativa per rilanciare ai massimi livelli la pallacanestro romana attraverso la partecipazione della tifoseria e più in generale della città al capitale sociale per aumentare la competitività in campo e patrimonializzare il club attraverso la costruzione di una Casa Virtus. Vogliamo provare ad avvicinare il tessuto sociale della Città alla Virtus Roma, dal singolo tifoso fino ai rami imprenditoriali, sviluppando così una rete strettamente legata al territorio con società sportive, tifosi e aziende che a Roma manca. Da venti anni la nostra famiglia si fa carico della responsabilità di mantenere ai massimi livelli la Virtus Roma, tuttavia crediamo che per costruire un progetto ambizioso e tornare ai vertici della pallacanestro italiana sia indispensabile il sostegno di tutti; siamo convinti che il basket a Roma rappresenti un bene comune, patrimonio della Città; con questa iniziativa avremo anche modo di valutare quanto sia forte il desiderio di pallacanestro ad alti livelli a Roma. Lo scopo è dunque rilanciare Roma al centro dell’attenzione avendo vicino amministrazione, tifosi e sponsor. Sport, sostenibilità e sociale sono alla base dei nostri valori. La Virtus non deve essere proprietà di un singolo gruppo imprenditoriale, ma della città tutta. È necessario un cambiamento e crediamo questo possa essere un modello importante e vincente».

Medicina e benessere oggi senza frontiere: la BB Clinique di Monica Gabetta Tosetti stupisce ancora

Inizio Febbraio all’insegna delle novità e del raggiungimento di nuovi traguardi per la BB CLINIQUE di Monica Gabetta Tosetti.

Una telefonata lunedì scorso ha infranto le frontiere tra Italia e Svizzera, tra Svizzera e Lettonia e tra pubblico e privato.

L’incidente in bicicletta di Egija Dinga, ragazza Lettone in vacanza di lavoro in Italia ha permesso tutto ciò.

Enija, manager Lettone, in pronto soccorso a Como da diverse ore, ha contattato telefonicamente Monica Gabetta Tosetti lunedì sera.

Si trattava di un appello di aiuto che Monica Gabetta Tosetti ha prontamente accolto; l’ospedale cittadino sovraffollato da pazienti ricoverati al pronto soccorso, non sarebbe riuscito prima del mattino seguente a soccorrere la straniera caduta da una bicicletta e ferita seriamente dal suo stesso occhiale.

Monica non ha esitato a recarsi al pronto soccorso accompagnata dal figlio Gabriele.

Parlare con il personale medico, organizzare l’esecuzione degli esami necessari e trasferire la paziente in Svizzera per metterla nelle mani del noto Chirugo Estetico Eugenio Gandolfi…E’ stato un tutt’uno.

Edija è stata soccorsa ed operata, sono stati presi accordi con il reparto di Chirurgia Plastica dell’ospedale di Riga, e la ragazza potrà convolare a nozze quest’estate con un bellissimo sorriso ed un bellissimo viso. Tutto ciò grazie ad una bellissima collaborazione con l’unica finalità di assicurare il benessere del paziente.

Sarà stato un caso che la manager Lettone, in procinto di nozze e angosciata dalla ferita in volto, abbia contattato proprio la dottoressa Monica Gabetta Tosetti, che oltre ad essere proprietaria della BB CLINIQUE lo è anche di un atelier da sposa di storica importanza a Como, Tosetti Sposa.

Il fatto che un luminare della medicina quale io Dottor Gandolfi sia riuscito, pur essendo stato avvisato all’alba, a liberarsi dagli impegni e operare magistralmente la giovane e la circostanza che Edija fosse manager di una Ditta Creative.gs e che ha sviluppato un’App legata alla salute e al benessere, è un fatto reale, l’accaduto ed al contempo è frutto di un insieme di casualità belle ed interessanti.

Con la BB Clinique finalmente diventa una certezza la possibilità di essere realmente seguiti a 360° e ogni frontiera geografica diventa quasi inesistente e comunque superabile.

Dermalogica vi aspetta da Delia Beauty Spa: l’arte della cura della pelle nel cuore di Roma

La cura della pelle è un’arte che bisogna conoscere nei minimi dettagli per poterla applicare. Una settimana fa, mercoledì 23 ottobre, nella splendida cornice di Piazza di Pietra, si svolgeva a Roma l’evento “Arte e Bellezza“; in un luogo d’arte veniva approfondito il tema della cura della pelle con Dermalogica.

Arte e Bellezza, la cura dell’anima e del corpo, da oggi sono “a portata di mano” nella Capitale in unico luogo. Dermalogica, infatti, è finalmente a Roma da Delia Beauty SPA in Piazza della Rotonda, 7 (Pantheon).

I trattamenti professionali da Delia Beauty Spa sonoun’esperienza unica, un ricordo piacevole, non solo perché sono esclusivi, ma perché ogni volta garantiscono risultati straordinari.

Le Professional Skin Therapist di Dermalogica sono tra le professioniste più qualificate del settore e ognuna ha conseguito certificazioni presso l’autorevole istituto post-diploma The International Dermal Institute.

C’è di più: nei giorni 6 e 7 novembre le professional skin therapist di Delia Beauty Spa vi aspettano per un face mapping e face fit gratuito.

Prenota subito il tuo spazio allo 06 68809244

Se vuoi scoprire di più su Dermalogica consulta il sito http://www.dermalogicaskincare.it


DON PAPA: IL RUM FILIPPINO CONQUISTA L’ITALIA Lanciato il Sevillana Cask Finish, in edizione limitata super premium ispirato alla Spagna

Lancio ‘sevillano’ di Don Papa, rum small-batch dall’isola di Negros, nelle Filippine, ex colonia spagnola, paese con la più grande produzione al mondo di canna da zucchero. Gabriele Rondani, Marketing e PR director e Anna Sgarzi, Brand Ambassador di Rinaldi 1957, che distribuisce in Italia il rum Don Papa, hanno lanciato, nei giorni successivi alla prima, trionfale, edizione del Roma Bar Show, il “Sevillana Cask Finish“, rum in edizione limitata super premium, ispirato dalla Spagna, al profumo di arance di Siviglia. Una miscela di rum selezionati dal Master Blender per produrre un rum unico nella sua categoria, non filtrato e imbottigliato a 40 gradi, il Sevillana Cask è un’esplosione di piacevoli sensazioni olfattive. I profumi sono intensi e richiamano quelli della scorza d’arancia, aromi di nocciola e di frutta secca. Al gusto ritroviamo una lieve affumicatura e una sensazione vellutata nel palato. Unione di rum dai 4 ai 12 anni distillati dalla canna da zucchero, proveniente al 100% dall’isola di Negros. La prima parte dell’invecchiamento avviene in botti di rovere americano. Segue un periodo di 3 anni in due diversi tipi di botti spagnole: botti di sherry Oloroso e botti andaluse di Vino De Naranja. Distillato sull’isola di Negros da melassa di una delle migliori canne da zucchero del mondo (la Noble), il rum Don Papa viene poi invecchiato in botti di rovere americano per almeno 7 anni.

Il Sevillana Cask Finish è presentato in un design raffinato e vibrante, di ispirazione rococò che riflette aspetti del patrimonio spagnolo dell’isola. E’ la rappresentazione del suo paesaggio lussureggiante e colorato e l’irriverenza della storia di Papa Isio, l’eroe rivoluzionario che ha ispirato il nome di Don Papa. Il nuovo Sevillana Cask Finish aggiunge un’altra dimensione del gusto al consumo di Don Papa che oggi racchiude nel suo portafoglio: Don Papa di 7 anni,Don Papa 10 anni, Rare Cask Sherry Cask Finish. Il prezzo al pubblico di Don Papa Sevillana Cask Finish (70cl) sarà indicativamente di € 80. Il Sevillana Cask Finish si presenta in bottiglia in vetro da 70 cl francese, tappo di sughero portoghese, etichetta stampata in Italia, immagine di marca messa a punto dallo studio Stranger & Stranger di New York. Numerosi premi internazionali come la Double Gold per il packaging al San Francisco World Spirits Competition 2013. Di particolare interesse la grafica scelta per l’etichetta. Lo stesso nome rimanda a un’icona leggendaria della storia di Negros, Dionisio Magbueles: conosciuto anche come “Papa Isio”, coltivatore di canna da zucchero e protagonista della rivoluzione filippina, alla fine del diciannovesimo secolo, liberò l’isola dalla dominazione spagnola, oltre ad essere stato un babaylan, un guaritore, sciamano e mistico a tutto tondo. L’uomo è raffigurato sull’etichetta della bottiglia con quello che a prima vista sembra un monocolo ma che ad uno sguardo più attento si rivela essere un geco: insieme ad esso, sono nascosti nel disegno altri 50 animali, tra i quali anche il più piccolo primate al mondo, il tarsio spettro (originario del sud dell’arcipelago filippino delle Visayas).

Tra i cocktail indicati per gustare al meglio il rum Don Papa, si segnala il Breakfast Rumtini, composto da 50 ml di Don Papa Rum, 3 cucchiaini di marmellata di arance amare, 15 ml di succo di lime e 15 ml di vino di naranja (un vino simile allo sherry). Quindi, il Don’s Garibaldi, composto da 45 ml di Don Papa Rum, 60 ml di succo di arancia, 10 ml di Romate Sherry Oloroso, 5 ml di sciroppo di zucchero. Infine, il Bailar Torero, composto da 25 ml di Don Papa Rum, 25 ml di Romate Sherry Oloroso, 20 ml di succo di arancia, 10 ml di succo di lime e 10 ml di sciroppo di zucchero.

Per maggiori informazioni
www.rinaldi1957.it
www.donpaparum.com
www.instagram.com/rinaldi_1957/
www.facebook.com/Rinaldi1957/

Ufficio stampa Rinaldi 1957
Carlo Dutto
carlodutto@hotmail.it
cell. +39 348 0646089

PROSEGUE IL PERCORSO DEL MOVIMENTO DEGLI ELETTORI, UN NUOVO, QUALIFICATO INTERLOCUTORE PER LA DIFESA DEL CORPO ELETTORALE ITALIANO

Consapevolezza dei propri diritti di elettori e tutela degli stessi presso le Istituzioni. Questi i lodevoli obiettivi del Movimento presieduto dall’Avvocato Giorgio Aldo Maccaroni.

Giovedì  27 giugno 2019 alle ore 15.00 l’Auditorium del Centro Congressi dell’Oly Hotel, al civico 36 di via Santuario Regina degli Apostoli a Roma, sarà teatro del primo convegno del Movimento degli Elettori, un nuovo, autorevole soggetto che si propone quale mediatore tra i diritti degli elettori italiani e le Istituzioni, promuovendo una attiva partecipazione dei cittadini iscritti nelle liste di voto, alla vita politica del Paese, rendendoli protagonisti della vita politica italiana e non semplici spettatori come accade oggi, e aiutando a far valere i loro diritti in ogni sede politica ed istituzionale. “Abbiamo intercettato la necessità di rappresentare le legittime istanze dei nostri elettori, residenti in Italia o all’Estero – afferma il fondatore e presidente del Movimento, l’Avvocato Giorgio Aldo Maccaroni, Patrocinante in Cassazione e Presidente dell’Avvocatura Italiana per i Diritti delle Famiglie, scrittore e docente di diritto di famiglia e minorile, già ospite di trasmissioni radiofoniche e televisive – e, attraverso il lavoro di validi professionisti del diritto, attivi all’interno del nostro movimento, ci proponiamo di svolgere quelle funzioni di rappresentanza ed intermediazione in favore degli elettori nei confronti di Enti, Partiti Politici, Istituzioni ed Organi dello Stato, elaborando altresì proposte di legge e regolamenti in favore degli elettori italiani. La mia lunga esperienza professionale mi ha portato a rappresentare questo scollamento tra i Cittadini e la Politica, notando che i partiti italiani sono, purtroppo, molto distanti dagli elettori. La nascita del Movimento risponde proprio all’assenza di un valido interlocutore che possa adeguatamente rappresentare le istanze degli elettori e che sia capace di formulare ed elaborazione proposte di legge condivisepromuovere attivamente la semplificazione del sistema di voto, assistere i cittadini attraverso l’istituzione di sportelli per l’ascolto e per la tutela dei loro diritti di elettori. Solo attraverso l’attivazione di questo tipo di tutele, operando attraverso un qualificato pool di professionisti del diritto, si può ridurre l’astensionismo, sintomo evidente di una disaffezione del corpo elettorale che non vede mai il concretizzarsi in maggiore benessere la manifestazione delle proprie intenzioni di voto”.

Insieme all’Avv. Giorgio Aldo Maccaroni interverranno Ermenegildo Rossi, medaglia d’oro al valor civile e segretario generale di Roma Ugl, Presidente della Commissione Lavoro del M.D.E., Mary Petrillo, criminologa e docente universitaria, Presidente della Commissione Sicurezza e Legalità del M.D.E., Simona Lunazzi Gorizza, imprenditrice e coordinatrice delle Commissioni del Movimento.

L’incontro costituirà l’occasione per comprendere al meglio le modalità di partecipazione agli sportelli d’ascolto, prezioso strumento attraverso il quale individuare le principali necessità e le reali istanze dell’elettorato italiano, da rappresentare autorevolmente presso le Istituzioni politiche, al fine di attivare le necessarie iniziative legislative e avviare rapidamente gli iter per raggiungere gli obiettivi preposti.

Informazioni e prenotazioni sul sito www.movimentoelettori.it

“L’astro narrante”: per scettici, amanti delle stelle e cuori erranti.

Guida astrologica con consigli psicologici, grafologici, musicali e cine-letterari, enogastronomici, di home décor e segreti astronomici. 12 libricini, uno per ogni segno zodiacale, dalla grafica accattivante e tutti da collezionare!

L’idea di questo progetto editoriale è nata da Il gusto speziato dell’amore (Leggereditore) dove la protagonista Stella abbina astronomia e gastronomia. Da qui, il ricettario astrale contenuto ne L’astro narrante. Il progetto si è poi ampliato grazie ai contributi di diversi esperti.

Ad esempio, l’oroscopo cinematografico (segno per segno) è a cura del critico cinematografico Francesco Lomuscio. Consulente filmografico per il documentario Le ombre della paura, realizzato da J.N. Graphics e Gorebros e presentato presso il Festival di Venezia 2004 all’interno della sezione King of the B’s, Francesco ha condotto per T9 lo spazio cinema di Naitt9 e vanta collaborazioni con Filmup.com, Everyeye.it, Taxidrivers.it, Movietrainer.com, Horror mania, Necro, Ciak e l’emittente tv Horror Channel. Attualmente è caporedattore del portale Mondospettacolo.com. Ha pubblicato nel 2013 il testo Zombi – Oltre 900 titoli per non riposare in pace (Universitalia), una guida su tutti i film dei morti viventi.

Interessante è anche l’intervista all’astronomo Stefano Giovanardi che vi svelerà i segreti del cosmo e le più affascinanti leggende di amori impossibili nascoste tra le stelle.

Di fatto, ogni libro contiene:

EMOZIONI ASTRALI

A cura di Kelly Ardens.

Tratti psicologici e caratteristiche emotive del segno.

PER ASPERA AD ASTRA

A cura di Maria Carla Zampieri.

Simbolismo grafico e astrale del segno.

OROSCOPO LETTERARIO

A cura di Alessandra Micheli.

Suggerimenti letterari.

PAROLE ASTRALI: RACCONTI INEDITI

Racconti di Elisa Bollazzi, Erika Carta, Andrea De Venuto, Roberta La Placa, Samanta Crespi, Debora Parisi.

MUSICA ASTRALE

A cura di Massimo Villa.

Le canzoni da ascoltare in base al segno zodiacale.

LOOK STELLARE

A cura di Francesca Lorusso.

Stile e pietre da indossare.

ASTRI E RISPARMI

A cura di Paola Nosari.

Denaro ed emozioni, come ristabilire il controllo sul cash flow.

OROSCOPO DELLE SPEZIE E VINI ASTRALI

A cura di Elvia Gregorace.

Spezie e i vini astrali.

OROSCOPO CINEMATOGRAFICO

A cura di Francesco Lomuscio.

I film abbinati al segno.

ASTRO DÉCOR

A cura di Simona Scifo.

Colori da usare e come apparecchiare la tavola.

ASTRO MENU

A cura di Silvia Casini.

Ricettario astrale

Inoltre, in ogni libricino troverete anche un’intervista alla scrittrice e food blogger Raffaella Fenoglio (chicche vegane garantite!) e un’altra all’associazione La luna al guinzaglio che vi porterà a scoprire una (g)astronomica meraviglia: La tavola celeste.

Biografia dell’autrice:

Dopo la laurea in Lingue e Letterature Straniere, Silvia Casini ha ricoperto il ruolo di project manager presso l’Istituto Internazionale per il Cinema e l’Audiovisivo dei Paesi Latini di Gillo Pontecorvo e Sandro Silvestri. Si è occupata di relazioni internazionali e della promozione dei film italiani all’estero. In seguito, si è specializzata in marketing strategico e ha iniziato a collaborare con diverse case di produzione e distribuzione cine-tv nel settore del product placement. Attualmente, è product placement & co-marketing manager per Echo Group s.r.l.. Negli anni, ha collaborato con diverse testate giornalistiche e siti web, come Youmovies.it, DirettaNews.it, CheDonna.it, UniversoMamma.it, PianetaDonna.it, Girlpower.it, PianetaMamma.it, Tevere Notizie, Empire Magazine Italia, Vox Roma, Pink Italia Magazine, ecc. Ha pubblicato Magia e altri amori. Pensieri e micro-racconti strampalati alla fermata del treno (Edda Edizioni), L’appendifiabe (Nadia Camandona editore), Tutto in una notte (Libro/mania), Di magia e di vento (Antonio Tombolini editore), Il gusto speziato dell’amore (Leggereditore) e Gli occhi invisibili del destino (Golem edizioni). Ha fondato Upside Down Magazine assieme a un gruppo di scrittrici italiane, dove si occupa di recensioni filmiche e letterarie.

Si nasconde in cantina, ma scoreggia e viene arrestato

Non è riuscito a trattenersi e la scoreggia gli è costata l’arresto. La notizia, riportata dalla stampa locale, arriva da Piacenza: nel comune di Cadeo un 40enne è stato raggiunto ieri mattina presso la propria abitazione dalla polizia, poiché su di lui pendeva un mandato di arresto per due furti commessi in Germania.PUBBLICITÀ

L’uomo, quando ha visto arrivare gli agenti della squadra mobile, si è gettato dal balcone del primo piano e si è nascosto in cantina. Dove, convinto forse di essere al sicuro, l’ha mollata così forte da farsi sentire dagli agenti. I quali grazie a quel rumore inconfondibile hanno trovato il fuggitivo.

Wedding Training Experience e Roberta Torresan confermano in Umbria il successo di WTE 2019

Il prestigioso corso di formazione specialistica WTE Wedding Planner Advanced del centro di formazione Wedding Training Experience ha confermato lo splendido rapporto della grande professionista del wedding Roberta Torresan con la Regione e la spiccata vocazione dell’Umbria per l’accoglienza di matrimoni, italiani e stranieri.

Un antico borgo perfettamente restaurato, attraversato da un ruscello che, dalla montagna, scende ad accompagnare il rassicurante silenzio dei boschi nel cuore dell’Umbria, una quieta atmosfera che trasmette grade serenità, tra la piazzetta affacciata sulla vallata e la piscina nel grande giardino, la Chiesa e la pietra delle sale, negli antichi spazi, una volta dimora di austeri monaci, oggi sede del Borgo San Pietro Acqua&Ortus, incredibile location che, dal 9 al 14 Aprile 2019, ha ospitato “WTE 2019 evento formativo dal taglio prettamente imprenditoriale e business oriented, un vero e proprio master professionale che il centro di formazione Wedding Training Experience, specializzato nel settore del wedding, a conferma della scelta della Regione Umbria come territorio ad alta ispirazione wedding, ha voluto riservare esclusivamente ad un numero chiuso di professionisti della progettazione ed organizzazione di matrimoni, che hanno avuto modo di arricchire le loro competenze su fondamentali argomenti quali Wedding Design, Project Management, Marketing del Lusso, Psicologia della Vendita, Trasformazione degli Spazi, Time Management, Contabilità e Finanza, alternati da momenti più leggeri e conviviali come un interessantissimo wine tasting.

In un settore come quello dell’organizzazione dei matrimoni, sempre in continua crescita, con un livello di concorrenza molto competitivo e un mercato sempre più internazionale avere una formazione completa e aggiornarsi continuamente è indispensabile. Per questo come centro di formazione abbiamo studiato un percorso formativo che aiuti i professionisti ad affrontare le sfide del settore e ci siamo specializzati nella formazione imprenditoriale, il percorso parte da un corso base per chi si avvicina alla professione e prosegue con diversi approfondimenti di specifiche tematiche indispensabili per avere successo fino ad arrivare al WTE Wedding Planner Advanced il corso più avanzato” Ci racconta Virginia Mureddu, amministratore del centro di formazione Wedding Training Experience.

Wedding Training Experience vanta una consolidata storicità che lo ha portato, negli anni, a diventare un autentico punto riferimento per la formazione di alto profilo del settore wedding e il WTE Wedding Planner Advanced costituisce l’ideale completamento dell’indispensabile percorso di crescita, professionale e personale, per Wedding Planner. Un corso avanzato riservato a quei professionisti del wedding che, già dotati di una comprovata esperienza, desiderino acquisire nuove competenze, migliorando la propria preparazione professionale sotto la guida di uno staff di docenti di altissimo profilo.

Ho fortemente voluto portare in questo luogo incantevole questa edizione 2019 di WTE, fornire ai corsisti un’esperienza a contatto con la natura, nel silenzio di luoghi ameni capaci di aumentare la concentrazione ed ottimizzare l’apprendimento degli importanti contenuti che abbiamo pensato per loro, erogando una formazione che completi adeguatamente il bagaglio professionale ed esperenziale di questi lungimiranti professionisti del wedding desiderosi di crescere culturalmente oltre che professionalmente e di essere, al tempo stesso, sempre aggiornati su ogni tematica inerente la professione dell’organizzatore di eventi e matrimoni di successo”. Questo il pensiero di Roberta Torresan, che ha curato il programma didattico, condiviso dai numerosi corsisti che hanno individuato nella sua proposta fatta di una equilibrata alternanza tra lezioni in aula, coinvolgenti attività, esperienze motivazionali e momenti di crescita personale, gli elementi fondamentali per la loro crescita nel mondo del wedding, sotto la guida attenta di una figura di grande prestigio, donna di grande spessore, non solo professionale ma anche umano.

Press Office: Max Press

Ecco l’hamburger d’oro da mille euro al chilo

L’idea del macellaio innovativo Antonio Di Sieno con la carne di Wagyu della prefettura di Kagoshima

Un hamburger di Wagyu della prefettura di Kagoshima in foglia d’oro alimentare 24k da mille euro al kilo. È l’ultima trovata del macellaio napoletano Antonio Di Sieno, in arte Trippicella, la risposta italiana alla bistecca d’oro di Salt Bae.

Gli hamburger devono soddisfatte alcune caratteristiche: «Non devono restringersi in cottura – spiega Di Sieno – mantenere un buon livello di liquidi, rimanere compatti durante la cottura. In questo caso ho bilanciato i diversi tagli di questo animale giapponese nella giusta percentuale per ottenere un prodotto eccellente. Un blend tra le parti più e meno grassose, quelle più marmorizzate come il top entrecote, un pezzo di fesa e meno marmorizzato, il collo più succoso. Tutto impreziosito dall’oro alimentare».

Un preparato d’eccellenza con la miglior Wagyu che viene importata in Italia. «Il Wagyu viene classificato per carcassa e per marezzatura. La carcassa, identificata con la lettera A, va da una scala da 1 a 5, mentre la marezzatura da 1 a 12.  Il massimo che arriva in italia è classificato carcassa A5 e marezzatura 10».



Ha scelto il bovino della prefettura di Kagoshima per le sue peculiarità. «Oltre ad essere finemente tenera, la sua carne si differenzia da quelle delle altre zone per il suo delicato e deciso sapore umami del grasso dovuto dalla consistenza della marmorizzazione, con una bassa temperatura di fusione a causa della grande quantità di acidi grassi insaturi».



Questa prelibatezza non si trova nel banco macelleria di tutti i giorni ma per poterla assaggiare è necessario prenotarla nel suo quartier generale di Madonna dell’Arco, in via arco 235, a due passi dal Santuario. L’hamburger d’oro by Trippicella è stato presentato alla scuola di cucina “Dolce e Salato” di Giuseppe D’Addio nell’impiattamento dello chef Antonio Tecchia del San Cristoforo di Ercolano, con emulsione di lupini di mare e sfere di colature di alici.



Questa “invenzione” segue altre iniziative innovative del macellaio napoletano. L’ultima in ordine di tempo è quella del Rosso Vesuviano, ossia allevare un maiale allo stato brado sulle pendici del Parco Nazionale del Vesuvio secondo l’antica tradizione vesuviana. Mentre in tema hamburger ha ideato quello di Simmental, con la razza di bovino originaria della valle Simme in Svizzera che non ha nulla da vedere con la carne in scatola. Per non dimenticare la “Meat innovation” per il recupero della carne di scarto come la coppa di testa, la matrice e il ventre.

BIOGRAFIA BREVE. Antonio Di Sieno, quarta generazione di macellai, è un giovane professionista specializzato in commercio e lavorazione delle carni pregiate dal Mondo. È titolare di “Trippicella”, azienda nata nel 1940, che distribuisce tagli di prima qualità nelle più importanti città italiane. Definito macellaio 3.0 per la sua capacità di coniugare tradizione e innovazione.

Il contadino pensava di aver trovato un uovo di dinosauro, ma la scoperta non era meno sorprendente!

In natura, molto incredibile. E, naturalmente, una persona è stupita dalla scoperta di qualcosa che non ha mai visto. Molti altri fossili sono nascosti nelle viscere della Terra, e nessuno sa quali sorprese ci attendono.

Il contadino argentino trovò per caso qualcosa di insolito. All’inizio, pensò che fosse un gigantesco uovo di dinosauro, ma in seguito si scoprì che si trattava di un animale che viveva sulla Terra 10.000 anni fa.

José Antonio Nievas non poteva nemmeno immaginare che una passeggiata attraverso la fattoria di famiglia potesse influenzare la storia

È successo il 25 dicembre 2015 vicino a Buenos Aires.

Vicino al letto del fiume Jose trovò un oggetto insolito che sembrava un gigantesco uovo nero

Era impossibile determinare la dimensione del ritrovamento, perché si rivelò quasi completamente fangoso.

Quando Jose cominciò a scavare la terra, risultò che il ritrovamento non era largo meno di un metro! Non potrebbe essere un uovo

Molto probabilmente, era una specie di guscio appartenuto a un animale che viveva nell’era glaciale

Il guscio apparteneva a glyptodon – l’antenato dell’armadillo

Sorprendentemente, la scoperta di Jose era in condizioni eccellenti, cosa che accade molto raramente, data la sua età

Come le impronte digitali, i gusci dei due gliptodonti non corrispondono. Ognuno di loro ha una struttura specifica.

I gliptodonti erano erbivori, quindi il loro enorme guscio fungeva da protezione dai predatori.

“Cugini” fossili di questa specie sono stati trovati in altre parti del Sud America, in Uruguay e in Brasile

La conchiglia di glyptodon conteneva circa 1000 piccole ossa piatte, disposte una dopo l’altra.

E anche se la conchiglia era di dimensioni impressionanti, era più piccola del solito per glyptodon.

Il guscio trovato da Jose è stato danneggiato. Apparentemente, il suo maestro ha combattuto con i nemici

Il fatto che il guscio fosse verdastro è la prova della sua autenticità

Ma c’era un buco nel ritrovamento che ha messo gli scienziati in un vicolo cieco. Potrebbe essere apparso di recente

Ma sappiamo che i glyptodons si estinsero 10 mila anni fa, alla fine dell’era glaciale

Assomiglia ad un animale di un film di fantascienza, ma esisteva davvero!

Il ritrovamento ci convince che, nonostante tutte le scoperte fatte finora, c’è ancora molto da scoprire!

La prossima volta, camminando, guardati attentamente intorno. Non è noto dove e quando troverai qualcosa di molto interessante e misterioso!