Sebbene il suo motore di ricerca sia vietato in Cina, Google sta presentando la sua ricerca sull’intelligenza artificiale a Shanghai questa settimana. © AFP / STR / AFP

Sai dove questa settimana è la più grande riunione di intelligenza artificiale del mondo? Non nella Silicon Valley come si potrebbe pensare, ma a Shanghai, in Cina, che ha deciso di costruire sulle tecnologie del 21 ° secolo.

Solo pochi anni fa, era di moda nel mondo occidentale considerare la Cina come un bene per delocalizzare la produzione di massa a basso costo, ma non per l’innovazione. Era ovvio, tuttavia, che con le sue dimensioni, la sua storia e le sue ambizioni, la Cina non si sarebbe accontentata di interpretare i ruoli secondari per sempre.

Da tempo si è “risvegliato”, per usare la parola di Napoleone, ed è persino diventato pochi mesi fa il primo potere mondiale in termini di pubblicazioni scientifiche. In ritardo rispetto alle tecnologie del 20 ° secolo, la Cina ha scelto di fare “balzi in avanti”, vale a dire, si concentra su quelli del 21 ° secolo.

Da qui il suo interesse per l’intelligenza artificiale, che è ovviamente l’area chiave della trasformazione del nostro mondo. Nell’economia, nella difesa, nella vita della città, occupa già un posto che cresce solo.

Non solo la Cina ha capito, ma ha un grande vantaggio: l’intelligenza artificiale ha un enorme bisogno di dati per essere efficace, proprio come l’industria del petrolio usato nel secolo scorso. Ma la Cina, con i suoi 800 milioni di utenti Internet e nessuna politica di protezione, ha accesso a più dati di quelli combinati negli Stati Uniti e in Europa.

Ora ha questo tesoro di “big data”, aziende per trattarlo e finanziamenti pubblici e privati ​​senza limiti. E una volontà politica in cima a questo stato iper-centralizzato.

Tutti i giganti globali del settore hanno risposto a questa conferenza mondiale tenuta da lunedì. Gli imprenditori e gli esperti di 40 paesi hanno fatto il viaggio, degno di nota, nel bel mezzo di una guerra commerciale tra la Cina e gli Stati Uniti. Ma la tecnologia è al centro di questa battaglia sino-americana che continua inesorabilmente l’escalation.

Il presidente cinese Xi Jinping è stato conciliante nel chiedere la cooperazione di tutto il mondo nel campo dell’intelligenza artificiale. E, infatti, gli americani Microsoft e Amazon hanno annunciato questa settimana l’apertura di centri di ricerca in Cina, mentre Google e Facebook sognano di stabilirsi lì.

Ma l’intelligenza artificiale è anche un campo di intensa rivalità geopolitica, che probabilmente ridefinirà l’equilibrio del potere. E la Cina difende un modello che non può essere universale, sviluppando il sistema di sorveglianza più intrusivo del mondo, basato sulla tecnologia.

In questa gara, l’Europa ha perso terreno, nonostante i suoi talenti e risorse. Nel presentare la sua relazione su Intelligenza Artificiale a marzo, Francese MP e matematico Cédric Villani ha detto che “l’Europa deve essere in grado di competere con la Cina e gli Stati Uniti, proteggendo i suoi cittadini e mostrando il modo in cui il questioni etiche “. 

Ma se non stiamo attenti, è Shanghai piuttosto che Bruxelles a definire gli standard del ventunesimo secolo.