Sicurezza e Ambiente S.p.A. società che svolgere il servizio integrato post incidente

l servizio nazionale integrato post incidente, nella formula zero costi per gli Enti e i cittadini, nasce nei primi anni del 2000, dall’idea di Angelo Cacciotti, Direttore Generale di Sicurezza e Ambiente S.p.A. Sino ad allora, in concomitanza dell’evento incidente stradale, le preoccupazioni di tutti erano focalizzate, giustamente, al soccorso delle persone, poi delle autovetture, ma nessuno aveva pensato all’importanza di cristallizzare ed informatizzare il teatro dell’incidente e soccorrere la strada. Infatti, al verificarsi di incidenti stradali viene in rilievo la duplice esigenza:

  • cristallizzare le condizioni e lo stato del teatro del sinistro al fine di scongiurare frodi assicurative;
  • ripristinare lo status quo ante della strada compromessa per assolvere agli obblighi prescritti dalla Legge, specie in materia di sicurezza stradale e di tutela dell’ambiente.

Oggi Sicurezza e Ambiente S.p.A. è l’unica società a svolgere il servizio integrato post incidente, il suo primato è sinonimo di qualità e professionalità, ottenute nel tempo e consolidate mediante numerosi investimenti in ricerca, innovazione e formazione.

Al verificarsi di un incidente stradale, attraverso segnalazione al numero verde 800.014.014, l’operatore di Sicurezza e Ambiente S.p.A. giunge con immediatezza sul luogo dell’incidente, per acquisire i dati funzionali alla regolare e celere istruzione delle posizioni coinvolte e per procedere alla pulitura/bonifica della strada. Le strutture operative sono collocate strategicamente sull’intero territorio nazionale per garantire la copertura capillare e tempestiva.

Le strumentazioni ed i mezzi utilizzati da Sicurezza e Ambiente S.p.A. sono stati appositamente ideati e brevettati per lo svolgimento performante del servizio di ripristino. La potenza risolutiva è coniugata alla sicurezza dei lavoratori su strada (D.Lgs. n. 81/2008) anche grazie all’ideazione del modulo polifunzionale Genius, alimentato con motore oleodinamico, che garantisce il totale impatto zero in ogni sua operazione:

  1. applicazione ad elevata pressione di tensioattivo e disinquinanti biologici,
  2. detersione (anche con l’utilizzo di acqua calda),
  3. aspirazione,
  4. asciugatura.

… genio, passione e dedizione sono gli strumenti del nostro lavoro ..All’incontro con la stampa hanno preso parte il Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, l’Assessore alla Mobilità Luca Cascone e Angelo Cacciotti, Direttore Generale di Sicurezza e Ambiente la società  aggiudicataria del servizio del quale è stata anche fornita una simulazione pratica, a latere della conferenza stampa, in Piazza Amendola.

A partire dal 1 novembre 2011, al verificarsi di un incidente stradale:
–  le Forze dell’Ordine presenti sul territorio chiamano la Centrale Operativa di Sicurezza e Ambiente S.p.A. al numero verde 800.014.014;
–  la Centrale Operativa attiva con solerzia il Centro Logistico Operativo competente territorialmente;
–  il Centro Logistico Operativo giunge (entro 30 minuti) sul posto ed esegue tutte le operazioni necessarie al ripristino dello status quo ante e alla fluida e sicura circolazione.

Con Sicurezza e Ambiente S.p.A., si intende attivare anche il “Progetto trasparenza” che prevede che alla segnalazione del sinistro alla Centrale operativa di “Sicurezza e Ambiente S.p.A.” venga immediatamente attivato un operatore che a bordo di un “motociclo polifunzionale”, appositamente attrezzato raggiunga il luogo dell’incidente in tempi rapidi e in totale sicurezza propria e del traffico sopraggiungente, per eseguire la puntuale rilevazione dei seguenti dati:
–  collocazione temporale e spaziale dell’evento infortunistico (data, ora, luogo);
– targa dei veicoli coinvolti;
– denominazione delle rispettive Compagnie di assicurazione;
–  ripresa fotografica dei danni alle strutture/infrastrutture e all’ambiente;
–  numero delle persone presenti in ciascun veicolo nel momento del sinistro;
–  rilievo fotografico dei danni ai veicoli, con dettaglio sui particolari;
–  presenza o meno di testimoni;
–  attivazione o meno dell’air-bag;
elementi questi indispensabili per la corretta ricostruzione della realtà dell’evento infortunistico e della conseguente valutazione del risarcimento.

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.