Friselle ( o Frise), come si preparano in casa: più facili della pizza. Il giusto pasto quando proprio non si vuole cucinare o in casa ci sono pochissime cose. Immaginate se tornate da un periodo in vacanza e non c’è nulla. Il timore delle scatolette in dispense è dietro l’angolo. Ma non è solo per arrangiarsi: la friselle o frisa può essere gustata anche durante la dieta o per una cena o un pranzo velocissimo. E dato che è un pezzo di pane può essere condito come più piace.

Poi sulla friselle ci sono due scuole di pensiero: c’è chi la adoro secca ( biscottata) e chi invece “spugnata”. Per quest’ultima possiamo dividere due altre scuole di pensiero, cioè chi la gusta bagnata e chi proprio “inzuppata”, ovvero diventa molliccia e la consistenza diventa tutt’uno con il companatico. La si può quindi condire con tante cose, insalata, cipolle crude, tonno ( in barattolo), olive e così via. E’ buona anche per gustare l’impepata di cozze però, o con le cipolle della Genovese. Insomma le friselle sono ottime e basta. Ma andiamo a vedere come si preparano e quali sono i segreti per farle in casa.

Ingredienti:

  • 600 gr. di farina 0
  • 20 gr. di sale
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 2 bicchieri di acqua (400 ml)

Preparazione

Mettete tutti gli ingredienti nell’impastatrice e lasciate andare fin quando non vedrete che la pasta sia bella liscia. Lasciate riposare l’impasto per 30 minuti circa. Formate dei panetti da 50 grammi l’uno e dare la forma di taralli chiusi. Far lievitare per 1 ora gia disposti nelle teglie. Infornate per circa 20 minuti in un forno che avrete preriscaldato a 200°.Togliere la teglia dal forno e dividere le cimbelline in due parti. Rimettere in forno e togliere quando sono dorate.

Continua a leggere Piuricette.it e iscriviti al gruppo Facebook Masterchef ricette e trucchi degli chef e mette un like alla pagina Facebook    di PiuRicette.it