Visite Articolo:
7

Gli operatori sanitari privati accreditati presso la Regione Basilicata riprenderanno ad erogare le loro prestazione da domani: è il risultato dell’incontro che i loro rappresentanti hanno avuto oggi, a Potenza, con il presidente della Regione, Vito Bardi, l’assessore alla salute, Francesco Fanelli, e i dirigenti del dipartimento. In una nota diffusa dall’ufficio stampa della giunta, Fanelli, nel sottolineare che saranno fatte verifiche sul bilancio regionale per pagare le prestazioni degli ultimi tre mesi del 2022.

Bardi ha detto che “per il 2023 il nostro obiettivo sarà pagare il budget alle strutture con cadenza mensile, per evitare quello che in Basilicata accade da sempre. Questo è il cambiamento. Dall’altra parte – ha aggiunto – vi saranno più trasparenza e più controlli”.

“Mi auguro – ha continuato il presidente della Regione – ci sia da parte di tutti la consapevolezza che si debba remare nella stessa direzione e quindi riprendere le attività. Dobbiamo curare i pazienti lucani, il resto non è oggetto di discussione”. In vista di altri incontri con i rappresentanti della sanità privata e della “prossima programmazione” – ha spiegato il direttore generale della direzione per la salute, Francesco Bortolan – “saranno istituiti “tavoli tecnici di confronto attivo costituiti dai rappresentanti delle associazioni di categoria con i quali saranno condivisi i programmi, le azioni e saranno integrati con i suggerimenti provenienti da tutte le parti coinvolte affinché situazioni analoghe a quelle attuali possano essere scongiurate e si possa lavorare in un clima di piena serenità e nell’interesse dei pazienti”