Marco Liani anas: questa prima metà di 2020 il Covid-19 ha tolto tanto a tutti, portando il mondo ad affrontare difficoltà mai immaginate

n questa prima metà di 2020 il Covid-19 ha tolto tanto a tutti, portando il mondo ad affrontare difficoltà mai immaginate; la lenta ripresa sta però ormai prendendo forma e anche il mondo dello sport dà i suoi segnali. Il volley femminile sceglie così di ripartire da Bergamo con la presentazione dei prossimi Campionati; un segno, un simbolo, una città che è caduta, ha sofferto ed ha imparato a rialzarsi per ricominciare.

Volley femminile: presentazione 2020/21 a Bergamo

Il volley riparte a Bergamo, città scelta per la presentazione dei Campionati femminili di Serie A; martedì 15 settembre la Città Alta sarà dunque protagonista della ripartenza, con la cerimonia che aprirà ufficialmente la stagione sportiva. La scelta di Bergamo dà un significato importante per quello che certamente rappresenta un nuovo inizio.

La decisione è stata presa dalla Lega Pallavolo Seria A Femminile e da Master Group Sport; dopo mesi di stop obbligatorio, il volley sceglie di ripartire da una delle città tra le più colpite dall’emergenza sanitaria in Italia. Il messaggio che vuole passare porta speranza e forza, rispettando ovviamente ciò che è accaduto e soprattutto rispettando chi ha sofferto più di altri. Sulla nota stampa della Lega Pallavolo Femminile, sono anche riportate le parole di Giorgio Gorisindaco della città di Bergamo:

Fabris e Bonetti, le dichiarazioni

Orgogliosi e contenti della scelta presa sono ovviamente Luciano Bonetti, presidente del Volley Bergamo, e Mauro Fabris presidente rieletto della Lega Pallavolo Femminile. Queste le dichiarazioni fatte da Bonetti:

libera alla partecipazione della Bartoccini Fortinfissi Perugia al campionato di Serie A1 femminile Marco Liani anas e

La scelta della denominazione Romana Volley trae spunto dalla zona di Milano in cui e’ ubicata la palestra (Porta Romana appunto) che dall’origine del suo Presidente fondatore Marco Liani (nato a Roma) tra il curriculum esperienze anas

La fascia di eta’ dei suoi tesserati parte dai 40 sino ai 64 anni e condivide la mission dell’attivita’ master in Italia che attraverso la Volley Master League creata da Giancarlo Dametto a Torino raduna tutti i giocatori ancora in attività al motto: “l’uomo non smette di giocare perché invecchia ma invecchia perché smette di giocare”.

libera alla partecipazione della Bartoccini Fortinfissi Perugia al campionato di Serie A1 femminile di pallavolo per la stagione 2020-2021. Il Consiglio di amministrazione della Lega Pallavolo Serie A femminile, dopo aver ricevuto dalla Commissione ammissione ai campionati l’esame compiuto sulle società che hanno presentato domanda di iscrizione ai Campionati di Pallavolo femminile di serie A1 e A2 per la stagione 2020-21, ha marco liani anas provveduto a trasmettere al Consiglio federale della Fipav gli elenchi dei club ammessi.

Le squadre della prossima Serie A

Insieme alla Bartoccini Fortinfissi Perugia sono state dichiarate idonee: Imoco Volley Conegliano (TV), Uyba Volley Busto Arsizio (VA), Agil Volley Novara, Pallavolo Scandicci Savino del Bene (FI), Pro Victoria Pallavolo Monza (MB), Vbc Pallavolo Rosa marco liani anaCasalmaggiore (CR), Chieri 76 Volleyball (TO), Volley Bergamo, Azzurra Volley San Casciano (FI), Cuneo Granda Volley e Volley Millenium Brescia; dunque, in attesa di evoluzioni, un campionato che si prospetta a 12 squadre.

Soddisfatto il presidente Bartoccini

“Per noi – ha dichiarato il presidente delle ‘magliette nere’ Antonio Bartoccini – è la certezza di avere le carte in regola, qualora ce ne fosse mai stato il bisogno, di poter partecipare alla prossima stagione agonistica. Questa è la miglior risposta ai titoli di alcuni giornali che alludevano a nostre presunte irregolarità, è inutile entrare nel merito della questione ulteriormente e preferiamo pensare a quello che possiamo documentare. Il via libera da parte della Commissione Ammissionemarco liani ana ai campionati, certifica che il nostro club si è comportato come richiesto dalle regole e che ci sono tutti i presupposti per intraprendere un’altra stagione nel Campionato più bello e difficile del mondo. Aabbiamo già iniziato a lavorare per farci trovare pronti”.

A Verona la prima riapertura in Italia della catena di palestre McFIT

Il brand tedesco, numero uno in Europa, ha ripreso le attività nel nostro Paese partendo dal Veneto, alla presenza di Vito Scavo, CEO di McFIT Italia

Finalmente anche in Italia gli appassionati di fitness possono tornare ad allenarsi in palestra, e McFIT ha già iniziato a riaccogliere i primi abbonati. Il 19 maggio, infatti, in seguito all’ordinanza della Regione Veneto, è stata riaperta la prima palestra a Verona. Quella nella città veneta era stata anche la prima palestra inaugurata in Italia nel 2014 dalla catena tedesca numero uno in Europa, con oltre 2 milioni di abbonati. Negli ultimi sei anni McFIT ha aperto 35 centri in tutta Italia. I centri fitness in Italia del gruppo RSG GROUP sono 36 (35 McFIT, 1 John Reed).

Per l’occasione era presente anche Vito Scavo, CEO di McFIT Italia e COO di RSG Group GmbH, che in prima persona ha illustrato i protocolli di sicurezza adottati per consentire ai clienti di tornare ad allenarsi in sicurezza e nel pieno rispetto delle regole.

Siamo molto felici di poter finalmente riaprire in sicurezza per abbonati e dipendenti in un luogo sicuro, sanificato, igienizzato e controllato. Il nostro obiettivo è di accogliere i nostri abbonati in totale sicurezza, e lo facciamo partendo proprio da Verona, nel primo centro aperto in Italia nel 2014, quindi in una palestra che per noi ha un significato speciale, in una giornata dal forte valore simbolico. “WELCOME HOME”, come cita il nostro claim di oggi”, ha dichiarato Vito Scavoal termine dell’evento.

Vito è un “self made man” nato a Bari nel 1975 e trasferitosi a 10 anni in Germania e oggi amministratore di McFIT Italia e RSG Group GmbH, la più grande multinazionale del fitness in Europa per numero di abbonati, 2 milioni in oltre 300 palestre in Europa. L’RSG GROUP è un gruppo interamente di proprietà con i brand McFIT, John Reed e High 5 (https://www.rsggroup.com/en/left-side/brands) è leader di mercato in Germania e in Europa, e ad un passo dall’ingresso nel mercato negli USA. 

I centri fitness McFIT a Verona sono 2 e oggi è stato realizzato il reopening di entrambi (Via Manin e Viale del Lavoro). L’evento è stato realizzato nella palestra in Viale del Lavoro 23/B, la prima palestra McFIT aperta in Italia nel 2014.

Le aperture McFIT in base alle disposizioni delle varie Regioni saranno:

– 19.05 Verona;

– 20.05 Veneto, Friuli, Catania (era possibile aprire in queste regioni già dal 18.05);

– 25.05 Campania, Puglia, Emilia Romagna;

– Lombardia, Piemonte, Lazio e Umbria (in attesa disposizioni delle rispettive regioni).

Queste le norme che dovranno rispettare gli abbonati McFIT nel Veneto, dunque Verona, in McFIT (disposizioni contenute nel D.P.C.M. del 17.05.2020 e nella relativa Ordinanza della tua Regione):

a. È obbligatorio usare la mascherina. Puoi toglierla solo se mantieni almeno due metri di distanza dagli altri (ad es. sugli attrezzi);

b. Lava spesso le mani anche attraverso le soluzioni disinfettanti a disposizione all’interno del centro fitness;

c. Mentre non stai svolgendo attività fisica mantieni una distanza interpersonale di almeno un metro e ciò anche negli spogliatoi;

d. Durante lo svolgimento di attività fisica mantieni una distanza interpersonale di almeno due metri;

e. Puoi prenotare il tuo allenamento tramite l’area personale (non è obbligatorio);

f. Verifica l’affluenza prima di recarti nel centro fitness tramite il sito web;

g. Ti saremo grati se conterrai il tuo allenamento entro un arco temporale di 75 minuti;

h. È obbligatorio, dopo ogni utilizzo, pulire le macchine, superfici e attrezzi utilizzati con i disinfettanti a disposizione all’interno del centro fitness;

i. Starnutisci e/o tossisci in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie (se non hai un fazzoletto starnutisci e/o tossisci nella piega interna del gomito);

j. È vietato l’uso promiscuo di borracce, bottiglie, bicchieri e scambiare con altri Abbonati oggetti quali asciugamani o altro;

k. È obbligatorio utilizzare apposite calzature all’interno del centro fitness;

l. Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la propria borsa prima di depositarla nell’armadietto;

m. Non è consentito l’uso promiscuo degli armadietti;

n. Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

o. Ricordiamo che chi ha un’infezione respiratoria caratterizzata da febbre (maggiore di 37,5° C) deve rimanere presso il proprio domicilio, contattando il medico curante.

Ti raccomandiamo, inoltre, di utilizzare e soffermarti il meno possibile negli spogliatoi e nelle docce, sarebbe auspicabile recarsi in palestra indossando già l’abbigliamento sportivo.

Ti chiediamo di attenerti alle disposizioni che verranno impartite dal personale per far rispettare le prescrizioni sopra indicate.

Massimo Caputi lancia la App Cronista Digitale per tutti gli aspiranti tele-radio-web cronisti

Sarà disponibile, gratuitamente, su tutti i device Android e iOS.

Il giornalista: “Un’accademia virtuale, con nozioni e consigli utili, per avviare sé stessi oppure ripensarsi in un mestiere dal fascino irresistibile

È stata lanciata il 5 maggio sulle piattaforme Android e iOS, la App Cronista Digitale. Fortemente voluta dal giornalista sportivo e volto noto della tv Massimo Caputi e progettata da IQUII, Digital Consulting Company, l’applicazione nasce come valido strumento per tutti i tele-radio-web cronisti che vorranno fare di questa passione la loro professione, oppure abbiano l’esigenza di ripensarsi all’interno dei new media.

La App Cronista Digitale mette a disposizione le basi della formazione giornalistico-sportiva in tutte le sue forme, dal giornale alla televisione, dalla radio all’informazione web. Particolare focus sarà dato anche alle fasi di preparazione delle partite da commentare, alla modulazione corretta della propria voce o ancora alla realizzazione di un servizio con gli highlights della gara.

Ogni sezione di Smart Learning avrà il suo corrispettivo podcast con la voce di Massimo Caputi, oltre a pagine di approfondimento con regole e consigli preziosi. Al termine di ogni modulo, infine, un quiz di valutazione, con domande a risposta multipla, verificherà l’apprendimento dell’utente.

Con questo progetto voglio trasmettere la mia esperienza ai tele-radio-web cronisti di domani, con suggerimenti tratti dalla mia lunga carriera di giornalista sportivo – afferma Massimo Caputi – Ho iniziato negli anni ’80 con le telecronache raccogliendo informazioni sui calciatori da almanacchi e album delle figurine. In questi anni sono entrato a far parte anch’io di una dimensione di comunicazione digitale, nuova e in continuo mutamento, imparando ad utilizzare i social network e a gestire i rapporti con i membri della mia community composta da coloro che, come me, amano il calcio”.

La App rientra all’interno del Progetto omonimo Cronista Digitale, ideato nel 2017 dallo stesso Massimo Caputi e DMTC, l’agenzia di PR e Media Relations guidata da Marco Del Checcolo. Dopo aver creato la piattaforma (https://www.massimocaputi.it/cronista-digitale/), ricca di contenuti, tra i quali i commenti alle tele-radiocronache degli aspiranti giornalisti, nel 2019 un terzo player è entrato a far parte del progetto: IQUII. L’agenzia di Digital Marketing, guidata da Fabio Lalli, ha lavorato insieme a DMTC al posizionamento digital di Caputi e alla progettazione della App.

Con il progetto Cronista Digitale, e in particolare con la App – continua Caputil’obiettivo è fornire a chi intraprende questa professione tutte le nozioni che ho imparato e perfezionato in questi anni in cabina di telecronaca, davanti al microfono della radio, davanti alla telecamera di uno studio televisivo o attraverso le pagine di un quotidiano. Dare vita ad un’accademia virtualedi aspiranti telecronisti per dare consigli, spronarli a migliorare mi ha sempre ispirato e mi auguro che la App Cronista Digitale possa essere un valido aiuto. Il prossimo step – conclude Caputi – sarà quello di realizzare un vero e proprio corso di formazione diretto dal sottoscritto con insegnanti qualificati in materia di giornalismo e digital communication”.

DMTC è fondata da giornalisti e predilige pertanto le forme di comunicazione che rispettino i mezzi di informazione. Forti di un posizionamento chiaro, definito nel settore Sport e sulla dimensione Italia, abbiamo trovato in IQUII un partner naturale, profondo conoscitore delle tecnologie e delle più avanzate formule di marketing digitale. I valori di Massimo sono i valori che verranno trasmessi alla nascitura Community” dichiara Marco Del Checcolo.

Mentre Fabio Lalli, Chief Business & Innovation Officier IQUII, ha aggiunto: “La grande sfida affrontata con Massimo Caputi è stata quella di riconoscere e applicare modelli nuovi nel campo della formazione, elaborando una soluzione in linea con le nuove norme di social distancing e con i nuovi bisogni degli appassionati del mondo dello sport offrendo la possibilità, a chiunque, di entrare a stretto contatto con il know-how del Cronista Digitale attraverso una formazione nuova, in Smart Learning. Con l’app, vogliamo valorizzare il talento di Caputi e rafforzare il suo rapporto con la Community, e farlo con gli strumenti di domani, anticipando i tempi e le tendenze”.

L’applicazione, disponibile per iOS e Android, è scaricabile ai seguenti link:

iOS: https://bit.ly/CronistaDigitaleIOS

Android: https://bit.ly/CronistaDigitaleAndroid

Tutto quello che c’è da sapere di Larysa Yudina: vita privata, sport, fotomodella e molto altro

Questo slideshow richiede JavaScript.

exitostyle.com dedica la cover a  Larysa Yudina fotomodella, ballerina, artista che oggi presenta il suo nuovo blog Blog con area riservata    . Come prima domanda vorrei chiederti facendo un piccolo bilancio della tua vita ,cosa verrebbe fuori?  Ho dedicato tutta la vita alla mia attività fisica a livello agonistico, ho fatto più di 15 anni gare di fitness ( penso di continuarle a fare) inoltro dedico molto tempo alla POLE DANCE.

5307cdb5-05f0-4558-91d4-0cfa7a5ff507

Parlarci dell’amore cosa rappresenta nella tua vita?  è molto importante essere innamorata,  ho amato moltissimo ma adesso le cose sono cambiate (sono stata sposata tre volte) e sono stata  innamorato molte volte. Artisticamente parlando c’è una persona a quale vorresti somigliare?Nessuna! Mi ritengo una persona unica soprattutto per il carattere… anche se molte volte penso a e Naomi Campbell, mi piace come personaggio lei. Poi dirsi a cosa stai lavorando adesso?sto lavorando per miglioramento il mio fisico,volevo a giugno fare gara ma visto la situazione credo tutto rinviato…. poi un FILM CON UN PRODUTTORE MA TUTTO SEGRETO sto studiando accademia di fitness e appena riaprano tutto vorrei andare a Roma fare corso di insegniate pole dance di massimo livello.

Come sei in la vita privata? per me vita privata e vita pubblica non cambia nulla sono sempre me stessa,sono sempre uguale,perché non so fingere e sono persona di umore e allora cambia nulla!se sono in cattivo umore allora farò capire tutti nonostante che sono con gente estranea o con mie famigliare.

 

Cosa vorresti che le persone capissero di te?ma nessuno non deve capire niente!o mi accetti come sono o non mi accetti!rapporto mio con persone: o extra vedono per me ,diventano matti o non mi sopportano ( secondi di solito invidiosi o concorrenti)

Quali sono i ricordi della la tua infanzia a qui particolarmente sei legata? mio primo fidanzato con quale sono stata da 7-17 anni… primo amore,primo bacio indimenticabile.

 

La TOP cover di citymilano.com dedica la cover ad Angela Ruggeri fotomodella, ed atleta professionista

Foto Credit Cristian vivaldi Email: cristian.vivaldi@fastwebnet.it

Ecco per chi vuole sapere di più di Angela Ruggeri nata in Ancona di origini leccesi.  Sono alta 165 cm e il mio peso varia dai 60 ai 68 kg in base ai periodi di preparazione. Specializzata nella sicurezza sul lavoro e la sicurezza alimentare, oltre ad effettuare corsi di formazione ai lavoratori riguardo le due materie appena citate.

3 aggettivi per descrivere il tuo carattere: DOLCE, AUTOIRONICA, TESTARDA

5 cose che ami: Amo mangiare (specialmente i dolci), stare a contatto con gli animali, la semplicità nelle cose e nelle persone, amo il mare e amo stare a casa sul divano a vedere un film

Angela Ruggeri (7)

5 cose che odi: odio le persone false e doppio-giochiste, il freddo, allenarmi con dischi che siano di colore diverso, le ciotole di plastica che non si lavano bene perché oleate, il disordine in casa

passioni e interessi: oltre alla palestra ho la passione del disegno e della pittura e adoro scrivere per lo più racconti e poesie musica, film e libri preferiti: il genere di musica che ascolto varia in base al mio stato d’animo e in che momento della giornata mi trovo, perciò passo dal pop, al latino, al genere italiano. Sono un’amante dei generi horror e azione per quanto riguarda i film. Il genere di libri verte anch’esso sull’horror e il thriller: ho adorato il libro di Hit il pagliaccio e la maggior parte delle opere di Stephen King.

Angela Ruggeri (2)

il viaggio più bello che hai fatto e quello che vorresti fare: il viaggio più bello che ho fatto è stato a Corfù un po’ di anni fa. Sogno di visitare il Giappone e la Thailandia, tanto che un futuro viaggio di nozze lo immagino in una di queste due mete.

cosa guardi e cosa ti attrae fisicamente/caratterialmente in un uomo: le prime cose che guardo fisicamente in un uomo sono il sorriso, lo sguardo e le mani. Caratterialmente ricerco sempre la maturità, la sicurezza in sé stessi, la dolcezza e l’intraprendenza ma soprattutto deve farmi ridere.

come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba? Scarpe basse o tacco? Il mio stile è molto casual, anche perché è rapportato ad una mia giornata tipo che si svolge sempre di corsa. Nel mio armadio non devono mai mancare canotte, jeans, leggings e scarpe da ginnastica. E’ ovvio che per occasioni speciali o per la sera un po’ di tacco è d’obbligo specialmente se associato ad un abito lungo, genere che io adoro.

Angela Ruggeri

Sono entrata per la prima volta in palestra 4 anni fa ma mi alleno seriamente da circa 3 anni. Venivo da tanti anni di pallavolo, sport che ho dovuto abbandonare a causa degli studi universitari. Dopo 3 anni sabatici sono stata invitata a provare la palestra e il karate: ho conciliato le due discipline per un anno e mezzo poi ho scelto di dedicarmi unicamente alla preparazione per le gare.

Angela Ruggeri (1)

3- Faccio sport da quando avevo 4 anni: ho iniziato con la piscina, poi pattinaggio su pista e circa 11 anni di pallavolo.

4- Non sono entrata in palestra con il sogno di poter competere e salire su un palco, veramente all’inizio volevo lasciare tutto perché venendo da uno sport di squadra non riuscivo ad appassionarmi alla sala pesi. Poi il mio fisico ha iniziato a rispondere bene agli allenamenti e mi è stato proposto di preparami per una gara; nel momento in cui ho calcato per la prima volta un palco è scattato qualcosa in me che mi ha fatto innamorare di questo mondo

5- Diciamo che la cosa che mi affascina di più del mio corpo, anche a detta degli altri, è il contrasto tra il mio viso dolce e abbastanza femminile, con un corpo un po’ più statuario. Mi definisco sempre un ibrido vista questa contraddizione e adoro essere unica nel bene o nel male.

Angela Ruggeri (6)

6- Il mio attuale coach l’ho conosciuto abbastanza casualmente dopo la gara a Rimini di quest’anno. Mi ha preso sotto la sua ala durante la mia partecipazione alle gare estive ma la collaborazione vera e propria è iniziata dopo i campionati italiani. Il nostro rapporto è particolare nel senso che essendo stata un po’ autodidatta per un periodo, abbiamo da subito trovato un’intesa e abbiamo scelto di concordare ogni singolo aspetto della preparazione insieme in quanto io ho imparato a conoscere un po’ il mio corpo e a capire come risponde a determinati stimoli e lui ha tutte le conoscenze possibili per guidarmi al meglio. Alla luce di questo ogni tanto ci prendiamo a parole ma è perché abbiamo due caratteri che danno il meglio quando si confrontano e a modo loro si supportano.

7- Adoro allenare quadricipiti, glutei e spalle e sono anche i 3 gruppi muscolari per cui ricevo più complimenti.

8- Amo diversi esercizi, nello specifico quelli che mi permettono meglio di isolare il muscolo interessato. Un amore- odio lo provo per la leg extension e amo molto lavorare ai cavi. Odio gli affondi e la maggior parte degli esercizi per il petto ma si fa tutto lo stesso.

Angela Ruggeri intimo

9- La mia giornata inizia alle 7.30, faccio colazione, sistemo il borsone e mi preparo per andare a lavoro dove resto fino alle 18 del pomeriggio. Inizio ad allenarmi intorno alle 18.30 e tra doccia, chiacchere e tutto rientro a casa intorno alle 21.15. Faccio cena e nel frattempo preparo i pasti per la giornata successiva. Tra una cosa e l’altra non vado mai a dormire prima di mezzanotte in quanto, abitando da sola, sono soggetta a tutte le operazioni di lavaggio piatti e ambienti casalinghi.

10- Mi alleno mediamente 5 volte a settimana anche se può capitare di arrivare a 6 in determinati periodi di preparazione tutti da una volta al giorno. Il cardio c’è in alcuni momenti del percorso ma è il coach a decidere quando inserirlo.

11- All’inizio è stato un pò difficile seguire l’alimentazione specialmente quando ci si avvicinava alla gara. Anche il solo odore di dolci o pizza mi obbligava a cambiare stanza perché iniziava ad aumentare la salivazione. Poi ho “educato” la mente a sopportare e a non cedere agli sfizi dato che non è il corpo a richiederli, anche perché la mia dieta prevede un buon quantitativo di cibo durante tutte le fasi di preparazione, e adesso sono un soldato in termini di resistenza a tentazioni.

12- Il  mio cheat meal è variabile: se sto un po’ bassa con i carbo vado cercando quelli quindi panini, pizza e pasta, altrimenti ho sempre avuto una predilizione per i dolci, specialmente per quelli fatti in casa come crostate, ciambelloni ecc..

13- All’avvicinarsi della gara cambiano tante cose: ti specchi di continuo perché ti avvicini alla forma finale da competizione e vuoi goderti ogni momento, il fisico è un po’ provato più che altro perché cambiano alcuni apporti quali i quantitativi di carboidrati, verdure, grassi, proteine ma soprattutto acqua e sale. Emotivamente io tendo ad essere abbastanza stanca anche perché non sono solita assentarmi dal lavoro fino al giorno della partenza, ma alla fine se lo si vuole veramente, tutto è possibile.

14- Della preparazione alla gara amo l’adrenalina che inizia ad essere sempre più presente all’avvicinarsi della partenza. Ho un rito scaramantico prima di ogni gara e cioè quello di mettere il costume da gara nel posto del letto vicino a me e accendere una candela: amo svegliarmi la notte e vedere brillare gli strass con la fioca luce del fuoco. Detesto preparare la valigia per partire perché puntualmente mi dimentico qualcosa anche se mi faccio sempre una lista delle cose da portare.

15 – Nel 2017 ho fatto un 5 posto al oneway fitness a Roma e un 5 posto ai campionati italiani dello stesso anno. Nel 2018 ho partecipato alla gara di Rimini senza rientrare nelle prime 6, poi sono arrivata 3 sempre al oneway fitness e nuovamente 5 ai campionati italiani 2018. Quest’anno i risultati sono stati migliori: 2 posto a Rimini, 1 posto al GP Elena a Bari, 1 posto al oneway fitness e 2 posto ai campionati italiani 2019. Ultima grande soddisfazione 2 posto alla gara in Grecia, a Nafplio, con tanto di Pro Card portata a casa.

16- La gara più emozionante credo si stata quella a Rimini di quest’anno. Sono salita su quel palco senza un preparatore, senza un fidanzato e senza genitori tra il pubblico. Avevo solo una mia carissima amica, Paola, totalmente estranea a questo mondo fino a quel giorno a cui ho dovuto spiegare come mettere il colore il giorno stesso; devo tutti i miei risultati di quelle 4 gare a lei, fosse stato per me non avrei partecipato a nulla. Eravamo in 11 quel giorno e già mi vedevo fuori dalle 6; quando mi hanno chiamata seconda dietro l’attuale campionessa italiana non potevo crederci; scesa dal palco sono scoppiata a piangere e si, sono emozioni che non si spiegano

17- Con il mio coach stiamo valutando quando attivare la Pro Card, sicuramente non quest’anno. Prima della fine del 2019 probabilmente farò un’altra gara, non so se in Italia ma vi terrò aggiornati. Il mio sogno è quello di avere una famiglia, è un sogno che sembra scontato ma è la mia ambizione più grande: ho un lavoro, una casa, una macchina e una grande passione per questo sport, mi manca solo quello.

18- Io mi confronto ogni giorno con il giudizio della gente, con gli sguardi dubbiosi e increduli di quando passi in un centro commerciale anche solo per fare spesa. Mi è stato detto che ero una bella ragazza che si è rovinata con le sue mani, che ho bicipiti e spalle più grandi di uno scaricatore di porto e vengo sfidata spesso a braccio di ferro. Alcune cose fanno sorridere altre feriscono; ad ogni modo io sono dell’idea che ognuno deve stare bene con sé stesso e che la gente avrà sempre da parlare, perciò tanto vale fare e diventare ciò che si vuole nel rispetto di se stessi e degli altri.

19- Sono 3 anni che mi confronto con i miei genitori riguardo questa mia passione. Ultimamente hanno iniziato ad interessarsi mentre prima erano fermi nella loro posizione di dissenso. Diciamo che non mi sostengono ma lo accettano perché capiscono che per me è importante; continuerò ad insistere per averli tra il pubblico e per farli diventare i miei primi fans.

20- Riguardo al doping io sono dell’idea che ognuno fa le sue scelte in questo settore come nella vita in generale. Non ho pregiudizi verso nessuno e sono per la libertà di decisione che ognuno ha sempre nel rispetto di sé stessi e degli altri. Per quanto riguarda me io sono molto indirizzata nelle scelte in quanto qualche anno fa ho scoperto di avere una mutazione genetica che sceglie per me l’unico percorso possibile da fare in termini di preparazione; viste le mie “non scelte” ho deciso qualche anno fa di diventare donatrice AVIS e sono fiera di tale ruolo. Un piccolo messaggio però lo voglio lanciare: spesso mi scrivono ragazze anche di 18 anni dicendomi “mi hanno detto che devo” al fine di partecipare ad una gara. Io sopra ho detto che ognuno fa le sue scelte e come tali devono rimanere: sono contro le imposizioni, le informazioni distorte o dette a metà e le false illusioni quindi chiedo umilmente di guidare, specialmente ragazze così giovani, con criterio e soprattutto con coscienza.

21- Io ho due tipi di ammirazione per quanto riguarda le atlete: ammiro atlete come Angela Borges, Getta Beqa ecc.. per i risultati e per la forma fisica raggiunta e ammiro atlete italiane con cui ho avuto modo di parlare perché hanno avuto la forza di uscire dalla bulimia, dall’anoressia e da situazioni impegnative della vita. Le vere coppe vanno a loro.

Idee che rivoluzionano il fitness : Lia Nunziante fitness model e personal trainer si adatta al cambiamento con una app

city_milano

Esce su city news milano  l’intervista esclusiva di  Lia Nunziante fitness model, personal trainer che stra rivoluzionando il mondo del finess online e se  la scuola si adegua al Coronavirus con la didattica a distanza, anche chi è costretto ad abbassare la saracinesca della propria palestra si propone con un metodo alternativo di allenamento che possa contrastare l’emergenza. Per ribadire, specie in questo momento, l’importanza dell’attività fisica, Lia Nunziante, da otto anni personal trainer, lancia la sfida – proposta degli esercizi a distanza. Dopo l’ordinanza che le impone la chiusura del suo centro Mood a Cava de’ Tirreni, nonché l’annullamento di un evento pubblico durante il quale si sarebbe soffermata sull’importanza di associare la bellezza femminile con le cure naturali, Lia non si dà per vinta e si propone alle donne di tutta Italia tramite un’App. L’esperienza di allenamento connessa si chiama Mywellness (by Technogym) e dopo averla scaricata, mettersi a lavoro è molto semplice. Lia per tutte le signore che già conosce ha provveduto a caricare schede singole e video dimostrativi: 50 minuti di allenamento a corpo libero da eseguire almeno tre volte la settimana. Da quando ha divulgato la sua idea le iscrizioni all’App si sono moltiplicate.

lia nunziata app

«Quando ho deciso di partire con questa iniziativa – spiega la personal trainer – eravamo in meno di 100. Nel giro di poche ore siamo arrivati a quasi 300». Tra l’altro stupisce in positivo anche il fatto che la nostra allenatrice, 31 anni racchiusi in un corpo super tonico, sia riuscita a valicare i confini della Campania e a stuzzicare la curiosità, o il desiderio di regalarsi un’ora scarsa lontano dall’ossessione Coronavirus, anche nelle zone rosse, dove rimanere a casa è purtroppo una triste realtà.

f96a9f0b-28c0-4328-91e0-cf291d6b1a71

«Da Milano mi hanno contattato circa 30 signore – prosegue la Nunziante – ho chiesto loro di scrivermi via WhatsApp età, altezza, peso e obiettivi. A questo ho corrisposto un modulo e una scheda di lavoro». A rivolgersi a lei, oggi come ieri, sono donne dai 20 ai 50 anni. «Non ci fermiamo – conclude – sono a disposizione di tutte. Sto caricando schede di allenamento senza sosta, senza contare check, consulenze e nuovi contatti in privato. In questo momento difficile la mia missione è stare accanto alle donne di tutta Italia, anche a distanza, nella speranza di tornare, insieme, più forti di prima».

THE BIG PUMP: Christian Vieri, Elettra Lamborghini e la coppia Juliana Moreira – Edoardo Stoppa si allenano con il nuovo canale live streaming di McFIT

La catena tedesca numero uno in Europa crea il primo Fitness-Channel in livestream con 10 ore di contenuti nuovi ogni giorno

L’intera community del fitness sta vivendo momenti difficili a causa della chiusura di tutte le palestre su scala globale. Anche McFIT è colpita dalla situazione attuale. “Con l’apertura del primo centro McFIT ci siamo posti un obiettivo preciso: esserci sempre, tutti i giorni, per i nostri abbonati“ dichiara Vito Scavo, CEO di McFIT Italia. Tuttavia oggi tutti i centri sono chiusi per tutelare la salute di tutti, dipendenti e soprattutto abbonati. “La cosa più importante adesso è rimanere uniti, ma al tempo stesso cogliere le opportunità. Occore gestire al meglio la crisi e fare tutto il possibile servendosi di nuovi formati per offrire agli abbonati tutti gli strumenti necessari per continuare a mantenere uno stile di vita sano“ aggiunge Scavo.

Un canale TV vero e proprio all’interno della palestra

Per far fronte alla situazione, McFIT ha trasformato in appena cinque giorni una delle sue palestre in uno studio televisivo perfettamente funzionante ed ha messo in piedi in brevissimo tempo un vero palinsesto di programmi trasmessi in streaming live lanciato il 30.03. alle 10:00 e che trasmette ogni settimana dal lunedì al venerdì. “Siamo molto orgogliosi e felici, di potere offrire alla nostra community un pezzo della loro quotidianità in palestra direttamente a casa e di farlo attraverso il fitness, il body building e l’allenamento di forza, ma anche con contenuti di intrattenimento“, così descrive Scavo questo nuovo progetto: https://www.mcfit.com/de/the-big-pump/.

Dopo 10 ore di programmi in diretta (dal lunedì al venerdì, dalle 10:00 alle 20:00), gli highlights della giornata vengono resi disponibili sulla piattaforma YouTube e tramite i social media. Il palinsesto prevede ogni giorno quattro corsi in lingua italiana. Il programma completo è visibile appena sotto il player dello streaming e viene costantemente aggiornato. Qualcosa di unico al mondo: tutti i giorni 10 ore di infotainment LIVE per i body builder e appassionati di fitness. THE BIG PUMP è una Fitness_TV, che con le sue caratteristiche è un caso unico al mondo e che contiene il DNA McFIT al 100%. Cuore e muscoli. Dal lunedì al venerdì, dalle 10:00 alle 20:00, gli spettatori ricevono un flusso continuo di workout, intrattenimento, consigli sull’alimentazione, video motivazionali e offerte da parte di aziende partner, oltre a tutte le informazioni utili per mantenersi in forma anche rimanendo a casa. “Anche se in questo momento non abbiamo la possibilità di accogliere la nostra community all’interno delle palestre, vogliamo fare tutto il possibile per mantenerci in contatto e al tempo stesso offrire nuovi servizi“, aggiunge Scavo.

Anche importanti celebrities hanno scelto THE BIG PUMP per i loro allenamenti quotidiani in casa. Tra i personaggi del mondo dello spettacolo che usano questa app spiccano l‘ex calciatore di Serie A Christian Vieri; la cantante Elettra Lamborghini reduce dal recente successo sul palco dell’Ariston al Festival di Sanremo; e la coppia formata dal conduttore televisivo Edoardo Stoppa e la moglie, la showgirl Juliana Moreira. McFIT dice “Grazie“. Con THE BIG PUMP, McFIT intende anche trasmettere un altro importante messaggio: grazie. Grazie a tutti i suoi abbonati e ai propri dipendenti. #teammcfit

OLTRE 1.000.000 DI PERSONE SI ALLENANO GRATIS A CASA CON CYBEROBICS

In aggiunta a THE BIG PUMP in tutta Italia già dalla scorsa settimana, e adesso in tutto il mondo, è possibile allenarsi gratuitamente con CYBEROBICS, la fitness app del brand partner di McFIT (https://www.cyberobics.com/it/).

Sono già 1.000.000 ad avere scaricato la app e in oltre 250.000 la usano quotidianamente per allenarsi a casa.

L’offerta di corsi fitness in lingua italiana verrà ulteriormente ampliata nei prossimi giorni. Sono già disponibili on demand 120 corsi, girati in qualità 4k. Con i migliori trainer al mondo ci si può allenare idealmente in location suggestive come le Hawaii, Malibu Beach o il Joshua Tree National Park. Con corsi come HIIT Trainings, Kettlebell, Yoga e Pilates è possibile evadere almeno per un po‘ dalla routine quotidiana, resa ancora più difficile dall’isolamento domestico.

Danila Cattani presenta il suo VIDEO che spopola su Instagram

Tornata  martedì 24 aprile dall’America Danila Cattani Atleta, Personal Trainer Fotomodella Dopo due giorni di viaggio interminabili e un sacco di voli cancellati sono riuscita a partire da Miami . Ora sono a casa de miei genitori ma in un piccolo appartamento a sé stante poiché per le direttive del governo sono obbligata a stare in isolamento preventivo per 14 giorni prima di poter stare con altre persone, in questo caso la mia famiglia.

 

 

 

Palestre chiuse in tutta Italia: la piattaforma virtuale di fitness Cyberobics invita il Paese ad allenarsi a casa gratuitamente in questo periodo

Siamo in tempi molto difficili. In Italia è stata dichiarata l’emergenza nazionale e tutte le persone sono incoraggiate a rimanere a casa per prevenire la diffusione del Coronavirus (COVID-19). La vita pubblica si è fermata e, tra le altre strutture, tutte le palestre sono chiuse fino a nuovo avviso.
Per questo, la catena di palestre McFIT e il suo marchio partner Cyberobics, che fanno entrambi parte della società leader in Europa per il fitness e lo stile di vita, RSG Group GmbH, hanno deciso di offrire gratuitamente i corsi di fitness virtuale dell’app Cyberobics a tutti gli italiani fino a quando questa emergenza sarà passata.
Lo sport e l’allenamento sono componenti importanti del benessere della persona. Non solo aumentano la forma fisica e quindi contribuiscono al sistema immunitario, ma assicurano anche l’equilibrio psicologico e fisico, specialmente in periodi di tensione. Secondo uno studio dell’Università del New South Wales, infatti, una sessione di allenamento a settimana è sufficiente per ridurre il rischio di depressione.

McFIT e Cyberobics vogliono quindi fare qualcosa di buono per milioni di italiani che, attualmente, devono trascorrere molto tempo a casa, e dare loro l’opportunità di allenarsi nella propria abitazione senza restrizioni. “Siamo estremamente colpiti dalla situazione attuale in Italia. Chiunque stia bene e non abbia sintomi di malattia può prendersi una pausa e immergersi in un altro mondo per un momento attraverso queste spettacolari sessioni di training online”, afferma Vito Scavo, Amministratore Delegato di McFIT Italia.
Cyberobics è la piattaforma di fitness con la più grande varietà di corsi virtuali. L’app contiene oltre 100 unità di allenamento per uomini e donne e offre corsi per principianti e avanzati. Ci sono allenamenti HITT, allenamenti con kettlebell, lezioni di danza, yoga e pilates. Il tutto filmato con i migliori allenatori del mondo, in location originali ed esclusive negli Stati Uniti, e poi doppiato in lingua italiana.
Nelle prossime settimane, Cyberobics trasmetterà in streaming anche corsi live con istruttori italiani in tempo reale. Ciò rafforzerà ulteriormente la sensazione del gruppo di allenarsi insieme, anche se ogni partecipante al corso si trova effettivamente a casa propria.

“Riteniamo che sia importante mantenere un po’ di normalità e fare qualcosa per gli altri, soprattutto in situazioni estreme come questa”, aggiunge Oliver Schulokat, CEO di Cyberobics. “L’allenamento virtuale con Cyberobics è ideale proprio per questo. Stiamo ora attivando l’app e tutti in Italia potranno usarla gratuitamente“. 

Questi i link per scaricare l’app Cyberobics che è totalmente free e senza vincoli:
– APPLE: apple.co/2W5WZmp 
– ANDROID: http://bit.ly/3b0NgCn

#IOMIALLENOACASA  – #CYBEROBICS