FROSINONE – SCOMPARSA DI MARINA ARDUINI, DALLA BANCA DATI DEI CADAVERI FORSE LE RISPOSTE

Spread the love

Frosinone – Scomparsa di Marina Arduini, dalla banca dati dei cadaveri forse le risposte

Forse dalla banca dati dei cadaveri si potrebbero avere quelle risposte che si attendono da dieci anni circa la scomparsa di  Marina Arduini, la  commercialista di 39 anni uscita da casa nel febbraio del 2007 senza mai più farne ritorno. Dopo l’opposizione all’archiviazione da parte dell’avvocato Gennaro Gadaleta il prossimo 10 novembre il giudice dovrà decidere se archiviare il caso o se invece in base agli elementi acquisiti disporre l’imputazione coatta per  l’unico indagato, l’imprenditore 50enne di Alatri ritenuto l’amante della commercialista di Frosinone. Tornando alla banca dati dei cadaveri il legale Gadaleta punta al ritrovamento del corpo. Accedendo a questo elenco si potrebbero fare delle comparazioni che potrebbero portare a delle risposte. <Dieci anni fa – avrebbe riferito il legale – non non esisteva una banca dati del genere oggi invece vi si può accedere. Così come l’elenco dei cadaveri non identificati. Quindi bisogna puntare le ricerche in questa direzione>. II giorno della sua scomparsa Marina Arduini aveva detto ai  genitori di aver subito un furto nel suo ufficio e che sarebbe andata in questura per presentare denuncia, ma in questura la commercialista non sarebbe mai arrivata. Gli investigatori subito dopo la scomparsa iniziarono ad indagare per accertare se quella sparizione poteva avere un nesso con quella denuncia mai presentata. Secondo l’avvocato Gadaleta c’era stato una sorta di incastro con il mondo del lavoro di Marina Arduini e la sua vita sentimentale. Per questo motivo aveva chiesto ulteriori atti di indagine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.