Visite Articolo:
56

Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO

Via di Sant’Apollinare, 8

00186 ROMA

TEL: 06 6873712- 06 6873713

e-mail: comm.unesco@esteri.it

Al presidente del Consiglio direttivo della Commissiona nazionale per l’Unesco

Dott. Franco Bernabè

Al Segretario Generale

Min. Plen. Dott. Enrico Vicenti

Al rappresentante permanente d’Italia presso l’Unesco

Amb. Massimo Riccardo

Spett.le Comitato Unesco Italia,

la segreteria di Matera del Partito Democratico intende informare codesto ente in merito ai lavori alquanto discutibili che si stanno svolgendo in queste ore sul territorio dell’altopiano murgico facente parte del Parco Regionale Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano, più semplicemente detto Parco della Murgia Materana, che con i Sassi nel 1993 venne inserita nell’elenco del patrimonio mondiale dell’Umanità dell’Unesco con la seguente motivazione: “La città e il Parco sono un notevole esempio di insediamento umano e di uso del territorio tradizionali che mostrano l’evoluzione di una cultura che ha mantenuto nel tempo relazioni armoniose con l’ambiente naturale”.

Questi brevemente i fatti con l’auspicio di poterli descrivere in maniera più approfondita in un incontro con codesto ente . Il 17 ottobre del 2014, dopo circa cinque anni di intenso lavoro nella comunità, Matera guadagnò il titolo di Capitale europea della cultura per il 2019. A seguito di questo importante traguardo raggiunto, al Comune di Matera furono assegnati con vari provvedimenti dello Stato circa 80 milioni di euro per la realizzazione di interventi nei Sassi, per l’attuazione del programma culturale e per alcune infrastrutture e con una serie di progetti coerenti con il programma di sviluppo culturale della città. Nel 2016 il Comune di Matera, in accordo con il Governo nazionale, trasferì parte di quelle risorse (oltre 30 milioni di euro) a Invitalia con l’obiettivo di velocizzare la realizzazione e il completamento degli interventi prima del 2019.

Per parte nostra abbiamo sempre espresso contrarietà a quel tipo di intervento sollevando più di un dubbio sull’idea che il Comune, così come la Soprintendenza, l’Ente Parco della Murgia e gli altri Enti territoriali, non potessero intervenire autonomamente sul progetto. Dal momento in cui i fondi sono stati trasmessi a Invitalia, il Comune e tutti gli altri enti competenti sono stati esclusi da ogni scelta progettuale. I risultati oggi sono sotto gli occhi di tutti. Mezzi di grandi dimensioni e cemento stanno devastando e potrebbero continuare a rovinare in modo irreparabile questo pezzo di patrimonio mondiale dell’umanità stravolgendo dopo migliaia di anni antichissime testimonianze storiche.

Nascondersi dietro spietate e immodificabili procedure di appalto non giova alla discussione e alla risoluzione delle perplessità denunciate dalle associazioni, le stesse perplessità che il Partito Democratico aveva espresso già nel 2016. Al Sindaco di Matera Bennardi abbiamo nei giorni scorsi chiesto un deciso intervento sui lavori a Murgia Timone almeno per attenuare gli effetti che i lavori curati da Invitalia stanno avendo sul Parco delle chiese rupestri del Materano. All’Unesco, in quanto autorevole istituzione, chiediamo di intervenire con urgenza per ridurre al massimo i lavori impattanti che rischiano, per le loro devastanti conseguenze, di compromettere le pratiche decennali di rispetto e conservazione del patrimonio con conseguenze pesantissime per l’intera comunità. Si chiede quindi di intervenire e verificare quello che sta succedendo sull’altopiano della Murgia. Nel frattempo ci rendiamo disponibili a un confronto urgente con l’Unesco per riportare in modo più approfondito le nostre preoccupazioni, quelle di tante associazioni ambientaliste e di tantissimi cittadini che si sentono impotenti e mortificati di fronte a quanto sta avvenendo.

Cordiali saluti

Segretario coordinatore Circolo PD Matera

Luigi Gravela