La maggior parte delle piattaforme di social media ha vietato o limitato gli account di Donald Trump e gli account dei sostenitori di Trump, inclusi i sostenitori di QAnon e i seguaci di “Stop the Steal”, sulla scia dell’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti del 6 gennaio.

Mercoledì, l’app americana di condivisione di foto Snapchat ha cancellato definitivamente l’account del presidente degli Stati Uniti uscente, secondo quanto riportato da AFP.

La società ha deciso di agire in questa maniera in quanto temeva che il presidente avrebbe potuto utilizzare il suo account Snapchat per causare disordini nell’imminente insediamento del 20 gennaio del presidente eletto Joe Biden.

Snapchat ha sospeso temporaneamente l’account di Trump la scorsa settimana dopo che la società ha concluso che il presidente uscente promuove e diffonde “incitamento all’odio e incitamento alla violenza” in violazione delle regole di Snapchat contro la disinformazione.

“La scorsa settimana abbiamo annunciato una sospensione a tempo indeterminato dell’account Snapchat del presidente Trump”, ha detto il portavoce di Snapchat ad AFP, aggiungendo che “nell’interesse della sicurezza pubblica e sulla base dei suoi tentativi di diffondere disinformazione, incitamento all’odio e incitamento alla violenza, che sono chiari violazioni delle nostre linee guida, abbiamo deciso di chiudere definitivamente il suo account “.

Il divieto permanente di Snapchat arriva dopo che Twitter, Shopify e diverse altre piattaforme di social media hanno cancellato gli account di Donald Trump in seguito alle rivolte a Washington, che hanno portato alla morte di 5 persone, mentre i sostenitori di Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio, causando danni diffusi e atti di vandalismo, in un tentativo fallito opporsi alla certificazione dei risultati elettorali.

I giganti della tecnologia, media statunitensi e addetti ai lavori DC da entrambi i lati del recinto politico accusano Trump di incitare i manifestanti a violenze mortali, provocando una seconda impeachment senza precedenti del 45 ° presidente degli Stati Uniti da parte della Camera il 13 gennaio.