E TU DORMI: CHI E’ MATTEO SACCO

Matteo Sacco inizia a suonare la chitarra classica a 9 anni. È un romantico nel DNA: a 12 scrive la sua prima canzone d’amore. Da lì comincia a cantare e cresce la sua passione per i cantautori.


Nei viaggi estivi con la famiglia Matteo visita le capitali d’Europa restando affascinato dagli artisti di strada. Così, dopo esperienze adolescenziali nelle rock band formate con i compagni di scuola, parte in autostop e diventa busker anche lui.


Sono gli anni della riscoperta del patrimonio folk nostrano: tanta musica popolare dal sud Italia e un vortice di pizziche e tarantelle lo portano insieme a nuovi amici musicisti nei festival e contesti più importanti per gli artisti di strada, come Ferrara, Certaldo e Campiglia Marittima.


A trent’anni giunge la crisi e Matteo smette di suonare per due anni. Arriva una maggiore consapevolezza che lo porta rapidamente a voltare pagina: inizia finalmente a dedicarsi unicamente alle sue canzoni e a studiare canto con diversi insegnanti e vocal coach, imparando così metodi diversi come l’Estill Voice Training e lo Speech Level Singing.


Dopo alcuni anni di arrangiamenti dei suoi pezzi con musicisti che interpretano vari generi (pop, rock, folk irlandese) giunge ad un compromesso tra le sue radici più tradizionali e il desiderio sempre più pressante di sperimentare nuove sonorità.
Nel 2016 incide La Dolce Vita, il suo primo disco che raccoglie insieme vecchi brani rimasti nel cassetto e altri scritti in quel periodo.

Il risultato è un album di canzoni che vogliono essere una sorta di tributo al cantautorato italiano più classico, ma ciò non impedisce all’elettronica di affacciarsi negli arrangiamenti del disco. Per promuovere il lavoro Matteo gira l’Italia in tour assieme ad una nuova band e divide il palco dell’Umbria Folk Festival con artisti del calibro di Davide Van De Sfroos e Max Gazzè.

Grazie a questa esperienza, resa più vivida dall’impatto live, arrivano nuovi stimoli ed energie e soprattutto la volontà di elaborare un “cantautorato 2.0” che dia forza alla sua attitudine di paroliere con sonorità completamente elettroniche, prodotte con synth e batterie campionate.
Seguendo questa intuizione nasce, a distanza di tre anni dal primo lavoro, il nuovo album Connessioni, in uscita imminente e preceduto dal singolo “E tu dormi”, già online.

CONTATTI saccomet@gmail.com

Luciano Nardozza venerdì 26 aprile esce il nuovo singolo “beata ingenuità’” che anticipa l’album “fuori luogo”

Luciano Nardozza, cantautore, compositore e chitarrista lucano residente in Lombardia, da venerdì 26 aprile torna in radio, sugli store in digital download e sulle piattaforme streaming con il  nuovo singolo Beata Ingenuità (B3 Productions/Pirames International), che anticipa il suo secondo Album: “Fuori Luogo”.

Alla registrazione di “Beata Ingenuità”, presso i Massive Arts Studios di Milano, hanno preso parte i noti musicisti Gianluca Misiti (tastierista per Daniele Silvestri e Max Gazzè) e Piero Monterisi (batterista della PFM, Tiromancino, Daniele Silvestri).

Il brano Beata Ingenuità” sarà accompagnato da un videoclip diretto da Leopoldo Caggiano e disponibile sul canaleyoutube e Vevo dell’Artista.

Il singolo racconta il disagio di un bimbo, poi ragazzo, che vede le sue certezze andare in frantumi. Come si fa a scegliere se andare a vivere con la mamma o con il papà? Un brano pop rock dai ritmi incalzanti, che arriva a due anni dallalbum di esordio Di Passaggio” e con cui lAutore affronta un ambito emozionale molto delicato: quello che vive chi sperimenta la rottura di ununione punto di riferimento familiare e di vita. Da qui il senso di frustrazione, di rabbia, quasi di vendetta nei confronti della vita. Al tempo stesso la promessa, a se stessi, di andare oltre per ritrovare la propria integrità, non guardando più al di fuori, ma sempre più in profondità.

Luciano Nardozza ha svolto per 15 anni lattività di compositore e chitarrista in diversi progetti. Dal 2017 avvia la sua attività di artista Pop con il suo primo disco, Di Passaggio, un concept album sulle emozioni che caratterizzano le varie fasi di una storia damore. Lalbum è stato portato in giro  live in oltre 30 città d’Italia. LArtista con lo stesso progetto ha ottenuto un premio al Varigotti Festival 2018 ed è risultato finalista alledizione 2019 del prestigioso Premio Fabrizio De André

www.lucianonardozza.it

Da oggi in radio “Fuori dal Gregge” il nuovo brano dei Nuggets

Sentirsi fuori dal coro, fuori dal gregge, come il titolo del loro brano, rispetto al conformismo e all’omologazione dilagante, rimanendo fedeli a se stessi e alla musica come elemento portante di tutto. Presentiamo così i Nuggets, band di Andria composta da quattro giovanissimi ragazzi, uniti da un’ amicizia affiatata ed un talento straordinario che ognuno di loro possiede ed esprime al meglio all’interno del gruppo. La formazione è composta da Francesco Chico alla chitarra solista, Claudio De Vita voce e basso, Enrico Di Noia alla chitarra ritmica e  Michele (Micky) Montaruli alla batteria.

Figli del nuovo millennio, tutti e quattro under 20, questi ragazzi si accorgono ben presto che l’amore per la musica è qualcosa di grande, tanto da far nascere il progetto della band nel dicembre 2015. Le influenze musicali che hanno lasciato un’impronta nel loro percorso di crescita sono quelle dei grandi gruppi e musicisti internazionali come Beatles, Rolling Stones, Robert Johnson, Bob Dylan, Stevie Wonder, Chuck Berry, Eric Clapton per la chitarra, non tralasciando l’ascolto di grandi autori del panorama musicale italiano come Francesco Guccini ed Edoardo Bennato, fonte di ispirazione soprattutto nei testi dei loro brani.

Cominciano a farsi notare come cover band in stile blues e rock’n’roll, suonando egregiamente in versione “live” famosi brani dei loro idoli, come i già citati Beatles, Bob Dylan e Stevie Wonder.

Iniziano a partecipare a diversi contest regionali dove si fanno notare non solo per la loro capacità interpretativa, ma anche per la vicinanza che dimostrano verso il mondo del volontariato, come quando aderiscono all’invito dell’ “Happening del Volontariato” organizzato dal centro sociale San Nicola di Andria. Altri premi si susseguono nella loro giovane ma proficua gavetta che li portano a vincere il 1° posto all’ “AVIS- Music Contest” di Trani,  il 3° posto al contest di Castel del Monte “l’Altro Villaggio Band Festival”, e non ultimo un meritatissimo 2° posto alla “Notte dei talenti” di Andria. Ad Agosto 2018 si esibiscono al “Corato Music Square” aggiudicandosi la vittoria della prima serata da parte della giuria, colpita dalla loro musica fresca e coinvolgente.

Propria questa caratteristica è quella che ritroviamo nel sound del brano “Fuori dal gregge”, da oggi 12 Aprile in radio. Il singolo trascina con il suo ritmo cadenzato fin dal primo ascolto: l’intro si apre con un giro di accordi rock-blues di chitarra elettrica, che faranno da base a tutto il brano, seguiti dalla batteria e dal basso e dalla voce limpida e fresca di Claudio che ci riporta in un attimo alla bravura di Bennato, grazie alle parole legate in rima poetica e l’uso quasi consequenziale dell’armonica. Il testo è davvero energico e leggero allo stesso tempo, dove si esprime lo spirito anticonformista e di sana protesta tenuto dal gruppo, quello cioè di non seguire il gregge, di non conformarsi a mode, idee, opinioni e modi di fare preconfezionati, e di non cedere alle “eccellenze” intese come autorità di qualsiasi genere. 

Un nuovo “slogan” giovanile, un invito a rompere gli schemi, evadere, uscire “Fuori dal gregge”, in un strappo che porta al valore della diversità e della libertà. 

Nuggets infatti sono “fuori” (nel senso buono del termine) anche dalla logica imperante dei social – media, aspetto che li rende davvero controcorrente, “alternativi” e parecchio simpatici. Il loro look friendly e scansonato, ce li fa amare ancor di più, con quel tocco di fresca leggerezza  e autenticità  tipica dello spirito dei giovani artisti che vivono di sogni e passione.

Grazie alla loro musica e all’esempio che comunicano con i loro testi, ci auguriamo davvero di veder crescere sempre più questo aspetto “alternativo” e di sana ribellione al conformismo anche in molti loro coetanei. 

Contatti e social

http://www.facebook.com/pg/nuggets.official/
http://www.instagram.com/nuggets_band/

Arriva “Semplice”il singolo di Francesca Pirri in uscita oggi 12 Aprile


“Semplice la vita…..semplice l’amore”! Un’esplosione di vitalità e gioia fin dalle prime note, un ritmo  che ti mette subito voglia di ballare, e poi una voce squillante ed energica che si apre quando giunge il ritornello allegro ed orecchiabile  tutto da canticchiare.

Questo è “Semplice”, il nuovo singolo di Francesca Pirri, la cantante ventenne di origini calabresi, che ci trascina in un attimo alla voglia di lasciarsi andare, alla gradevole atmosfera estiva, di aria fresca e fiori colorati, come un inno di gioia alla vita. Sicuramente un brano destinato ad essere il  tormentone della prossima estate. Il singolo è presente nella compilation “Sognando Sanremo 2019”, una raccolta con brani di cantanti big ed emergenti che esce tutti gli anni prima del Festival della canzone Italiana.

Dietro l’ideazione di questo progetto c’è il noto manager e produttore Dino Vitola, che ha pensato di dar voce (è il caso di dirlo) a tutti quegli artisti che non sono riusciti ad entrare in gara, o magari non hanno un’etichetta. Un progetto indipendente molto valido, che Dino ha voluto fortemente, per  consentire a molti giovani artisti di valorizzare il proprio lavoro, creando così un qualcosa di tangibile e forte per dare visibilità nel mercato musicale, portando già alcuni giovani artisti nelle classifiche. “Semplice” è stato inserito come primo brano della compilation, segno evidente della validità che esprime questo pezzo, con la sua visione fresca e tutta da scoprire della vita.

Un po’ come è Francesca:  una giovanissima ragazza piena di energia e voglia di fare, ma anche un’artista che sa dove vuole arrivare e lo vuole fare a modo suo, studiando ed impegnandosi, facendo piccoli ma significativi passi, senza scendere a facili compromessi per raggiungere successi immediati ma falsi.

Fin da piccolissima si accosta alla musica, il suo amore più grande ed unico, complice la sua famiglia, dove sia la mamma che lo zio chitarrista imprimono in lei questo amore verso il mondo delle note. Inizia da giovanissima ad esibirsi in locali e manifestazioni del posto, felice di vedere fin da subito l’interesse e l’affetto del pubblico. Nonostante qualche provino, ed alcune delusioni nel proporsi alla realtà dei talent, Francesca non si perde d’animo e tira fuori il suo carattere di ragazza del sud, forte e tenace, che crede fermamente nella meritocrazia. Intanto cresce ascoltando i suoi idoli sempre con le cuffie in testa, primo fra tutti, Michael Jackson e poi artiste come Sia, Rihanna e Lady Gaga che ama in particolare per la sua capacità di cambiare stile.

Si trasferisce a Napoli e frequenta l’Accademia Musicale, studiando oltre al canto anche pianoforte. Questo passaggio alla grande città le dà una forza inaspettata ed un impatto molto bello e positivo, e riscontra parecchio interesse e curiosità da parte del pubblico presente alle sue esibizioni “live” nei locali della città partenope. Giungendo a Roma ha la fortuna di incontrare proprio Dino Vitola, che la sente cantare e crede subito nelle sue ottime capacità. Con lui instaura un rapporto bellissimo, come padre e figlia e insieme all’autore Angelo Anastasio, altra figura importantissima, Francesca riesce a finalizzare il progetto di  “Semplice” da troppo tempo chiuso in un cassetto.

Dino ed Angelo diventano i suoi punti di riferimento, i suoi tutor speciali, e Francesca prosegue il percorso artistico passo dopo passo, come una meticolosa “operaia della musica”, come lei stessa si definisce. Angelo le insegna a scrivere e preparare i testi in un’ottica di metrica musicale, cercando di spronare Francesca ad essere presto autrice delle sue canzoni.

E lei tutto questo lo vuole raggiungere con lo studio prima di tutto, e con umiltà, una dote personale che ama in modo particolare sia per sé che per gli altri. In attesa dell’uscita del videoclip ufficiale di “Semplice” che ci riserverà delle sorprese, gustiamoci questo brano che già si preannuncia un tormentone estivo!

Baglioni con la laringite: rinviati al 2 e 3 aprile i concerti di Roma

Sono stati rinviati i concerti di Claudio Baglioni previsti per domani, venerdì 29, e sabato 30 marzo al Palalottomatica all’Eur. L’appuntamento è stato spostato per il 2 e 3 aprile. Dietro il posticipo una laringo-faringite del cantautore romano.

I biglietti acquistati per la data di Roma del 29 marzo saranno validi per il concerto del 2 aprile, mentre quelli acquistati per il 30 marzo saranno validi per il concerto del 3 aprile. Per chi volesse richiedere il rimborso dei biglietti acquistati per Roma: se comprati presso un punto vendita è possibile rivolgersi allo stesso entro e non oltre il 10 aprile; se acquistati online sul sito TicketOne o tramite call center con modalità ‘ritiro presso il luogo dell’evento, è possibile scrivere all’indirizzo email: ecomm.customerservice@ticketone.it entro e non oltre il 10 aprile.

Per il rimborso dei biglietti acquistati online sul sito TicketOne o tramite call center con modalità ‘spedizione tramite corriere espresso’, è possibile spedire il biglietto tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, entro e non oltre il 10 aprile (farà fede la data del timbro postale) all’indirizzo: TicketOne S.p.A. – Via Vittor Pisani 19 – 20124 Milano (C.a. Divisione Commercio Elettronico).

GIUSEPPE ANASTASI IN CONCERTO AL LEGEND CLUB DI MILANO IL 18 MARZO 2019

Giuseppe Anastasi,  autore e compositore di alcune tra le più famose hit italiane, da “La notte” di Arisa a “Il diario degli errori” di Michele Bravi, prosegue il Live Tour 2019 “Canzoni ravvicinate del vecchio tipo” facendo tappa il 18 marzo presso uno dei piu’ noti locali di Milano, il Legend Club, Viale Enrico Fermi 98.

In questa data l’artista sarà accompagnato sul palco da Valter Sacripanti (batteria), Antonio Lusi (basso), Elvis Damiano (chitarre) e Cristian Pratofiorito (tastiere).

E’ iniziata, ormai da giorni, l’attesa e la curiosità del pubblico anche per la presenza di due ospiti speciali della serata: il noto cantautore Giovanni Caccamo ed il cantante nonchè grande produttore discografico Mauro Ermanno Giovanardi.

Il concerto comincerà alle ore 21.30. Ad aprire il concerto saranno le splendide Charlotte Ferradini e Nyvinne.

I biglietti sono acquistabili anche su Ticketone al seguente LINK.

Lo spettacolo di Giuseppe Anastasi è incentrato sulle canzoni del suo album “Canzoni ravvicinate del vecchio tipo”, che si compone di 11 brani. Attraverso i suoi testi, l’autore analizza la vita, la società e le persone, riflette sui ritmi meccanici apportati da Internet e dal consumismo, racconta storie realmente vissute ed esprime il legame con la sua terra, la Sicilia, descrivendo la sua perfezione ed imperfezione.

Canzoni ravvicinate del vecchio tipo” è un album “old style”, acustico, suonato in tutte le parti, con poca elettronica che Giuseppe ci ripropone insieme alla sua band dal vivo aggiungendo alcuni brani di successo da lui scritti per Arisa.

Giuseppe Anastasi è autore e compositore, nato a Palermo nel 1976. Nel suo percorso professionale e  artistico, vanta numerose ed importanti collaborazioni. Fra le principali quelle con Mogol, Arisa, Cheope, Noemi, Emma, Anna Tatangelo, Michele Bravi, Tazenda, Mauro Ermanno Giovanardi, Francesco Baccini, Mietta, Alexia, Mauro Pagani, Adriano Pennino, Tony Bungaro, Cesare Chiodo, Mario Lavezzi, Ferdinando Arnò, Federica Abbate, Amara. Nel 2006 è tra i vincitori di Musicultura e nel 2009 vince il suo primo Sanremo Giovani con la canzone “Sincerità”, interpretata dalla cantante Arisa, brano estratto dall’omonimo album scritto interamente dal cantautore siciliano. Nel 2010 partecipa nuovamente a Sanremo con la canzone, interpretata sempre da Arisa,  “Malamorenò”, brano estratto dall’album omonimo di cui Giuseppe è autore e coautore di tutti i testi. Nel 2012 è la volta del suo terzo Sanremo e partecipa con la nota canzone “La notte”, che arriva seconda in classifica. “La notte” è vincitrice di 4 dischi di platino e canzone italiana più venduta del 2012, è estratta dall’album “Amami” dove Giuseppe è autore e coautore di 8 brani, tra i quali “L’amore è un’altra cosa” ed “Il tempo che verrà”; quest’ultima è stata inserita nel film di Ricky TognazziTutta colpa della musica”. Sempre nel 2012 Giuseppe Anastasi scrive insieme all’amico e collega Alfredo Rapetti Mogol (Cheope) il manuale Scrivere una canzone”, edito dalla Zanichelli, e pubblica il brano “Meraviglioso amore mio” canzone inserita nel film Pazze di me” di Fausto Brizzi e vincitrice di due dischi di platino. Nel 2014, alla quarta partecipazione, sempre con Arisa, grazie alla canzone “Controventovince il suo secondo Sanremo.  Il 2016 è l’anno della sua quinta partecipazione e disco d’oro con “Guardando il cielo”. Nel 2017 partecipa per la sesta volta al festival dei fiori con la canzone “Il diario degli errori” scritta c Cheope e Federica Abbate e portata al successo da Michele Bravi. Sempre nel 2017 Giuseppe è autore della canzone “Democrazia” inserita nel film “L’ora legale” di Ficarra e Picone e della canzone “Ho perso il mio amore”, scritta con Cheope e Federica Abbate e inserita nel film “La verità, vi spiego, sull’amore”, e partecipa come autore e produttore tra le nuove proposte con il brano “Insieme”, interpretato da Valeria Farinacci.

www.facebook.com/Giuseppe-Anastasi www.twitter.com/peppeanastas 

Milano, 11 marzo 2019

Ufficio Stampa: Roberta Nardi (dott.ssarobertanardi@gmail.com)

Booking: Jm Production-Manuel Clava (manuel@jmproduction.it) Management /Promo Radio & Tv: Prosincro – Antonio Laino

Bologna:Gli appuntamenti di lunedì 11: White Lies all’Estragon

Unica data italiana per i White Lies, la indie rock band inglese che in 17 anni di carriera ha calcato i palchi dei migliori festival internazionali: quattro gli album pubblicati finora, l’ultimo dei quali “Friends” è uscito nell’ottobre del 2016 entrando subito nella Top20 di molti paesi europei. Special guest della serata Boniface progetto pop solista di Micah Visser.

MENCI-FRABETTI-ANGIULI TRIO
Cantina Bentivoglio, via Mascarella 4/B, ore 22, info 051265416
Pianista tra i più apprezzati della scena jazz internazionale, Nico Menci si è formato tra gli altri con Paolo Fresu e Riccardo Zegna: è uno dei tre pilastri che formano il progetto Melting Bop, con Diego Frabetti alla tromba e Francesco Angiuli al c.basso, ospite fisso del lunedì in Cantina.

FONTANAMIX OMAGGIA ROMITELLI
Teatro dell’ABC, piazza di Porta Castiglione 3, ore 21
E’ dedicato alla poetica visionaria del compositore Fausto Romitelli il concerto del FantanaMIXensemble “En Trance” che la formazione guidata da Francesco La Licata propone a teatro: oltre ai brani del musicista scomparso nel 2004, in programma anche opere di Scelsi, Ligeti, Hendrix, Evangelisti.

INCONTRI

LA TERAPIA DEGLI ALBERI
Libreria Coop Ambasciatori, via Orefici 19, ore 18, ingresso libero
Marco Nieri e Marco Mencagli, esperti di “forest therapy” spiegano i benefici sulla psiche e sulla salute derivanti dal contatto con la natura nel libro “La terapia segreta degli alberi”: lo presentano per il Green Social Festival con l’economista Sandro Serenari e l’architetto Cesare Marzocchi.

COLLOQUI DI LAVORO
Toyota, via Persicetana Vecchia 10, ore 18, ingresso libero
La rassegna letteraria “Colloqui di lavoro” apre la settimana con due libri “Non solo di cose d’amore. Noi, Socrate e la felicità” del giornalista Pietro del Soldà, edito da Marsilio, e “Novelle artigiane” del sociologo napoletano Vincenzo Moretti.

COME FUNZIONA LA MENTE
Biblioteca Natalia Ginzburg, via Genova 10, ore 18, ingresso libero
In occasione della Settimana del Cervello (11-17 marzo), la neuropsicologa Chiara Tesini parla del funzionamento della mente nell’incontro “Positiva…mente”: memoria, attenzione, pensiero, linguaggio, e come proteggerli dallo stress quotidiano sono i temi al centro della conferenza.

E’ ORA DI SVEGLIARSI!
Centro sociale Giorgio Costa, via Azzo Gardino 48, ore 9.33, ingresso libero
“La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca”. “L’arte e la scienza sono libere”. Sono gli articoli 9 e 33 della Costituzione Italiana a partire dai quali Massimo Mezzetti, Matteo Lepore e Antonio Taormina dialogano di cultura nell’assemblea pubblica sulla libertà artistica “9.33. E’ ora di svegliarsi!”, a cura della Slc-Cgil.

LA MISURA DI PIRAZZINI
Libreria Mondadori, via D’Azeglio 34, ore 18, ingresso libero
Una coppia di coniugi francesi in viaggio in Toscana con degli amici è messa in crisi dalla decisione di lei di non salire sul traghetto per l’Elba: parla di viaggi, paure e domande esistenziali il romanzo di Gabriella Pirazzini “La misura” che l’autrice presenta con Isa Grassano.

ANATOMIA DELL’OPPRESSIONE
Biblioteca Italiana delle Donne, via del Piombo 5/7, ore 19, ingresso libero
Ogni capitolo una parte del corpo, soggetta a ingiustizie, violenze e repressioni. L’attivista del gruppo Femen, Inna Shevchenko illustra la sua ricerca “Anatomia dell’oppressione” dedicata al modo in cui le religioni hanno ingabbiato il corpo della donna. Ne parla con Monica Lanfranco e Carlo Flamigni.

EVENTI

STEFANO BERTOLUCCI
Da lunedì, Grand Hotel Majestic, via Indipendenza 8, ingresso libero
Stefano Bertolucci torna nella “Gallery Strada Romana” del Grand Hotel con una nuova serie di scatti dedicati all’ “Ironia della moda”: in mostra le fotografie di uno shooting realizzato sulla collezione di abiti vintage di Alessio Modonesi indossati dalla modella Marika Esposito.

LA TAVOLA PERIODICA
Opificio Golinelli, via Paolo Nanni Costa 14, ore 17.30-19.30, ingresso 5 euro
Una full immersion per grandi e bambini nel mondo della chimica, in occasione dell’Anno Internazionale della Tavola Periodica degli elementi: conferenze, mostre e laboratori sul documento realizzato da Mendeleev nel 1869 che ha rivoluzionato la scienza.

FILASTROCCHE E LIBRI
Biblioteca Salaborsa Ragazzi, piazza Nettuno 3, ore 17, ingresso libero
La settimana della Salaborsa inizia all’insegna dei più piccoli. Sono rivolte ai bambini da 0 a 3 anni le letture proposte dai bibliotecari nell’incontro “Filastrocche e libri”: un’occasione per divertirsi insieme ai bebè con le immagini e le storie tratte dai libri della biblioteca.

REGIONE

MICHELA MURGIA
Ravenna, Biblioteca Classense, ore 18, ingresso libero
Per la rassegna Il Tempo Ritrovato, la scrittrice Michela Murgia presenta il nuovo libro “Noi siamo tempesta. Storie senza eroe che hanno cambiato il mondo”: avventure di ragazzi solitari, amicizie, doti straordinarie che hanno permesso anche ai meno fortunati di farcela nella vita.

GIULIETTA E ROMEO
Cesena, Teatro Bonci, ore 21, ingresso 15-25 euro
Fabrizio Monteverde firma il nuovo essenziale e appassionato allestimento di “Giulietta e Romeo” portato in scena dal Balletto di Roma: spogliato degli elementi storici il lavoro fa leva sui sentimenti e le idee universali che muovono i personaggi e fanno breccia nello spettatore.

DIANA HOBEL
Faenza (RA), Teatro Masini, ore 21, ingresso 10-12 euro
Accompagnata dal pianoforte di Francesco Prode, l’attrice napoletana Diana Hobel – al cinema ne “Il ragazzo invisibile” di Salvatores – evoca le “Voci d’Amore” del passato su composizioni di Claudio Rastelli e di celebri autori del passato; per l’Emilia Romagna Festival

Antonello Venditti al concerto di Roma: “Ieri ho rischiato di morire, salvato con la manovra di Heimlich”

Paura per il cantautore, che lo ha raccontato dal palco Palazzo dello Sport: “Oggi potevo non esserci, un pezzo di carne non scendeva giù”

Venditti festeggia i suoi 70 anni e la festa della donna con un doppio concerto al Palazzo dello Sport dell’Eur, a Roma, “ma ho rischiato non esserci”. È stato lo stesso cantautore a raccontarlo al pubblico nell’avvio del primo dei due show romani: “Ieri sera stavo per morire, un pezzo di carne non scendeva giù e il nostro maestro delle luci Max Tommasino mi ha salvato con la manovra di Heimlich. Ora ho dolore al costato ma sono felice di essere qui con voi”.

“Imparate quella manovra – ha aggiunto Venditti – può salvare delle vite”. Lo ha raccontato in avvio di serata, un live con ospiti Zucchero, Ultimo e Briga, oltre a Symo che ha aperto il concerto con Sora Rosa, il primo brano che Venditti scrisse a 16 anni.

GIULIO WILSON IL 1° MARZO APRIRA’ IL CONCERTO DI FRANCESCO GUCCINI A BRESCIA.

Ci siamo. Domani Giulio Wilson cantautore italiano, vincitore del Premio Lauzi 2018, MEI 2017 e BMA Bologna Musica d’Autore, aprirà il Concerto de I Musici di Francesco Guccini a Brescia.

E’ uscito il 18 gennaio il nuovo album del cantautore Giulio Wilson dal titolo “Futuro Remoto” ed il singolo “Modigliani”.

La tournée 2019 si è aperta il 26 gennaio a Torino. Il nuovo Disco di Giulio Wilson è stato presentato alla Stampa il 27 gennaio a Milano.

Il 6 febbraio Giulio ha suonato al Club Tenco a Sanremo ed in altri locali in concomitanza con i giorni dedicati al noto Festival della canzone italiana.

La prossima data in calendario è appunto il 1° marzo a Brescia per l’apertura de I MUSICI di Francesco Guccini.

L’artista fiorentino, oltre che essere musicista polistrumentista (suona pianoforte, chitarra acustica e sax contralto), è anche enologo e vignaiolo biologico indipendente.

Wilson era il nome di suo nonno che nacque lo stesso giorno in cui l’allora presidente degli Stati Uniti Wilson fece visita in Italia.

Giulio Wilson nasce a Firenze nel 1983. Si trasferisce a Milano all’età di 5 anni, studia a Novara per poi ritornare maggiorenne a vivere a Firenze.

Si laurea in Viticoltura ed Enologia presso la Facoltà di Agraria di Firenze e diventa uno dei produttori importanti di vino in Toscana.

Apre Vivanda, un noto ristorante biologico a Firenze.

Scrive musica e testi per altri artisti, numerose le sue collaborazioni artistiche:

Bobby Solo per il quale scrive e duetta nel brano “dove corre il tempo”;

Roberto Piumini, celebre scrittore con il quale firma alcuni testi;

Vinicio Capossela per il quale ha suonato il sassofono contralto durante il tour 2009;

Enzo Iacchetti, primo produttore di Wilson nel 2016;

Vincitore assoluto del Premio Lauzi 2018, conferisce il premio Enrico Ruggeri.

Vincitore del premio speciale MEI MIGLIOR CANTAUTORE 2017, premio consegnato da Giordano Sangiorgi.

Vincitore di “Materiale Resistente 2.0”, evento promosso da MEI con il brano “MIA BELLA CIAO”, premio consegnato al Teatro Masini di Faenza da Giordano Sangiorgi.

Finalista ad Area Sanremo per due anni consecutivi: nel 2017 e nel 2018.

Finalista a Musicultura 2018 e L’isola Non Trovata 2018.

Vincitore assoluto di BMA Bologna Musica D’autore 2017, premio consegnato da Leopoldo Cavalli. Valter Sacripanti è l’attuale produttore artistico, Antonio Laino il suo manager.

Pubblica “FUTURO REMOTO” primo album interamente scritto da Wilson, prodotto da Fonoprint, ritenuto dagli esperti uno delle migliori produzioni artistiche del 2019.

Da Gennaio è in tour in tutta italia nei teatri e club con JM Production.

Domani, il team di Francesco Guccini a Brescia sarà composto da:

Chitarra e Voce, Flanco Biondini

Piano Tastiere, Vince Tempera

Sax, Antonio Maranvolo

Basso, Pierluigi Mingotti

Batteria, Ivano Zanotti

VENERDI 1 MARZO 2019 – ORE 21,00

CINEMA TEATRO GIARDINO – BRENO

Ufficio stampa: Roberta Nardi – dott.ssarobertanardi@gmail.com

Booking: Manuel Clava per JM PRODUCTION – manuel@jmproduction.it

Ieri Pescara, tra poco direzione Bologna: ecco quali saranno le prossime quattro tappe del mese di febbraio per Giulio Wilson

Ieri, 17 febbraio, il cantautore Giulio Wilson è arrivato al Loft 128 di Spoltore, fresco di pubblicazione dell’album “Futuro remoto”, lanciato dal singolo “Modigliani”.“

Il nuovo Disco di Giulio Wilson è stato presentato alla Stampa il 27 gennaio a Milano presso il Goganga, e subito dopo negli stessi locali il cantauto si è esibilito in un mini showcase.

La tournée 2019 è fitta di appuntamenti ed è un successo assoluto in ogni città. Dopo Torino, Firenze, Prato il 21 febbraio sarà a Bologna – Bravo Caffè, il 22 febbraio a Perugia – Bad King, il 23 febbraio a Verona – The brothers, il 24 febbraio a Vigevano – Pick wick.

Giulio Wilson è un cantautore nato a Firenze, enologo e vignaiolo biologico indipendente. Nasce nel 1983. Nel 2007 si Laurea in Viticoltura ed Enologia presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Firenze. Con Lapo Tardelli fonda la società DALLE NOSTRE MANI snc con la quale produce vini biologici e apre VIVANDA, affermato ristorante di cibi naturali e vini biologici in centro a Firenze. Nel 2009 suona per VINICIO CAPOSSELA il sassofono contralto sul palco del Play Festival ad Arezzo.

Scrive con BOBBY SOLO “Dove corre il tempo”, brano presente nell’album di esordio di Wilson: “Soli nel Midwest”. Firma un contratto con“Immaginazione”, etichetta discografica di Enzo Iacchetti ed esce l’album “SOLI NEL MIDWEST” con la produzione artistica di Eddy Mattei e Federico Biagetti, stretti collaboratori di Zucchero Sugar Fornaciari. Nel 2016 Wilson apre il tour estivo di Bobby Solo in tutta Italia. E’ finalista al premio e festival “Giancarlo Bigazzi”. E’ semifinalista al Festival di Castrocaro 2016. E’ semifinalista al Tour Music Fest 2016. E’ finalista per due anni di seguito ad “Area Sanremo 2016 e 2017” con due brani inediti. Apre la tournée italiana 2017 di BOBBY SOLO. E’ vincitore assoluto di BMA – Bologna Musica d’Autore, con il brano “Mia bella Ciao”. Vince il “premio speciale MEI miglior cantautore 2017. E’vincitore assoluto del premio Lauzi 2018: a consegnare il premio è Enrico Ruggeri.

Mia bella Ciao”, scritta da Wilson, vince al Teatro Masini di Faenza (RA) come miglior canzone di “Materiale Resistente 2.0“, evento promosso da MEI. E’ semifinalista a Musicultura 2018.

Viene intervistato su Tg2 da Bruno Gambacorta (eat parade Rai2 – 2.000.000 di spettatori).

Viene invitato a suonare in sede Rai Bologna per la trasmissione RadioRai “una serata tutta italiana”. Suona con tanti professionisti tra cui: Ronny AgliettiMatteo Giannetti già bassista per Max Gazzè, Andrea BocelliValter Sacripanti già batterista per Loredana Bertè, Nek, Cristicchi.

Numerose le sue collaborazioni live e discografiche: Patti Smith, Casa del Vento, Irene Grandi, Turci, Elisa, Mannoia, Bosso; Tommaso Macelloni e Federico Biagetti (già chitarrista per Zucchero); Giuseppe Scarpato chitarrista e produttore di Edoardo BennatoDavide Verdigris (vocal Coach)

https://it-it.facebook.com/giuliowilson/ 18-02-2019 – hits 2 

CONDIVIDI

Torna indietro

Copyright © 2018 – Cell. 351 – 88 22 128 / Email. info@nellamusica.net

Giulio Wilson è un cantautore nato a Firenze, enologo e vignaiolo biologico indipendente. Nasce nel 1983. Suona per 7 anni come tastierista e compositore nella band “Antisgamo”. Suona per 8 anni il sassofono contralto nel CORPO MUSICALE SEDRIANESE (Mi). Nel 2007 si Laurea in Viticoltura ed Enologia presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Firenze. Suona nei FIATI SPRECATI, banda popolare di strada. Con Lapo Tardelli fonda la società DALLE NOSTRE MANI snc con la quale produce vini biologici e apre VIVANDA, affermato ristorante di cibi naturali e vini biologici in centro a Firenze. Nel 2009 suona per VINICIO CAPOSSELA il sassofono contralto sul palco del Play Festival ad Arezzo. Scrive con BOBBY SOLO “Dove corre il tempo”, brano presente nell’album di esordio di Wilson: “Soli nel Midwest”. Firma un contratto con “Immaginazione”, etichetta discografica di Enzo Iacchetti ed esce l’album “SOLI NEL MIDWEST” con la produzione artistica di Eddy Mattei e Federico Biagetti, stretti collaboratori di Zucchero Sugar Fornaciari. Nel 2016 Wilson apre il tour estivo di Bobby Solo in tutta Italia. E’ finalista al premio e festival “Giancarlo Bigazzi”. E’ semifinalista al Festival di Castrocaro 2016. E’ semifinalista al Tour Music Fest 2016. E’ finalista per due anni di seguito ad “Area Sanremo 2016 e 2017” con due brani inediti. Apre la tournée italiana 2017 di BOBBY SOLO. E’ vincitore assoluto di BMA – Bologna Musica d’Autore, con il brano “Mia bella Ciao”. Vince il “premio speciale MEI miglior cantautore 2017. E’vincitore assoluto del premio Lauzi 2018: a consegnare il premio è Enrico Ruggeri.

Mia bella Ciao”, scritta da Wilson, vince al Teatro Masini di Faenza (RA) come miglior canzone di “Materiale Resistente 2.0“, evento promosso da MEI. E’ semifinalista a Musicultura 2018.

Viene intervistato su Tg2 da Bruno Gambacorta (eat parade Rai2 – 2.000.000 di spettatori).

Viene invitato a suonare in sede Rai Bologna per la trasmissione RadioRai “una serata tutta italiana”. Suona con tanti professionisti tra cui: Ronny Aglietti e Matteo Giannetti già bassista per Max Gazzè, Andrea Bocelli; Valter Sacripanti già batterista per Loredana Bertè, Nek, Cristicchi.

Numerose le sue collaborazioni live e discografiche: Patti Smith, Casa del Vento, Irene Grandi, Turci, Elisa, Mannoia, Bosso; Tommaso Macelloni e Federico Biagetti (già chitarrista per Zucchero); Giuseppe Scarpato chitarrista e produttore di Edoardo Bennato; Davide Verdigris (vocal Coach)

https://it-it.facebook.com/giuliowilson/

Milano, 16 febbraio 2019

Ufficio stampa: Roberta Nardi – dott.ssarobertanardi@gmail.com

Booking: Manuel Clava per JM PRODUCTION – manuel@jmproduction.it

Management: Antonio Laino per Prosincro – antonio@prosincro.com +39 3356821192