LEGGI ANCHE—> Calamari alla pizzaiola, il secondo estivo velocissimo e goloso. Più saporiti dei fritti con i segreti della tradizione napoletana

La prima cosa da fare per cucinare i vostri anelli gratinati è pulire e lavare l’ingrediente principale: i calamari. Staccate la testa dalla sacca, eliminate gli occhi e le interiore. Eliminate anche la pelle dalla sacca. Sciacquate più volte per essere sicuri di rimuovere tutti i residui. Tagliate le ali e mettetele da parte. Tagliate a pezzi anche i tentacoli. La sacca deve essere tagliata in modo da formare gli anelli. Risciacquate il tutto un’altra volta. Adesso siete pronti per la preparazione vera e propria.

In una ciotola unite pangrattato, parmigiano, aglio e prezzemolo tritati finemente, la scorza di un limone grattugiata, sale e pepe. Mischiate bene il tutto e mettete da parte. In un’altra ciotola mettete un po’ di olio extravergine di oliva. Preparate adesso la teglia antiaderente che userete per la cottura. Gli anelli di calamari dovranno essere immersi prima nel composto di pangrattato, poi nell’olio, per poi essere adagiati sulla teglia da forno. Fate attenzione a non sovrapporli. Devono cuocere per 15 minuti a 180 gradi ed essere serviti ben caldi.