Spaghetti di Sant’Agata, il primo catanese più veloce dell’aglio e olio con il tonno in scatola. L’antica ricetta della nonna siciliana

spaghetti alla Sant'Agata

Gli Spaghetti di Sant’Agata sono degli spaghetti con tonno e pomodori secchi, un primo piatto veramente veloce da preparare. Gli ingredienti principali sono soltanto questi due, insieme a una aggiunta di olive nere che insaporiscono e vanno sempre bene. Il condimento si prepara veramente in pochi minuti. Ma se non avete proprio tempo, potete cucinarlo anche in anticipo e calare solo gli spaghetti al momento di dover servire in tavola. Il tonno è uno di quegli alimenti salva cena. Va bene con una insalata di pomodori o con l’insalata verde, va bene con la pasta, va bene anche con le altre proteine, o con la maionese per i buongustai.

Spaghetti con tonno e pomodori secchi

Ingredienti

  • spaghettoni 160 g
  • tonno 160 g
  • pomodori secchi 50 g
  • olive nere 30 g
  • prezzemolo 1 ciuffo
  • scalogno 1
  • olio
  • sale

Preparazione

Per cucinare gli spaghetti con tonno e pomodori secchi cominciamo dal condimento. Anzitutto, potete scegliere di utilizzare sia il tonno fresco in tranci, sia quello in scatola, in base al tempo che avete a disposizione. Tritate finemente lo scalogno. In una padella fate scaldare l’olio extravergine di oliva e fate appassire la cipolla. Intanto con l’aiuto di una forchetta sminuzzate il tonno. Quando lo scalogno sarà ben appassito, unitelo in padella e fatelo rosolare pe qualche minuti.

E’ il momento di aggiungere anche i pomodori secchi e le olive nere denocciolate. Aggiustate di sale, completate con il prezzemolo fresco tritato. Basteranno pochi minuti di cottura e il condimento sarà pronto. Scolate gli spaghettoni bene al dente e passateli direttamente in padella insieme a un po’ di acqua di cottura. Questo formato di pasta è perfetto perché in ogni boccone raccoglierà tutto quel che serve. Saltate tutto insieme a fate amalgamare gli ingredienti. I vostri spaghetti con tonno e pomodori secchi sono pronti. LEGGI ANCHE—> Spaghetti alla procidana, non chiamateli alla vongole. Il segreto “del 2” degli isolani per farli cremosi e buonissimi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto