Visite Articolo:
84

Le condizioni atmosferiche avverse di questi ultimi giorni,  segnate da piogge e giornate di sole,  hanno ulteriormente colpito la strada Provinciale 277 al km 34.00. “ L’ultima azione che posso mettere in campo” ha spiegato il sindaco di Garaguso  Francesco Auletta “ è quella di denunciare alle autorità competenti l’inadempienza della Provincia di Matera sia dal punto di vista politico che di chi gestisce gli uffici.

In data 21 settembre, nel pomeriggio, il Prefetto di Matera Rinaldo Argentieri  durante un sopralluogo nel comune di Garaguso per verificare alcune situazioni,  tra le prime che prese in considerazioni e  considerandola una  priorità proprio quella  delle condizioni della SP. 277,  che così com’è ridotta risulta essere  un grave pericolo per tutti gli utenti. Lo stesso Prefetto telefonò al Presidente della Provincia segnalando tale urgenza e,  l’assicurazione verbale quella che sarebbero  intervenuti quantomeno  su alcuni tratti di estremo pericolo che impediscono ,  soprattutto per i mezzi di trasporto pubblico, un percorso agevole tant’è  che devono fermarsi nelle dune create lungo il percorso, ma ancor di più l’ importanza per i mezzi di soccorso sanitario che purtroppo nella gimcana rallentano di molto il loro arrivo a Garaguso sulle chiamate di emergenza sforando i 20 minuti previsti. Oggi nonostante tutte queste parole di buoni propositi abbiamo registrato un ulteriore cedimento al km 34.00 senza avere un minimo di attenzione,  basti pensare che nemmeno la segnaletica di pericolo è stata posizionata,  cosa che non costa impegno di spesa, non costa le lungaggini di gare di appalto. Pertanto ritengo nel ruolo di rappresentante di una comunità di non dover più attendere o elemosinare un diritto di eguaglianza, non ci sono cittadini di serie A e quelli di serie B, ci sono cittadini e basta e la responsabilità di un sindaco tutelare la sicurezza e l’incolumità di tutti”. Francesco Auletta ha così chiesto con una nota a  Sua Eccellenza il Prefetto di organizzare un tavolo tecnico con tutte le autorità preposte.