Su break Magazine le migliori offerte gomme moto di webpneumatici.it PIRELLI, YOKOHAMA, CONTINENTAL, il portale meglio di Amazon

Torniamo col nostro appuntamento quotidiano dedicato alle migliori offerte di gomme estive e invernali su webpneumatici.it  disponibili giorno per giorno. Abbiamo trovato alcune interessanti promozioni legate a PIRELLI, YOKOHAMA, CONTINENTAL  e molto altro. Come sempre, vi proponiamo anche “l’angolo delle offerte del mese.

IL PNEUMATICO PIRELLI – P7 CINT 225 45 17 PIRELLI P7 CINT 91YR link

PIRELLI MANDRAKE MT15 R REINF 110/80 X14 59J  Consegna prevista mercoledì 26 giugno 2019 Link PNEUMATICOTOMKET – SPORT 3 XL 225 45 17 TOMKET SPORT 3 XL 94W linkIL PNEUMATICO PIRELLI – P7 CINT 225 45 17 PIRELLI P7 CINT 91YR linkPNEUMATICOKUMHO – HS51 205 55 16 KUMHO HS51 91V link

viaggiare con  webPneumatici.it

Ricordiamo infine tutti i nostri

  • Consegne in 1 ora (alcune città)
  • Spedizioni gratuite
  • montaggi gomme
  • consegna 48 ore
  • pagamento contrassegno
  • migliori marche
  • prezzi scontarti
QUAL È LO SCOPO DI WEB PNEUMATICI

Lo scopo di Web Pneumatici è quello di battere la crisi offrendo un’ampia gamma di prodotti a prezzi super convenienti venendo incontro a tutte le esigenze della clientela offrendo parallelamente un servizio di informazione volto a migliorare la comprensione del consumatore in materia di pneumatici.

I PNEUMATICI IN VENDITA SU WEB PNEUMATICI SONO NUOVI?

Assolutamente sì,salvo diversa ed esplicita informazione riportata nel dettaglio prodotto, tutti gli pneumatici disponibili sul nostro sito sono nuovi con DOT inferiori ai 18 mesi e garantiti dalle case produttrici fino a 24 mesi per difetti di produzione. Vi ricordiamo che il guasto accidentale non è coperto dalla garanzia in essere.

L’IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO E LE SPESE DI SPEDIZIONE SONO COMPRESE NEL PREZZO?

Sì, tutti i prezzi sono comprensivi di IVA e spese di spedizione. Nel carrello verrà inoltre aggiunto il contributo ambientale per lo smaltimento dei pneumatici, il PFU, obbligatorio per legge.

IL PFU È RICHIESTO ANCHE AL MOMENTO DEL MONTAGGIO AD OPERA DEI GOMMISTI?

La nuova normativa impone il pagamento al momento dell’acquisto. Tale contributo obbligatorio è pari a € 2,00 + IVAper le gomme d’auto, mentre per le moto è € 1,00 + IVA; esso non è un costo relativo ad un servizio che offriamo ma un importo che transitiamo allo Stato (come se fosse un’imposta). Va pagato una volta sola, pertanto quando ti recherai in officina per il montaggio delle gomme il gommista non potrà chiederne nuovamente il pagamento. In caso di problemi esibite la nostra fattura nella quale abbiamo provveduto a dettagliare l’apposita voce.

CHI MONTA I PNEUMATICI?

Web Pneumatici lascia ampia discrezionalità in merito. Infatti, i nostri clienti sono liberi di scegliere un operatore di loro fiducia oppure affidarsi alla nostre officine convenzionate scegliendo quella più vicina a loro.

DI QUALI METODI DI PAGAMENTO MI POSSO AVVALERE?

Si può pagare in completa sicurezza con Carta di credito e le maggiori carte prepagate siano esse di matrice bancaria o postale (Poste Pay) grazie alla garanzia del sistema PayPal. Web Pneumatici inoltre offre la possibilità di pagare con bonifico bancario o in contrassegno al momento della consegna della merce.

CHE COS’È PAYPAL?

PayPal è un sistema di pagamento con il quale è possibile effettuare pagamenti nei negozi online in modo sicuro, semplice e veloce ed il servizio è gratuito. I dati del vostro istituto bancario o della vostra carta di credito infatti verranno custoditi solo da PayPal. Pertanto questi non vengono trasmessi nuovamente in rete ad ogni acquisto online. Inoltre tali pagamenti vengono conclusi velocemente agevolando il venditore nel processo di evasione dell’ordine permettendo al cliente di ricevere la merce prima del solito.

POSSO RESTITUIRE LA MERCE?

Si può restituire la merce entro 10 giorni lavorativi dalla data di consegna (D.Lgs 206/2005) nel caso in cui i pneumatici non siano stati utilizzati. Le spese di trasporto sono a carico del cliente.

NON HO TROVATO LE GOMME PER LA MIA AUTO. COSA POSSO FARE?

Ti ricordiamo che i magazzini di Web Pneumatici sono in continuo aggiornamento sia nelle quantità che nei modelli e pertanto ti invitiamo a tornare presto sul nostro sito.

IN QUANTI GIORNI RICEVERÒ LA MERCE?

I tempi di consegna sono mediamente di 3 giorni lavorativi dalla ricezione dell’ordine di acquisto. Per le isole è necessario un giorno aggiuntivo e vi ricordiamo che le tempistiche potrebbero allungarsi in caso di festività.

PERCHÉ I PREZZI CHE TROVO SU WEB PNEUMATICI SONO COSÌ VANTAGGIOSI?

Web Pneumatici grazie alle grandi quantità di pneumatici venduti, di tutte le marche più importanti, riesce ad ottenere i migliori prezzi dai più grandi fornitori d’Europa.

PERCHÉ I PREZZI SUL SITO VARIANO?

Ti ricordiamo che i magazzini di Web Pneumatici sono in continuo aggiornamento a seguito dell’alta movimentazione al loro interno e per questo possono subire lievi variazioni di prezzo.

SE RISCONTRASSI DEI PROBLEMI, POTREI CONTATTARE UN TECNICO DE WEB PNEUMATICI?

Uno degli obiettivi di Web Pneumatici è informare in maniera trasparente l’utilizzatore sia da un punto di vista tecnico che commerciale, quindi non esitare ad inviarci una email o a contattarci telefonicamente.

Amazon sfora i tetti sui “somministrati”, l’Ispettorato del lavoro chiede di assumere 1.300 persone

Tra luglio e dicembre scorso la parte logistica del gruppo dell’e-commerce ha usato 1.308 lavoratori in somministrazione oltre il limite mensile di 444 contratti attivabili. Ora potranno chiedere l’assunzione a tempo indeterminato. La società: “Noi corretti, affronteremo le osservazioni delle autorità”

170043775-e891dad4-00b7-4c77-8a2a-8629f742cc04.jpg

MILANO – Amazon ha sforato le quote per l’utilizzo di “lavoratori somministrati” e ora dovrà assumere 1.300 lavoratori che potranno chiedere la stabilizzazione dal primo giorno del loro utilizzo. E’ quanto ha notificato l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ad Amazon dopo aver avviato un accertamento nei confronti della società Amazon Italia Logistica. Nessun rilievo invece dalle verifiche fatte sui controlli a distanza dei lavoratori.

“Si è concluso, con notificazione del verbale di contestazione del 30 maggio u.s., l’accertamento iniziato nei confronti della ditta Amazon Italia Logistica lo scorso 7 dicembre”, si legge sul portale dell’ispettorato. “È stato contestato all’azienda di aver utilizzato, nel periodo da luglio a dicembre 2017, i lavoratori somministrati oltre i limiti quantitativi individuati dal contratto collettivo applicato”, viene dettagliato. “Si evidenzia infatti che l’impresa, a fronte di un limite mensile di 444 contratti di somministrazione attivabili, nel periodo suindicato, ha invece sensibilmente superato tale limite, utilizzando in eccesso un totale di 1.308 contratti per lavoratori somministrati”.

I lavoratori somministati sono coloro che vengono assunti dalle agenzie, ma vengono impiegati presso il cosiddetto “utilizzatore” (Amazon in questo caso), sulla base di un accordo commerciale tra le due società.

L’ispettorato ha verificato che Amazon ha abusato di queste figure e ora “l’iniziativa ispettiva potrà consentire la stabilizzazione degli oltre 1.300 lavoratori interinali utilizzati oltre i limiti, i quali pertanto potranno richiedere di essere assunti, a tempo indeterminato, e a far data dal primo giorno di utilizzo, direttamente dalla società Amazon”.

L’accertamento era scattato, si spiegava a dicembre, nell’ambito delle attività ispettive programmate, “con un’attenzione prioritaria al settore della logistica e della movimentazione merci”. Erano però i giorni caldi nei quali i lavoratori del centro di Castel San Giovanni (Piacenza) avevano scioperato e manifestatocon bandiere, cartelli e slogan, proprio in occasione del Black Friday che muove miliardi di acquisti online.

Proprio alla situazione piacentina riconduce l’iniziativa dell’ispettorato il sindacalista Fiorenzo Molinari, della Filcams locale. “Quando abbiamo iniziato a fare le denunce sulle condizioni di lavoro, poi sfociate nello sciopero del Black Friday, c’è stato l’interessamento delle strutture ispettive. Evidentemente hanno verificato che c’è stata una lesione importante delle quote, che per il contratto applicato nel centro logistico prevedono un limite del 28% di tempi determinati e somministrati sul totale dell’organico annuo”, commenta a caldo a Repubblica.it. Pochi giorni fa i rappresentanti dei lavoratori a livello aziendale e il colosso hanno siglato un accordo sull’organizzazione dei turni. Ma per Molinari “non significa che non continueremo a batterci per il rispetto dei diritti. Chiederemo un incontro ad Amazon e alle agenzie di somministrazione per far rispettare i diritti di quei 1.308 lavoratori”.

La società ha tenuto a precisare che “Amazon è un datore di lavoro corretto e responsabile. Rispettiamo il lavoro svolto dall’autorità ispettiva e ci impegnamo affinchè tutte le osservazioni che ci vengono rivolte siano affrontate il più rapidamente possibile. Nello specifico in questi giorni abbiamo ricevuto il verbale di accertamento e in esso non è riportato il numero di contratti in somministrazione citato nei media e nel comunicato stampa dell’Ispettorato del Lavoro. Data l’elevata stagionalità cui è soggetta la nostra attività, ricorriamo nei periodi di picco a personale in somministrazione il cui ruolo è cruciale nell’aiutarci a gestire con efficienza il nostro lavoro. Escludendo questi periodi, la gran parte dei nostri lavoratori è assunta con contratto a tempo indeterminato e siamo costantemente impegnati nella conversione dei contratti di somministrazione in tempo indeterminato. Per esempio, il nostro centro di distribuzione di Castel San Giovanni quando ha aperto nel 2011 impiegava 150 persone a tempo indeterminato. Oggi i contratti a tempo indeterminato sono oltre 1.650 e tutti hanno iniziato con contratti in somministrazione convertiti nel corso degli anni in rapporto di lavoro a tempo indeterminato. In particolare, negli ultimi due anni le conversioni sono state rispettivamente 500 nel 2016 e 270 nel 2017 e il nostro impegno è continuare a crescere.”

Le reazioni non si fanno attendere. “L’esito dell’ispezione conferma alcune preoccupazioni che abbiamo sul modello Amazon: anche il nuovo lavoro, legato al digitale, ha dei limiti. E così si scopre che in molti casi il tasso di sfruttamento della forza lavoro è alto”, dice la segretaria confederale della Cgil, Tania Scacchetti. “E’ una vittoria dell’impegno dei lavoratori e del sindacato e conferma la nostra linea”, esulta su Twitter Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil.

Stangata Ue su Amazon: “Restituisca 250 milioni al Lussemburgo”

Amazon.jpgStangata Ue su Amazon: “Restituisca 250 milioni al Lussemburgo” La Commissione Ue: «Tre quarti dei suoi profitti non sono stati tassati»

Il Lussemburgo ha dato ad Amazon «vantaggi fiscali non dovuti per 250 milioni di euro», un comportamento «illegale perché le ha consentito di pagare molte meno tasse di altre aziende». In pratica «tre quarti dei suoi profitti non sono stati tassati» grazie ad un accordo fiscale (tax ruling) stretto nel 2003. Lo scrive la Commissione Ue al termine della sua indagine partita ad ottobre 2014, e chiede al Granducato di recuperare gli aiuti da Amazon.

Il Lussemburgo ha consentito ad Amazon di pagare «quattro volte in meno di tasse rispetto ad altre società» residenti nel Paese, ha detto la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager, spiegando come si tratti di una «condotta illegale» perché «non si possono dare alle multinazionali benefici fiscali che altri non hanno».

In seguito ad un’indagine lanciata ad ottobre 2014, Bruxelles ha concluso che un tax ruling siglato dal Lussemburgo nel 2003, e prolungato nel 2011, ha ridotto le tasse pagate da Amazon «senza alcuna giustificazione valida». L’accordo ha consentito all’azienda di spostare la vasta maggioranza dei suoi profitti da un gruppo soggetto alla tassazione lussemburghese (Amazon EU) ad una società non soggetta ad alcuna tassazione (Amazon Europe Holding Technologies).

In particolare, il tax ruling ha appoggiato il pagamento di una royalty da Amazon EU ad Amazon Europe Holding Technologies, che ha significativamente ridotto i profitti tassabili. Secondo la Commissione, il pagamento della royalty, sostenuto dal tax ruling, non rifletteva «la realtà economica del mercato».

Amazon, il Financial Times: «In arrivo maxi-multa da Ue per tasse non pagate in Lussemburgo»

Immagine
La Commissione Ue dovrebbe presentare domani ad Amazon il “conto” delle tasse non pagate in Lussemburgo grazie all’accordo di “tax ruling” di cui ha beneficiato per quasi 10 anni. Secondo quanto riporta il Financial Times, la cifra dovrebbe essere nell’ordine delle diverse centinaia di milioni di euro che il Lussemburgo dovrebbe recuperare. L’anno scorso la Ue chiese all’Irlanda di recuperare da Apple 13 miliardi. L’antitrust Ue ha aperto l’indagine su Amazon a fine 2014.

“La Commissione Ue chiederà ad Amazon di pagare centinaia di milioni di tasse”

Lo riporta il Financial Times citando fonti vicine alla vicenda

Lo riporta il Financial Times citando fonti vicine alla vicenda

Dopo Apple, ora tocca ad Amazon. È in arrivo una nuova stangata da Bruxelles, anche se l’entità dovrebbe essere molto inferiore a quella toccata un anno fa all’azienda di Cupertino. Nella tarda mattinata di domani, la Commissione dovrebbe infatti annunciare la chiusura dell’indagine a carico della società che offre i servizi di acquisti online, ordinandole di pagare tasse arretrate al governo del Lussemburgo. Esattamente come era successo ad Apple con l’Irlanda.

In quel caso si era trattato di una cifra «monstre», pari a 13 miliardi di euro. L’indiscrezione del Financial Times, confermata a La Stampa da una fonte interna alla Commissione, stima invece l’entità della «sanzione» (anche se in realtà è improprio parlare di “multa”) in «diverse centinaia di milioni di euro».

Qual è il vero piano di Amazon? Diventare leader delle spedizioni

ANSA
 L’inchiesta dell’Antitrust europeo è stata aperta tre anni fa e ha puntato la lente sul «tax ruling» stipulato tra Amazon e il governo lussemburghese nel 2003, che avrebbe garantito all’azienda americana vantaggi classificabili come aiuti di Stato illegittimi. Le due parti, dopo l’apertura dell’indagine, avevano negato ogni addebito, sostenendo di aver fatto tutto in regola.

 

Amazon fa la sua prima consegna con drone in 13 minuti dall’ordine

Sarà la commissaria alla Concorrenza, Margrethe Vestager, ad annunciare domani mattina da Bruxelles la decisione che potrebbe risvegliare le polemiche sull’asse Transatlantico. Anche perché a breve si concluderà un’altra inchiesta che ha messo sul banco degli imputati la catena di fast-food McDonald’s.

Come arginare il potere di Google, Facebook e Amazon

Davanti agli uffici di Google, New York, ottobre 2015. (Sam Hodgson, The New York Times/Contrasto)Ecco la mia previsione: tra cinque o dieci anni, diminuirà drasticamente l’arrogante potere di Google, Facebook e Amazon e l’economia online si trasformerà fino ad apparirci irriconoscibile. E credo che scomparirà internet per come l’abbiamo conosciuta finora: selvaggia e perlopiù senza regole, in cui aziende gigantesche come quelle citate godono di un’immunità legale che risale a un’epoca più semplice, o possono permettersi di sfruttare impunemente i diritti d’autore di altre persone.

Immagino che una simile previsione possa apparire inverosimile. Dopo tutto, oggi Google raccoglie l’81 per cento di tutte le pubblicità mondiali legate ai motori di ricerca, Facebook il 77 per cento del traffico dei social network mentre Amazon vende circa il 70 per cento degli ebook in circolazione e concentra il 51 per cento di tutte le altre vendite online. Inoltre, se sommate il loro valore di mercato, più di 1.500 miliardi di dollari, possiedono in tre un pil maggiore di quasi ogni paese del mondo (solo dieci stati hanno un pil più alto).

Editori sotto copertura digitale
Queste aziende sembrano invincibili. Chi o cosa potrebbe mai metterle in difficoltà? Per esempio, una ex universitaria di cui non avete mai sentito parlare e che oggi è una senatrice degli Stati Uniti, e fa parte di un interessante sottobosco di politici statunitensi che comincia a minacciare seriamente questi monopoli in apparenza inattaccabili e ciò a cui essi si affidano per conservare il loro dominio in rete. In poche parole, il disprezzo nei confronti del diritto d’autore e la pretesa di non essere degli editori.

Oggi, l’editore di un quotidiano o una rivista è il responsabile legale del suo contenuto. Se il contenuto è diffamatorio o criminale, l’editore può essere incriminato o costretto a chiudere. Questo però non vale per Google e per i suoi simili, che sostengono di non essere editori ma semplici canali di diffusione online di contenuti creati da altri. Vent’anni fa, nel 1996, questa pretesa è stata sancita e convalidata per legge negli Stati Uniti: il media copyright act (legge sul diritto d’autore delle testate digitali) è di quell’anno. All’epoca internet era ancora in fasce e Google e compagni ancora non esistevano, e la legge ha stabilito che i fornitori di servizi online non sono giudicati responsabili se rimuovono o bloccano i contenuti appena ricevono la comunicazione che questi sono coperti dal diritto d’autore.

L’Europa ha provato ad arginare questi monopoli ma gli Stati Uniti li hanno lasciati agire indisturbati. Almeno finora

I grandi monopoli online hanno usato questi vantaggi per creare delle gigantesche attività commerciali che funzionano come dei cartelli. Pubblicano infatti link a notizie e contenuti che non pagano, ma dai quali traggono guadagni pubblicitari.
Gli introiti pubblicitari di Google sono superiori agli ottanta miliardi di dollari, più di quanto guadagnino dalla pubblicità tutti i giornali, le riviste e le stazioni radio del mondo (né Google né Facebook danno lavoro a un singolo giornalista, mentre nel frattempo i giornali, che invece lo fanno, perdono introiti, si riducono o chiudono).

YouTube (che appartiene a Google) permette di scaricare musica da cui ricava dei profitti, mentre i musicisti ottengono poco o niente. Lo scrittore statunitense Jonathan Taplin, autore di uno stimolante libro intitolato Move fast and break things: how Facebook, Google and Amazon cornered culture and undermined democracy (Muoviti veloce e distruggi tutto: come Facebook, Google e Amazon hanno monopolizzato la cultura e indebolito la democrazia), afferma che se una canzone viene scaricata un milione di volte su iTunes l’autore incassa 900mila dollari, ma se lo stesso avviene su YouTube ricava solo novecento dollari.

Il capitalismo della sorveglianza
Queste aziende pagano pochissime tasse su profitti enormi, e sono state molto lente a rimuovere i contenuti illegali, compresi alcuni che davano utili consigli su come compiere azioni terroristiche. È vero che offrono servizi, intrattenimento e, nel caso di Amazon, prezzi contenuti. Ma in cambio perseguono anche il loro altro grande obiettivo: mietere informazioni personali sugli utenti mentre questi navigano, comprano e fanno ricerche. I loro profitti, come ha scritto Taplin usando un’espressione memorabile, derivano da un “capitalismo della sorveglianza”. Sono come un grande fratello che vuole essere nostro amico, in modo da poter sbirciare nel nostro portafoglio e prendere appunti sul suo contenuto.

L’Europa ha provato ad arginare questi monopoli ma gli Stati Uniti li hanno lasciati agire indisturbati in nome della libertà di parola, del denaro e della supremazia culturale americana. Tuttavia oggi si profila un cambiamento. Un paio di proposte di legge attualmente in discussione al congresso mirano a considerare editori quei “fornitori di servizi informatici interattivi” che veicolino contenuti legati allo sfruttamento sessuale, rendendoli così legalmente responsabili.

Sembra una cosa alla quale nessuna persona di buon senso potrebbe opporsi ma Google, Facebook e compagni lo stanno facendo. Sostengono che la loro attuale immunità sia fondamentale affinché l’economia online funzioni e prosperi. La loro preoccupazione è che, una volta considerati editori nel limitato contesto del traffico sessuale, questo principio possa essere esteso agli altri materiali che essi veicolano.

Amazon: panico per portafogli smarrito, arrivano i carabinieri il caso risolto in un attimo

RIETI – Curioso inconveniente all’interno del centro di distribuzione Amazon di Passo Corese. Diventato completamente operativo da lunedì scorso, dopo una prima settimana dedicata unicamente allo stoccaggio, nel magazzino hanno cominciato a circolare tantissimi dipendenti. Un affollamento che può creare anche un po’ di confusione.

Come quella di cui è stata vittima un dipendente che recatasi a riprendere i suoi effetti personali, non ha trovato più il suo portafogli. Momento di panico, cui è seguita la chiamata ai carabinieri che hanno raggiunto il blindatissimo centro, salvo poi scoprire che si era trattato di un malinteso. Erroneamente, infatti, il dipendente aveva cercato nell’armadietto sbagliato. Strano? Nella vastità del colosso dell’e-commerce, forse neanche tanto. Come tipica della multinazionale e poco italiana è apparsa la velocità con la quale il caso è stato risolto e archiviato. E’ Amazon, bellezza.

Amazon choc, l’algoritmo consiglia il materiale per fabbricare bombe

Amazon choc, l'algoritmo consiglia il materiale per fabbricare bombe

0

Consigli utili per fabbricare ordigni artigianali dal colosso mondiale dell’e-commerce: Amazon suggerisce ai clienti l’acquisto degli ‘ingredienti’ per costruire bombe.

Un algoritmo sul sito di e-commerce, quello che mostra i prodotti «spesso comprati insieme» all’articolo che un cliente sta guardando, in alcuni casi propone infatti le componenti con cui sarebbe possibile creare un ordigno esplosivo fatto in casa. La circostanza è stata portata alla luce da una tv inglese, nei giorni seguenti all’attentato di venerdì scorso nella metro di Londra con una bomba artigianale. Amazon ha annunciato una revisione del proprio sito web, sottolineando che i prodotti venduti rispettano le leggi.

Come mostrato dall’emittente Channel 4, tra gli acquisti suggeriti su Amazon figurano prodotti legali e innocui ma che, se usati insieme, potrebbero portare alla fabbricazione di una bomba. A chi sta guardando dei cuscinetti a sfera, ad esempio, possono essere mostrati sistemi di accensione, sostanze chimiche o ricetrasmittenti con cui realizzare un detonatore a distanza. «Tutti i prodotti in vendita su Amazon devono aderire alle nostre linee guida, e vendiamo soltanto prodotti che rispettano le leggi britanniche», ha dichiarato un portavoce della compagnia. «Alla luce degli eventi recenti – ha aggiunto – stiamo rivedendo il nostro sito web per garantire che tutti i prodotti siano presentati in modo appropriato».

Gli Scavi? Pagano gli Inglesi

Ha dell’incredibile la storia degli scavi archeologici di Interamna Lirenas, la città romana fondata nel 342 a.c. Lirenas era una città ricca e doveva questa agiatezza al fatto che era situata all’incrocio di due importanti arterie: il fiume Liri-Garigliano che collegava il mare con l’entroterra e la via Latina verso sud.  La città è stata rinvenuta nei Pressi di Pignataro Interamna già nel 1947. L’attività archeologica vera e propria è iniziata nel 2010 con i primi rilevamenti con le sonde, mentre gli scavi sono iniziati nel 2013 con una condivisione dei costi al 50% con il comune di Pignataro.

“L’area degli scavi attuali – afferma il prof. Alessandro Launaro (in foto) docente di storia a Cambridge – interessa la superficie di un ettaro e si concentra sulla superfice del teatro cittadino, mentre il comune di Pignataro ha acquistato da privati altri due ettari anch’essi destinati in futuro all’esplorazione. In realtà la superfice totale della città pare sia di 16 ettari, una enormità rispetto alle configurazioni urbane del tempo”. Insomma c’è ancora tanto da far venir fuori. Da quest’anno però la situazione economica è cambiata: il comune qualche mese fa ha dichiarato il dissesto finanziario e quindi ha messo fine a qualsiasi intervento. Qui nasce la novità: l’Università di Cambridge convinta che il sito archeologico sia di grande importanza storica e che la superfice da esplorare sia ancora enorme ha deciso di finanziare con fondi propri e con donazioni di privati i prossimi lavori di scavo. Alla luce di questa decisione anche un privato italiano, il sig. Silvestro Evangelista, ha preso coraggio ed ha deciso di contribuire con fondi propri. Quello che manca adesso è un più deciso intervento della Sopraintendenza archeologica del Lazio. Come succede spesso in Italia non ci si rende conto del patrimonio che si ha a disposizione. Anche sul nostro territorio gli inglesi arrivano prima.

 

Clima, gli Usa confermano: “Siamo fuori dal trattato di Parigi”

Il Wall Street Journal riferisce le parole del commissario Ue per il Clima: “Ci hanno comunicato il cambiameto, vogliono però rivedere i termini”. Nessuna conferma da parte dell’amministrazione Trump né chiarimenti sui parametri da rivedere.

NEW YORK. Indietro tutta: o quasi, perché con Donald Trump non si può mai sapere. Gli Stati Uniti non si ritirano più dagli accordi di Parigi sul clima. No, gli Stati Uniti confermano il ritiro. Dichiarazioni e controdichiarazioni: che succede?

Certo è che ci sono voluti due uragani e i numerosi incendi che hanno devastato la West Coast per far riaprire il dibattito da questa parte dell’Oceano. Anche per questo, secondo il Wall Street Journal gli Stati Uniti avrebbero addirittura deciso di non uscire più dagli accordi di Parigi negoziati nel 2015 dall’amministrazione di Barack Obama, facendo dietrofront su quanto invece annunciato da President Trump solo lo scorso giugno. L’America che non si ritira dall’accordo, dunque: ma mira a revisionarne i termini.

È quanto sarebbe stato detto dal consigliere della Casa Bianca Everett Eissenstat alla riunione dei ministri dell’Ambiente che si è tenuta oggi a Montreal. Organizzata proprio per discutere come procedere sull’accordo di Parigi senza gli Stati Uniti. A chiedere il meeting, Canada, Cina e Unione Europea nell’anniversario dei protocolli di Montreal firmati 30 anni fa, quando per la prima volta si discusse di come ridurre la protezione e l’uso di quelle sostanze che minacciano lo strato di ozono.

A dare la notizia riportata dal Wall Street Journal è stato il Commissario Europeo per l’Energia e l’azione sul clima Miguel Arias Cañete: «I rappresentanti del governo americano hanno dichiarato di non voler più rinegoziare l’accordo. Ma hanno intenzione di rivedere i termini del loro impegno». Peccato che sia subito arrivata la correzione della correzione. «Non ci sono stati cambiamenti nella posizione degli Stati Uniti sugli accordi di Parigi» dichiara per la Casa Bianca Lindsay Walters. «Come il Presidente ha chiarito già abbondantemente gli Stati Uniti si ritireranno. A meno che non riusciranno a rientrare con termini più favorevoli al Paese».

Lo diceva, d’altronde, lo stesso Wall Street Journal che poteva trattarsi di un cambio di direzione per modo di dire: una scelta, insomma, per tener buoni gli americani in un momento in cui Madre Terra alza la voce. Sì, perché secondo gli accordi gli Stati Uniti – che sono il secondo più grande inquinatore del mondo dopo la Cina – devono

impegnarsi a ridurre significativamente le loro emissioni: ma revisionare i termini potrebbe significare proprio stabilire tetti più alti. Quei “termini più equi” per dirla con le parole del Presidente, che sono stati il suo obiettivo fin dall’inizio.