Il baccalà è uno dei protagonisti indiscussi delle tavole natalizie. Tanti sono i modi in cui viene servito, fritto, mantecato, a vapore, l’importante è che ci sia. Un’altra valida alternativa è quello cucinato alla vicentina che, in realtà, sarebbe il merluzzo nel resto d’Italia. Potete utilizzare uno dei due pesci, il risultato sarà sempre incredibile: morbidezza e tanto gusto grazie alla combo di ingredienti. Infatti, viene utilizzato il latte e, molto spesso, viene accompagnato dalla polenta. Provatelo e non vi pentirete!

Baccalà alla vicentina, Ingredienti per circa 8 persone

  • 600 g di baccalà dissalato o merluzzo
  • 250 g di cipolle
  • 250g di latte
  • 30 g di parmigiano grattugiato
  • 4 alici sarde sotto sale
  • olio evo, aglio, prezzemolo, sale e pepe q.b.

Preparazione

Per prima cosa, togliete le lische e pulite per bene il baccalà e poi tagliatelo a tranci abbastanza larghi. Passate poi al soffritto. Dunque, tagliate finemente le cipolle e fatele cuocere in padella con un po’ d’olio evo. Dopo un po’ aggiungete anche le alice sarde private delle lische e il prezzemolo e cuocete amalgamando il tutto.

Nel mentre, infarinate i tranci di baccalà e metteteli nella padella del soffritto e fate rosolare per qualche minuto. Dopodiché aggiungete anche il latte, 200 g d’olio evo, parmigiano grattugiato, sale e pepe. Coprite con il coperchio la padella e fate cuocere a fuoco lento per circa 3-4 ore. Intanto, se preferite accompagnarlo con la polenta, iniziate a prepararla.

Quando tutto sarà pronto, preparate ogni piatto adagiandovi la polenta come se fosse un letto sul quale riporre i tranci di baccalà col sughetto. Se, invece, preferite la polenta in pezzi, quindi freddata, impiattate con i tranci di baccalà e di fianco metterete i pezzi di polenta con delle bruschette o con dei crostini. Infine, prima di servire, fate una spolverata di prezzemolo e pepe.

Leggi anche: Baccalà mantecato, l’antipasto perfetto per il cenone di Natale. Spumoso, leggero e buonissimo

Baccalà alla vicentina