Visite Articolo:
124

Si è tenuta nella sala consiliare del comune di Scanzano Jonico la 44° assemblea Fidas Basilicata. Prima degli adempimenti associativi ad aprire i saluti Domenico Sarubbi presidente della sezione Give Life Scanzano Jonico che ha assunto l’incarico di presidente dell’assemblea, a seguire il capitano dei Carabinieri della compagnia di Policoro Roberto Rampino, la consigliera comunale Enza Natale, Piero Marrese presidente della Provincia di Matera, Antonio Bronzino presidente CSV Basilicata, Angela Granata presidente Unicef Basilicata, il messaggio di saluto della presidente regionale Avis Sara De Feius. Tra i primi interventi Paolo Ettorre, coordinatore del collegio Probiviri Fidas Nazionale,

Giuseppe Comanda coordinatore della conferenza dei Presidenti , Mirko De Palma responsabile Fidas Giovani, e i saluti giunti al tavolo della presidenza i saluti di Rosita Orlandi vice presidente nazionale Fidas: “ i risultati raggiunti dalla Fidas Basilicata costituiscono una ricchezza per la Fidas, non solo in termini numerici , ma in termini di espansione sul territorio, di capacità di visione, di ricerca e innovazione” . “ Un ringraziamento a tutti i donatori sangue della Basilicata che attraverso i delegati “ ha così esordito Pancrazio Toscano prima di leggere la sua relazione “ hanno ancora una volta dimostrato un gesto di generosità oltre il dono, esprimendo la volontà, per i prossimi giorni, di mettere

in campo azioni concrete di aiuto alle popolazioni dell’Emilia Romagna colpita dall’alluvione”. Le donazioni hanno fatto registrare un leggero incremento del 1,62 % sul totale delle raccolte. In particolare, le unità di sangue raccolte sono state 6178 di cui 5312 in raccolta associativa e 866 nei centri trasfusionali contro le 5943 unità dello scorso anno mentre le procedure di aferesi sono state 1557 di cui 1436 in raccolta associativa e 121 nei centri trasfusionali. L’attenta programmazione delle giornate di raccolta, circa 330, e la prenotazione delle presenze nelle diverse fasce orarie al fine di evitare assembramenti, introdotta nel periodo pandemico, hanno contribuito ad ottenere anche tale risultato.

Apprezzamento e ringraziamento a tutti i presidenti e loro collaboratori che con grande spirito di generosità e sacrificio hanno accolto i donatori e predisposto il tutto affinché lo svolgimento delle raccolte avvenisse nella massima sicurezza. Analogo ringraziamento va rivolto a tutto il personale medico ed infermieristico i quali, con grande professionalità, hanno saputo gestire, nel migliore dei modi, tutte le situazioni che si sono presentante, dando il massimo supporto e collaborazione. I donatori iscritti sono stati 9840 suddivisi in 6170 uomini e 3670

donne; i nuovi iscritti nell’anno sono stati 734, suddivisi in 434 uomini e 300 donne; i donatori periodici sono stati 7633, suddivisi in 4770 uomini e 2863 donne; i donatori che hanno donato una sola volta nell’anno 2022 sono stati 2419, suddivisi in 1475 uomini e 962 donne; i donatori giovani iscritti sono stati 1538, suddivisi in 950 uomini e 588 donne”. Approvato anche il bilancio Fidas dopo la presentazione fatta, ai cento delegati , dalla commercialista Antonella Di Muro e dal segretario amministrativo Fidas Raffaele Marasco. Toscano ha poi

continuato tracciando alcuni momenti importanti vissuti nel 2022 per la promozione del dono del sangue : il Triangolare di calcio tra La Nazionale Attori 1971, la Fidas Basilicata e ANCRI, Il contributo erogato all’UNICEF per le popolazioni dell’Ucraina, la manifestazione di consegna delle benemerenze ai donatori uomini che hanno raggiunto le 60 donazioni . Per il futuro della Fidas Toscano ha concluso: “la prossima assemblea sarà quella elettiva dove verrà scelto il prossimo direttivo che dovrà guidare l’associazione e gestire tutte le modifiche strutturali che stiamo portando avanti. Gli impegni sono estremamente onerosi, pertanto occorre che ci sia una consapevolezza di ciò nel

momento in cui ognuno si propone o viene proposto e soprattutto deve essere convinto e disponibile a dare un apportato responsabile, professionale e soprattutto continuo. Con questo auspicio si potranno risolvere tutte le questioni che si presenteranno. Ritengo doveroso rivolgere un sentito ringraziamento ai collaboratori, a tutti i dirigenti Fidas per la continua fiducia dimostrata sempre”.