Visite Articolo:
85

Sostegno a famiglie e  imprese per far fronte al caro energia è uno degli obiettivi centrali della prossima manovra economica, la prima del governo di Giorgia Meloni.

Gli uffici del Tesoro in questi giorni stanno lavorando alla Nota di aggiornamento al documento di economia e finanza che dovrebbe essere presentata in Consiglio dei ministri entro il 4 novembre. Il documento sarà la cornice entro la quale verra’ disegnata la prossima legge di bilancio.

Manca ancora una cifra importante, il dato del Pil italiano del terzo trimestre, che l’Istat renderà noto lunedì mattina. Poi il quadro sarà pronto. Una volta approvata la Nadef, la palla tornera’ agli uffici governativi che metteranno a punto il decreto e relativi collegati.

Secondo quanto trapela da fonti vicine al dossier, il governo dovrebbe destinare il 75% delle risorse a disposizione per aiuti contro il caro bollette. Il 25% invece spetterà al capitoli fisco e pensioni, a partire da flat tax e rivalutazioni. Il governo punta a creare condizioni per favorire la competitività delle imprese ed il recupero del potere di acqusito dei cittadini.

Tra le altre misure, sarebbe allo studio un meccanismo per incentivare la permanenza al lavoro per gli over 63 con un sistema di sgravi contributivi a favore del lavoratore. 

Il nodo, però, resta sempre lo stesso, come reperire le risorse. Potrebbe avere luogo uno scostamento di bilancio: fino a 21 miliardi di euro potrebbero arrivare dall’aumento del deficit programmato fino al 4,5% rispetto al Pil nel 2023, immaginando una crescita dello 0,6%. Ovvero uno scostamento dell’1,1% rispetto al 3,4% tendenziale.

Fonte: Agi