Ostia, notte di messe nere in pineta Rubato il mosaico della Villa di Plinio

Spread the love

Tracce di altari e di pratiche esoteriche nell’area vietata. Rubati pezzi di mosaici nel verde di Castel Fusano. Le cerimonie in occasione dell’equinozio di autunno: trovati cataste di legno e fogli votivi con richieste di aiuto e prestazioni magiche

Sassi allineati con fogli votivi incastrati fra le pietre (foto V. Costantini)Sassi allineati con fogli votivi incastrati fra le pietre (foto V. Costantini)
shadow

Nella pineta proibita di Ostia si celebrano riti occulti e misteriosi. Piccoli altari di legna, file di pietre con fogli votivi e scritte impresse nella terra, sono i resti delle pratiche esoteriche rinvenuti tra gli alberi della Villa di Plinio, suggestivo sito archeologico custodito nel verde di Castel Fusano. Il fuoco che ha devastato a luglio il parco romano – in parte ancora vietato ai cittadini – non sembra fermare sette e spiritisti. Già in estate le prime scoperte da parte dei volontari della protezione civile: da sempre, del resto, la Pineta è meta di incontri satanisti e messe nere, perché considerata luogo magico e sovrannaturale.

Lo scorso venerdì notte, in coincidenza con l’equinozio di autunno, l’immancabile «visita» degli amanti del paranormale: la data sarebbe propiziatoria per invocazioni e rituali. A ridosso della Villa sono comparsi diversi segni del passaggio dei presunti occultisti. Inutili ovviamente recinzioni (tutte divelte) o divieti, anche in pieno giorno lo splendido sito è visitato da famigliole e sportivi. In una delle stanze di quella che fu la casa sul mare di Plinio il giovane (chiamata Villa della Palombara), si notavano tre cataste di legno a formare gli altari per le cerimonie. Lungo il muretto perimetrale della Villa, le pietre allineate che custodivano fogli votivi, poi volati via ma visionati dai volontari: avevano impressi passaggi biblici, come richieste di aiuto o prestazioni magiche.

Un rituale, dicono i testi esoterici, utile come «tecnica di sigillo» per il voto alla divinità. Cerimonie tipiche di culti pagani o di sedicenti maghe, più che di sette sataniche. Ritrovati anche rami segnati da quello che dovrebbe somigliare a sangue, in realtà semplice vernice rossa. Forse resti di finti sacrifici. Nella Villa violata e incustodita non mancano nemmeno i furti: rubato il mosaico secolare all’ingresso. Rubato pezzo per pezzo e solo nelle ultime settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.