Impone l’acquisto di magliette inutili a nome del clan: preso taglieggiatore

Spread the love

L’estorsione in un cantiere all’Arenella. Francesco Mazzocchi, 45enne di Poggioreale, denunciato da un imprenditore

NAPOLI. I carabinieri dell’aliquota operativa  della compagnia Stella hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare per tentate estorsioni e per estorsione aggravate da finalità mafiose emessa dal gip di Napoli su richiesta della Dda partenopea a carico di Francesco Mazzocchi, un 45enne di Poggioreale già noto per reati specifici.
Negli ultimi 3 mesi, sicuro che nessuno lo avrebbe denunciato, si era presentato a volto scoperto e alla guida del suo scooter per ben 3 volte in un cantiere per la ristrutturazione e  manutenzione di un condominio del quartiere Arenella. Le prime due volte gli era andata male: il titolare non era presente.
La terza volta, invece, aveva trovato il professionista e lo aveva costretto a consegnare 100 euro per alcune magliette di scarsa fattura e qualità e di taglia spropositata in relazione alla corporatura degli operai, acquisto che aveva imposto al malcapitato presentandosi come emissario del clan operante sulla zona.
I carabinieri lo hanno localizzato a Scampia e dopo averlo tratto in arresto lo hanno condotto al centro penitenziario di Secondigliano. Gli investigatori ritengono che il 45enne possa essere l’autore di simili epidosi in città, continuano le indagini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.