Dopo le vacanze estive si è sempre un po’ malinconici. Una delle cose che mi tira su il morale è pensare alle conserve. Mi diverto tantissimo a preparare marmellate, confetture e passate di pomodoro, ma anche alcune verdure e tanti tipi di frutta. Pesche, uva, susine sono tra le più belle e colorate varietà di frutta di settembre, ma non solo: tra queste, spiccano anche i fichi, che si possono usare per creare favolose ricette dolci e salate. Tra le tante, oggi vogliamo darvi qualche suggerimento su come fare i fichi caramellati, partendo da alcuni consigli per poi vedere tre ricette. 

Prima di iniziare: qualche trucco per fare i fichi caramellati

La qualità della frutta è la prima cosa da tenere in considerazione per avere un buon risultato. Bisogna prestare attenzione anche ai tempi di cottura, senza trascurare la conservazione che, come nel caso di marmellate e confetture, deve essere eseguita con attenzione per evitare che il prodotto si danneggi. Riserveremo infine un occhio di riguardo agli abbinamenti, dolci e salati. Ma non perdiamoci in chiacchiere: ecco alcuni suggerimenti per fare i fichi caramellati, così da porte gustare questi frutti estivi anche durante i mesi invernali!


La scelta della frutta

Marian Weyo/shutterstock.com

La prima cosa da fare è una selezione della frutta che avete comprato: i fichi, indipendentemente se avete scelto la varietà verde o quella nera, devono essere ben sodi, non eccessivamente maturi, per evitare che, durante la cottura, si sfaldino.

Inoltre è meglio preferire quelli di piccole dimensioni, senza ammaccature e possibilmente raccolti da poco tempo. 

La cottura

Sarebbe preferibile usare una pentola di rame, che diffonde meglio il calore, ma se non l’avete potrà andare bene anche un qualsiasi tegame dal fondo antiaderente. La cottura deve avvenire lentamente, a fiamma molto bassa. Se la preparazione dei fichi caramellati non richiede particolari abilità, quello che proprio non deve mancare è il tempo: in base alla quantità di frutta e al grado di maturazione, infatti, potrebbero volerci anche 8 ore. Non temete, però: non dovrete stare tutto questo tempo in piedi con il mestolo in mano! Anzi, i fichi andranno mescolati il meno possibile: l’unica cosa che dovrete fare è  tenere la fiamma bassa e controllare di tanto in tanto fino a che sia formata la caramellizzazione. Sarà il colore ambrato a dirvi se siete arrivati al punto giusto. Se invece avete scelto i fichi neri sappiate che, una volta caramellati, il loro colore potrebbe risultare molto più scuro, mentre se scegliete quelli con la buccia verde sarà più tenue. 

Il riposo

Se volete un trucchetto efficace su come fare i fichi caramellati ve ne consigliamo uno per dare risalto al gusto, e cioè optare per la preparazione in anticipo. Sistemate i fichi nella teglia o nel tegame in cui li cuocerete e conditeli con zucchero e aromi, lasciandoli riposare tutta la notte, e procedete alla cottura il giorno seguente. 

La conservazione più corretta per fare i fichi caramellati

Esin Deniz/shutterstock.com

Una volta cotti, i fichi caramellati devono essere riposti in vasetti di vetro, ben puliti e asciutti, chiusi con un coperchio integro, senza segni di usura, ruggine o danneggiamento. Lasciate poi raffreddare il tutto.

Per una conservazione più duratura potete procedere alla sterilizzazione: sistemate i vasetti in una grande pentola, metteteli uno accanto all’altro, meglio se separati da un canovaccio per evitare che si urtino. Versate acqua fino a coprire totalmente i vasetti. Accendete la fiamma e portate a bollore, proseguendo per 30 minuti, poi spegnete e fate raffreddare. Quando i vasetti saranno freddi potrete asciugarli e riporli in dispensa. 

Come abbinare i fichi caramellati

sweet marshmallow/shutterstock.com

Accanto a un piatto di formaggi, come si usa fare in Romagna, ma anche vicino a dei salumi. E perché no, potreste provare a fare dei crostini con del pane tostato, un cucchiaio di formaggio spalmabile e un fico caramellato. Ovviamente possono essere un accompagnamento anche per piatti dolci, presentati accanto a una pallina di gelato, come decorazione su una torta o come ripieno di un delizioso plumcake. Insomma, sono talmente tanti gli abbinamenti da provare con i fichi caramellati che avrete l’imbarazzo della scelta!  

Tre ricette per fare i fichi caramellati

Come abbiamo già detto, la preparazione dei fichi caramellati è lunga per via dei tempi di cottura, ma non particolarmente difficile. Qui vi lascio tre ricette gustose, partendo dalla versione alla romagnola, una al rum e una molto semplice fatta in forno. Siete pronti?

La ricetta dei fichi caramellati alla romagnola

Aromatizzati con zucchero e limone, i fichi caramellati alla romagnola sono così versatili da poter essere gustati sia accanto a un piatto di formaggio sia con un ottimo gelato. Vi suggerisco di lasciarli a macerare una notte non solo per accentuare il sapore, ma anche per provare a velocizzare, per quanto possibile, il tempo di cottura.

Jose David Gutierrez/shutterstock.com

Ingredienti per due vasetti da 250 g

  • 1 kg di fichi  
  • 250 g di zucchero 
  • 1 limone (scorza e succo)

Procedimento

  1. Lavate accuratamente i fichi, eliminate il picciolo ma senza sbucciarli. Posizionateli in una pentola sistemandoli vicini, in modo che rimangano in piedi. Versate a pioggia lo zucchero, spremete mezzo limone e irrorateli, poi tagliate l’altra metà del limone in spicchi, sistemandoli tra i fichi. Coprite e lasciate riposare una notte
  2. Il giorno seguente accendete il fuoco a fiamma bassa, e procedete con una cottura molto lenta, che potrebbe andare dalle 4 alle 8 ore a seconda del tipo di tegame che usate (e, ovviamente, anche dalla qualità dei fichi). Non abbiate quindi fretta e cercate di non mescolare in questa fase, per evitare che la frutta si sfaldi. 
  3. Proseguite fino a quando non vedrete un colore ambrato, molto simile al caramello. A questo punto potete spegnere la fiamma e trasferire i fichi nei vasetti ancora caldi con il loro sciroppo. Chiudeteli e capovolgeteli fino a completo raffreddamento. 

Fichi caramellati al rum 

Questa ricetta, che come le altre può essere realizzata sia con fichi verdi che con quelli neri, prevede la presenza del rum che, pur se con una parte alcolica quasi impercettibile, lascia un gusto e un sapore molto più intenso. 

gorillaimages/shutterstock.com

Ingredienti per due vasetti da 250 g

  • 1 kg di fichi  
  • 400 g di zucchero semolato
  • 150 ml di acqua
  • 100 g di rum scuro

Procedimento

  1. Per prima cosa scartate i fichi troppo maturi o con ammaccature. Lavate quelli che avete selezionato con l’acqua, poi eliminate il picciolo (ma senza sbucciarli). Sistemateli in un tegame cercando di farli stare ben dritti. Irrorateli con acqua e rum, poi versate a pioggia lo zucchero.
  2. Accendete la fiamma molto bassa e cuocete lentamente senza coprirli. Proseguite la cottura, che potrebbe durare diverse ore, fino a ottenere un colore ambrato, molto simile al caramello
  3. A questo punto spegnete e trasferite i fichi in vasetti puliti e asciutti, aggiungendo anche lo sciroppo che si sarà formato. Chiudeteli e capovolgeteli fino a completo raffreddamento. Per una conservazione più duratura, vi consiglio di  sterilizzare i barattoli.

Come fare i fichi caramellati al forno

Questa ricetta prevede la cottura in forno. Anche in questo caso vi suggerisco di preparare la frutta la sera prima, lasciandola a riposo per tutta una notte, e di cuocere il giorno seguente i fichi: saranno molto più saporiti. 

Esin Deniz/shutterstock.com

Ingredienti per due vasetti da 250 g

  • 1 kg di fichi
  • 20-25 mandorle
  • 450 g di zucchero
  • 1 limone (scorza e succo)

Procedimento

  1. Per prima cosa lavate i fichi, eliminando il picciolo. Foderate una teglia con carta antiaderente e sistemate i fichi uno accanto all’altro, cercando di farli stare in piedi. All’interno di ogni frutto inserite una mandorla, poi versate a pioggia lo zucchero.  
  2. Lavate e asciugate il limone e tagliate la scorza (avendo cura non di non prendere anche la parte bianca, che risulta più amarognola), e mettela tra i fichi. Coprite tutto con una pellicola per alimenti o con un canovaccio pulito e lasciate riposare per una notte.
  3. Il giorno dopo portate il forno a 180 °C e, una volta raggiunta la temperatura, infornate i fichi per circa un’ora. Verificate che sia avvenuta la caramellizzazione, controllando il colore. Sfornate e lasciate raffreddare per 10 minuti, poi trasferite i fichi e il succo che si è formato in vasetti lavati e completamente asciutti. 
  4. Chiudete con tappi e capovolgete i barattolini. Se volete una conservazione più duratura, sterilizzate i vasetti in una pentola aggiungendo acqua fino a coprirli. Portate a bollore per 25 minuti. Poi spegnete e lasciate raffreddare. Scolate i vasetti e asciugateli: saranno pronti per conservare i vostri fichi caramellati!

Raccontateci: avete mai fatto i fichi caramellati? Come li avete preparati? Scrivetecelo nei commenti!