Sera ANTEPRIMA -FASHION NIGHT PINETO presentata da break magazine

Si terrà nella splendida cornice de il “CASTELLARO” a Pineto (Teramo) in località Mutignano Via Castellaro1 Sabato 10 Agosto alle ore 2100 il “FASHION NIGHT PINETO”

L’evento Fashion è stato fortemente voluto dai F.lli Berardinelli Titolari del rinomato Bar Ristorante , al fine di garantire il miglior intrattenimento ai propri clienti abituali e ai nuovi, di poter godere dello splendido scenario panoramico del Mare Adriatico ad oltre 300 mt slm durante una cena di Gala debitamente organizzata per l’occasione.
LA SFILATA DI MODA è affidata alla Agenzia di Moda “THE FASHION MANAGEMENT AGENCY” di Tomaselli Mario già presente su tutto il territorio nazionale, che dopo i recenti successi di MILANO “Fashion Week” e FIRENZE “Premio la loggia” si avvale per l’occasione in veste Modella e di Direttore Artistico della Modella e Fotomodella Andreea Tu Tù.
La Partecipazione di brand Locali di prestigio darà lustro alle meravigliose modelle professioniste selezionate che indosseranno gli stupendi abiti firmati “ATELIER” di Via D’annunzio 71 – Pineto attraverso il fascino della bellezza promossa da “LOVE for LIFE”.
al “Make-up e Hair Style della “COMPRENDO” Scuola della Formazione di Montesilvano con la Supervisione in backstage della Master IOANA.
Le Immagini Fotografiche del FOTOFRAFO Ufficiale Pasquale Favale
le riprese video studio RAMSET di Michele Ramellini di Jesi
e il SERVICE audio e luci di Fabio Diesis di OLTRE SUONO di Giulianova saranno garanzia di successo

Tosetti con la Solidarietà in passerella

Undici il numero delle meravigliose creazioni firmate Tosetti che hanno incantato il pubblico all’evento “La Solidarietà sfila in passerella” che si è tenuto lo scorso mese allo Stendhal di Oggiono, in Brianza, e che è stato organizzato dalla Fabio Sassi Onlus.

All’evento giunto alla seconda edizione ha fatto da regina e protagonista la beneficenza per l’associazione “Fabio Sassi” giunta al suo trentesimo anno di vita. Albino Garavaglia, presidente dell’associazione ha aperto la serata e ha ripercorso la nascita della fondazione.

Nella spettacolare location che ha ospitato la kermesse, davanti al suggestivo panorama dello splendido lago di Annone, Monica Gabetta Tosetti ha “sposato” la solidarietà e ha portato in passerella 11 favolosi modelli della sua collezione: 5 abiti da cocktail 3 haute couture ed infine 3 vestiti da sposa.

Emozioni, spettacolo, interventi musicali e artistici ma soprattutto moda e manifestazioni d’arte hanno regalato ad ospiti e pubblico una serata davvero indimenticabile. L’appuntamento è per il prossimo anno nello stesso luogo e siamo già impazienti di vedere la prossima collezione Tosetti.

LA MODA FEMMINILE A ROMA HA UNa NUOVA FORMA, MA LO STESSO NOME, FLAIR – IL TUO STILE!

L’elegante Concept Store di Marzia Capponi, al Centro Commerciale Odissea 2000 a Le Rughe propone, con un evento di lancio, il suo nuovo personalissimo stile californiano e una proposta fashion sempre al Top!

La moda passa, lo stile resta”. Facendo propria la più famosa citazione di Coco Chanel, Marzia Capponi, elegante titolare del Concept Store “Flair – il tuo stile”, aggiorna l’immagine della sua boutique, affidandola al gusto femminile dell’architetto Doriana Caporale, che gli restituisce un’immagine glam e decisamente cosmopolita, dominata da un elegante mood “jungle” con elementi esotici e dai moderni contrasti cromatici. Un nuovo elegante stile, in linea con l’attualità delle proposte moda che verrà lanciato con l’evento “New Style, Same Flair”, ideato ed organizzato da Tiziana Amorosi d’Adda. Prestigiosa madrina dell’opening l’attrice Milena Miconi che, con il suo innato glamour e il raffinato charme che la contraddistingue, ben rappresenta la Donna “Flair”.

La madrina giungerà a bordo di una fiammante berlina di MTR Autonoleggi all’evento del quale la event designer Silvia Jacopini curerà gli allestimenti. “Flair – il tuo stile, non è semplicemente un negozio di abbigliamento – afferma Marzia Capponi – ma è un luogo d’incontro, di sorrisi, di condivisione, di shopping, di momenti sereni tra amiche, da vivere con leggera e vitale spensieratezza. Lo store ha una proposta fatta di mille sfumature che accarezzano la personalità delle tante donne che rappresentano e compongono un universo femminile estremamente variegato, fatto di manager, di fashion blogger, di casalinghe, di imprenditrici, ma anche di madri, figlie, nonne e mogli. Tante personalità femminili diverse, tante singole anime che si riconoscono in uno stile unico e personale con il quale creare per sé stesse la propria immagine, per sentirsi belle e felici, in armonia con il mondo”. Un nuovo spirito, una nuova energia sono i primi elementi che colpiscono nello store rinnovato.

Il sorriso contagioso di Marzia, di sua mamma Paola, della sorella Katia e di tutto lo staff, lasciano trapelare la sicurezza che riescono ad infondere nelle donne che si affidano a loro, consapevoli della ricerca degli stili cosmopoliti più attuali. Marzia, infatti, riesce a creare con un gioco sapiente di mix & match, mille mood diversi per mille personalità femminili, suggerendo accostamenti, forme, colori e armonie per esaltare la bellezza di ogni donna con il giusto outfit per ogni occasione, scegliendo tra le importanti aziende partner come Paola T., Think Believe, Operà Fashion, Giorgia & Johns e Influencer.

Per le sue clienti, Marzia ha voluto un servizio in più: grazie alla collaborazione con l’azienda di cosmesi Niyo&Co., le eleganti frequentatrici dello Store potranno essere ancora più belle, attraverso un servizio di make up professionale ed ai prodotti di bellezza proposti. A testimoniare l’intimo legame con il mondo della moda, la collaborazione con Accademia del Lusso nell’evento che sarà reso indimenticabile dagli scatti fotografici senza tempo di Walter Karuc. Appuntamento quindi il 4 maggio alle 17,30, per un cocktail reso ancora più spumeggiante da una selezione di bollicine di Maltese Food & Wine, in un evento cui non mancheranno sorprese, omaggi e mille attenzioni tutte al femminile.

Questi gli hasthag per le pubblicazioni social: #flairiltuostile #belleefelici #glamourinside

Press Office: Max Press

EVENTI A VARENNA, RICHIESTE DA MILANO E LAVORI SU ROMA: LA FOTOMODELLA DANIELA ROSATI NON SI FERMA MAI

Daniela Rosati. Location Villa Cipressi (Varenna) – Ph. Luigi Nappa

E’ appena trascorsa la festività di Pasqua e speriamo che almeno in tale giornata Daniela Rosati, la fotomodella dal fisico statuario che vanta oltre 50 mila followers e che è stata anche definita, “nuova regina del fashion” – a seguito di una partecipazione ad una sfilata a Milano in occasione della nota fashion week -, si sia presa un attimo di respiro e soprattutto di riposo.

Infatti, dieci giorni fa, il 12 aprile, l’abbiamo vista prendere parte ad un evento nella bella Varenna in una location esclusiva e suggestiva, Villa Cipressi. La kermesse cui ha assistito riguardava la presentazione del nuovo romanzo thriller della nota scrittrice Marina Di Guardo intitolato “La memoria dei corpi”. Coordinatrice del magnifico evento – insieme a Raffaella Nenna e Ludovica Rocchi  – è stata l’imprenditrice Monica Gabetta Tosetti, medico, fashion influencer e titolare del più grande atelier presente nella città di Como “Tosetti Sposa”, insieme al marito Giovanni Tosetti

Marina Di Guardo e Daniela Rosati – Ph. Luigi Nappa


Sabato 13 aprile Daniela Rosati è stata impegnata con appuntamenti di lavoro nella città di Milano mentre lo scorso lunedì, 15 aprile era attesa nella Capitale per un lavoro come “modella dal vero“, iniziativa promossa al locale Don Giovanni a Roma, gestito da Fabio Nardi, Veronica Piervirgili e Nevio Falli.

Il prossimo appuntamento è tra due giorni…Sarà ospite a “REC 360” una trasmissione televisiva in onda su Gold Tv. Perciò…Rimanete sintonizzati!!! Seguite Daniela Rosati sulla pagina Instagram e sul profilo Facebook per non perdervi tutti gli aggiornamenti.

Intervista alla fotomodella Debby Belfiore: Mediterranea al punto giusto

1Fare la modella, sogno di molte ragazze, come si inizia? E come funziona?

Questo in realtà non lo sappiamo bene…nel senso che non c’è un vero e proprio inizio che determina la nascita di una carriera o di un sogno. Postando delle foto, cercando di relazionarsi con i follower o partecipando ad eventi è sicuramente un passo per avere una possibilità in più.

2 Cosa ti ha spinto a fare la modella? Era già un tuo sogno da bambina?

Fin da piccola il mondo della moda mi ha sempre attirato e affascinato mi piace lavorare in contesti dinamici, dove posso esprimere il mio essere con gentilezza.

3 Che sensazioni hai provato durante il tuo primo servizio fotografico?

La mia prima volta è stata a Roma in uno studio fotografico con il fotografo Massimo Bartolozzi che sin da subito mi ha messo a proprio agio mettendomi a disposizione la make up Artist Kristel Zevini 🙂 ottima truccatrice che riesce ad esaltare la bellezza.
Un grande professionista che ha permesso di far uscire tutta la sensualità e far sì di esprimermi e trasmettere nel miglior dei modi è stata una bellissima emozione scattare in uno studio e dandomi molti consigli che mi sono serviti per metterli in atto nei diversi shooting che ho fatto.

4 Una domanda frivola. Qual’ è il tuo outfit preferito?

Il mio outfit preferito è un abito e tacchi alti è importante che il proprio abbigliamento rispecchi soprattutto la propria personalità

5 In un mondo sempre più social qual è il tuo rapporto con Instagram?

Uso molto Instagram il mio Instagram è Debbybelfiore92 ti permette di condividere foto, video e idee sia a livello lavorativo e privato. Per quanto mi riguarda, sui social sono sempre me stessa ed esprimo le mie idee senza problemi.

6 Che importanza dai hai social network?

I social network sono importanti perché possono alcune volte dare prova di sostegno reciproco non esiste la perfezione. Il fatto che si farebbero carte false per apparire più belli, più magri diversi in una foto è sintomo che qualcosa non và. Quindi essere oneste è la cosa più bella dei social

7 C’ è un fotografo con cui vorresti lavorare?

Un fotografo con cui vorrei lavorare è Alex Comaschi

8 Modelle e fotomodelle: quanto conta l’ aspetto fisico e quanto invece quello caratteriale per il successo in questo lavoro?

Nella società di oggi l’ aspetto fisico conta tutto ed è una cosa errata.
Innanzitutto tengo a precisare che l’ essere “magra” è una cosa soggettiva perché essere magra non significa necessariamente avere una taglia 40. Ci sono donne che pur avendo una 44 vengono considerate magre. Questo accade perché ognuno ha la propria armonia del corpo, per cui ci sono donne che hanno il grasso distribuito per bene e non danno alcuna parvenza di avere chili in più. Ritengo errato però attribuire del giusto o del bello a donne che portano una 36 e si nota che ci sia una malattia in corso, come ad esempio l’ anoressia o bulimia. Mettere in vetrina questo tipo di magrezza è ingiusto. Paradossalmente però molte fashion blogger del secolo tendono ad esaltare questo tipo di magrezza sui social network, e questo non fa altro che stimolare ancor di più i follower che magari soffrono di complessi d’ inferiorità a fare di più, quel di più che può distruggere la vita.

9 Rimanendo nel settore moda quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Per quanto riguarda i progetti futuri, desidero qualcosa che mi gratifichi, tenendo i piedi per terra nel rispetto di me come persone e della mia famiglia.

Monica Gabetta Tosetti, la presentazione nella Capitale della Collezione By Nicole e una nuova sinergia all’orizzonte

Monica, bentrovata. Poco tempo fa siamo rimasti incuriositi da una tua recente partecipazione nella Capitale. La terza settimana di marzo, infatti, ti abbiamo visto a Roma alle prese con una sfilata di gran rilevo, in occasione della presentazione della nuova collezione By Nicole. E poi sappiamo che è in atto una nuova collaborazione, una vera e propria sinergia tra Tosetti Sposa e Nicole Fashion Group.

Quali sono intanto i caratteri preminenti e quali i colori dominanti per il 2020? Che ruolo nello specifico hai rivestito nella Capitale?

I colori predominanti anche per il 2020 saranno ancora il colore naturale della seta ed il rosa cipria…Affiancati dal nude!

Il mio ruolo era di buyer (ma anche blogger) ed infatti dal mese di aprile l’atelier Tosetti Spose di Como diventa Best Partner di Nicole Fashion Group, unico in città e nella provincia comasca, che sarà un punto vendita privilegiato delle Collezioni 2020 della Maison, con tutti i suoi marchi: Alessandra Rinaudo, Nicole Spose, Jolies, Colette, Romance, oltre a Pronovias e St. Patrick.


Che sensazioni ti ha lasciato l’evento nel complesso?

Mi ha lasciato sensazioni favolose! La sfilata di Nicole Spose a Palazzo dei Congressi di Roma è stata davvero emozionante, un catwalk che ha raccontato il percorso di Nicole, la primogenita della stilista Alessandra Rinaudo, in una narrazione di eccellenza tutta italiana; bellezza e professionalità allo stato puro, a partire dal video che ha aperto il fashion show con la visione di una Nicole ‘bambina’, che si muove fra il profumo di gesso e borotalco, e il ticchettio regolare delle macchine da cucire, per arrivare a una storia che sa di magia nella quale ci ritroviamo da sempre.

Gli abiti erano splendidi ed è stato memorabile il finale della sfilata; mi è sembrato di vedere tre generazioni susseguirsi e…Soprattutto mi è sembrato proprio di vedere il sogno italiano avverarsi.
‘Un sogno italiano’, infatti, è quello di Alessandra Rinaudo e della figlia Nicole che si muove fra bridal outfit dalle linee Fifties con gli scolli omerali che sottolineano le spalle, le maniche a sbuffo che sembrano ali, il punto vita disegnato da cinture metalliche, le divertenti mantelline di pizzo o gli abiti dalle code leggere che creano movimento nell’incedere per poi arrivare a una sposa dal mood giovane e fresco, in grintosi abbinamenti di gonne di tulle e felpe, abiti corti e stivali di pizzo o micro bolerini su pantaloni dal taglio impeccabile.
Insomma una collezione preziosa, versatile, che interpreta la femminilità nelle sue infinite sfaccettature e che Tosetti Sposa non vede l’ora di mostrare alle future spose.

L’ittirese Rosa Deriu già Miss Mamma d’Italia

Esce sulla nuova sardegna l’articoli di
Rosa Deriu . Lei è di Ittiri e ha 48 anni, è mamma di Andrea, 11 anni, e dopo avere vinto le selezioni regionali di Miss Mamma, conquistando a giugno il titolo di Miss Mamma Sardegna Gold, il prossimo 26 agosto parteciperà alle finali nazionali. Rosa Deriu, laureata in Giurisprudenza, in passato ha collaborato con i quotidiani La Nuova Sardegna e l’Unione Sarda, scrivendo di sport, poi nel 1999 è stata assunta da Videolina dove ha condotto la trasmissione Punti di Vista. Nello stesso anno si è candidata nel Nuovo Movimento di Grauso, senza essere eletta. Successivamente, ha presentato serate musicali a Ittiri, con raccolte fondi per la Thalassemia. Nel 2001 il matrimonio e nel 2007 la nascita del figlio. Negli ultimi anni, Rosa ha lavorato come venditrice telefonica per varie compagnie, usando lo pseudonimo di dottoressa Fiore. A gennaio di quest’anno, la decisione di partecipare alle selezioni di Miss Mamma d’Italia, che l’hanno portata sino alle finali nazionali.

Intervista a Silvia Mazzoldi: è tutta questione di style

Fare la modella, sogno di molte ragazze, come si inizia? E come funziona?

Ho iniziato a fare vari shooting per vari fotografi ancora tempo fa, avevo avuto dei contatti online, avevo poi accantonato per un periodo ma ho voluto riprendere qualche anno dopo.

Cosa ti ha spinto a fare la modella. Era già un tuo sogno da bambina?

Mi è sempre piaciuto poter posare per dei fotografi e mi ha spinto anche l’idea di poter arrotondare un po’.

Che sensazioni hai provato durante il tuo primo servizio fotografico?

Ricordo che mi sono sempre sentita a mio agio nel farlo.

Una domanda frivola. Qual è il tuo outfit preferito?

Il mio outfit preferito, beh diciamo che adoro stare comoda però mi piacciono molto gli abiti stretti a tubino.

In un mondo sempre + social Quale il tuo la rapporto con instagram?

 Instagram lo uso ma principalmente è per lavoro.

Che importanza dai hai social network?

Oggigiorno possono essere utili secondo me ma se non facessi il lavoro che faccio non li utilizzerei.

C’è un fotografo con cui vorresti lavorare?

 Sì ma sparo troppo alto, poi credo non succederà mai e quindi non faccio nomi, hahaha :-

Quello caratteriale per il successo in questo lavoro?

L’aspetto fisico conta ovviamente ma purtroppo a volte conta di più il carattere.

Rimanendo nella moda settore quali sono i tuoi progetto per il futuro?

Continuare a fare quello che faccio finché potrò anche se, allo stesso tempo, sto iniziando a dedicarmi ad altro.

I look di Brad Pitt e Leonardo DiCaprio nel trailer di «Once Upon a Time» in Hollywood

La scorsa settimana Quentin Tarantino ha finalmente svelato il trailer di uno dei film più attesi degli ultimi anni: «Once Upon A Time In Hollywood», con protagonisti nientemeno che Brad PittLeonardo DiCaprio, due attori alla ricerca di fama nella dorata scena cinematografia californiana del 1969. La nona pellicola del pluripremiato regista uscirà in tutte le sale italiane il prossimo settembre, ma i primi 90 secondi mostrati in anteprima offrono già un assaggio dell’atmosfera tipicamente pulp di Tarantino, tra ultra-violenza a tinte pop e ironia pungente. Un assaggio di film che dà modo, soprattutto, di dare uno sguardo anche alle scelte di stile che hanno contribuito a delineare le personalità di ogni personaggio. Rappresentando tanto i look tipici da «calda giornata sotto il sole di Los Angeles», con Brad Pitt in una classica T-shirt bianca, senza tempo, camicia hawaiana e jeans slim, quanto l’eleganza casual di Leonardo DiCaprio, con chiodo di pelle marrone abbinato a pantaloni sartoriali. Dei capi d’abbigliamento che, sebbene siano stati pensati per identificare due personaggi di 50 anni fa, riprendono alcuni dei must have da indossare per questa primavera/estate 2019. E da cui abbiamo preso spunto per una selezione shopping decisamente…tarantiniana. Dal sofisticato tuxedo indossato da Pitt, ai toni camel sfoggiati da DiCaprio, ecco qualche idea di stile per vestire alla «Once Upon A Time In Hollywood».

Dior

Ray-Ban

Falconeri

Mino Ronzoni

© Andrea Delai

All Saints

Diesel

Ralph Lauren

Hugo Boss

Ermenegildo Zegna

Dsquared2

La moda non ha età e a 97 anni la super Iris Apfel firma il primo contratto da modella con la IMG

Qual è l’età giusta per sfondare come modella? 16? 25? 30? Chiedetelo a Iris Apfel, e vi risponderà più o meno così: 97. Alla soglia del secolo, l’interior designer, imprenditrice e icona di stile newyorchese ha firmato il suo primo contratto globale con la prestigiosa agenzia di modelli/e IMG, e oggi nel fashion system non si parla d’altro. “Iris è un’icona con un talento sconfinato. Irradia creatività e ispirazione e siamo eccitati all’idea di esplorare con lei opportunità uniche e nuove, in cui le sue doti naturali potranno essere condivise con il mondo”, ha commentato il presidente di IMG Models Ivan Bart a WWD. “A 97 anni, continua a dimostrare che l’età è solo un numero e non dovrebbe essere qualcosa che ti definisce”.

Iris Apfel modella a quasi 100 anni (ad agosto ne compirà 98) la dice lunga sull’evoluzione dei canoni estetici contemporanei. Soltanto qualche anno fa, la scelta dell’autrice Joan Didion (84) come volto della campagna Primavera Estate 2015 di Céline aveva generato una sorprendente ondata di “grey models”: modelle rigorosamente over 60, colme di stile e di fascino, che da allora sono apparse sempre più numerose tra gli scatti e le passerelle di brand più o meno indipendenti, determinati a rivolgersi (finalmente) a un pubblico più variegato. Volti iconici, come Benedetta Barzini (per Antonio Marras), Isabella Rossellini (per Lancôme e Dolce&Gabbana) o la mitica Veruschka (per Acne Studios), ma anche donne comuni, dalla grazia innata, al di là di ogni convenzione anagrafica. Un fenomeno scaturito poi nella fondazione, a Londra, della Grey Model Agency: la prima agenzia consacrata esclusivamente a modelli e modelle dalla chioma argentea.

image

Età a parte, Iris Apfel (nata Barrel) ha dalla sua una personalità e un carisma ineguagliabili. Dall’istituzione della Old World Weavers, la compagnia tessile fondata nel 1950 insieme al marito Carl Apfel, ha plasmato il gusto per il décor di intere generazioni. A partire dai piani alti(ssimi): alla sua visione si sono affidati anche 9 presidenti degli Stati Uniti per (ri)arredare la Casa Bianca durante i loro mandati (cc: Truman, Eisenhower, Kennedy, Johnson, Nixon, Ford, Carter, Reagan e Clinton). A lei e al suo stile inconfondibile nel 2005 il MET di New York ha perfino dedicato una mostra, Rara Avis (Rare Bird): The Irreverent Iris Apfel, a cui hanno fatto seguito un documentario, Iris, nel 2014, e una biografia, Iris Apfel: Accidental Icon, nel 2018. Il titolo di quest’ultima è forse quello che meglio condensa la sua essenza: “Non si può piacere a tutti. Io mi vesto per me stessa, e poi accada quel che accada”, ci aveva raccontato in un’intervista esclusiva qualche anno fa. Di certo, grazie alla IMG, qualcosa di nuovo sta per accadere.

fonte Elle: