Scandalo patenti facili di Frosinone, sette anni all’ex direttore Scaccia

Spread the love

La sede della Motorizzazione di Frosinone
Prime, severe condanne, nell’ambito del processo per le «patenti facili». La condanna maggiore è stata inflitta all’ingegnere della Motorizzazione civile di Frosinone, Roberto Scaccia di Frosinone, cui sono stati inflitti 7 anni e mezzo di carcere (con il rito abbreviato). Destino diverso, invece, per Donato Ferraro di Marcianise, ma residente a Cassino e titolare di alcune agenzie. Quest’ultimo sarebbe il fulcro di tutta la presunta associazione per delinquere. Non a caso il Gip sottolinea come sia «il fulcro, organizzatore e punto di riferimento dell’associazione a delinquere e di tutti i reati perpetrati».
Ebbene, nonostante ci fosse stato un accordo preventivo con la Procura per patteggiare la condanna a 3 anni e mezzo, all’ultimo momento Donato Ferraro ha deciso di rinunciare al patteggiamento per seguire l’iter del processo ordinario. Così è stato rinviato a giudizio e la prima udienza si terrà tra un mese. Secondo la Procura erano loro due i personaggi-chiave del sodalizio attraverso il quale si riusciva a «bypassare le ordinare modalità di esame per il rilascio della patente».
Un sistema che prevedeva il superamento dell’esame teorico grazie a soggetti che, nella stesura della prova, si sostituivano ai reali candidati (soprattutto stranieri egiziani, pakistani, marocchini e cinesi che non sapevano nemmeno leggere le domande in italiano) che pagavano fino a 4 mila euro per «essere sostituiti» ed avere, dunque, la patente. In alcune occasioni, gli associati non disdegnavano anche favori sessuali elargiti, come prezzo aggiuntivo, dalle candidate-clienti o perfino dalle consorti dei clienti uomini. Ecco perchè i reati contestati a vario titolo alle persone coinvolte sono: corruzione, falso, sostituzione di persona, frode informatica, accesso abusivo a sistema informatico e in un caso induzione indebita a dare o promettere utilità. Con le condanne di ieri invece, il processo ha esaminato le posizioni di maggior rilievo (quelle di Scaccia e Ferraro, appunto).
Sempre ieri, nella stessa udienza, il Gip Troiano ha inflitto, con il patteggiamento, 3 anni e mezzo a Domenico Fratarcangeli che comunque è stato rimesso in libertà (come chiesto dal suo avvocato Giampiero Vellucci); tre anni a Tiziana Saginario; due anni a Donato Ferraro di Salvatore (cugino ed omonimo del presunto fulcro dell’organizzazione). Un anno e cinque mesi, infine, a Giuseppe Ferraro, Salvatore Ferraro, Francesco Iadicicco e Rosario Gaglione. Le ultime 5 posizioni saranno giudicate, con rito ordinario, tra un mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.