Maico di Orte, nessun pagamento degli arretrati: tutto rinviato a domani

Spread the love
I lavoratori della Maico di Orte
di Federica Lupino
Ancora un rinvio per la azienda di prefabbricati Maico di Orte (Viterbo). Nessuna traccia dei pagamenti che i 50 dipendenti attendevano per oggi, tutto rimandato a domani. Le richieste avanzate da Fillea-Cgil, Filca-Cisl, Feneal-Uil all’azienda durante la riunione all’Ispettorato del lavoro riguardavano il saldo della mensilità di luglio e il pagamento di agosto, oltre alla prima tranche del tfr e dei fondi pensionistici mai versati. Queste erano le condizioni poste per rivedersi mercoledì e valutare l’interruzione dello sciopero che va avanti da inizio agosto. Ma dei soldi nemmeno l’ombra.

I lavoratori hanno quindi contattato il direttore generale nonché socio dell’impresa che produce prefabbricati in cemento. Il nuovo impegno è a presentarsi domani ai dipendenti con assegni circolari per coprire gli stipendi. Se così sarà, i sindacati valuteranno mercoledì – in occasione della nuova riunione – se tornare al lavoro all’indomani. Resta da capire pure a che punto sia la fideiussione a coronamento dell’acquisto del remo di azienda dalla ex Edilgori.

Intanto, la luce elettrica staccata nei giorni scorsi per mancati pagamenti è stata riallacciata: i titolari hanno ottenuto la rateizzazione delle bollette arretrate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.