Spaghetti alla Maradona, Prepariamo questo piatto molto semplice e gustoso. Il classico piatto di mezzanotte che possiamo cucinare sempre, specialmente quando torniamo la sera tardi oppure magari facciamo tardi a casa e dobbiamo cucinare qualcosa di veloce.

Un piatto dedicato al Pibe de Oro. Un piato da 10, giusto per richiamare il numero della maglia del calciatore del Napoli famoso in tutto il mondo. Ma perché questo nome? Non è sicuramente un caso. Il nome infatti è stato dato perché si dice che Diego Armando Maradona adorasse questo piatto e chiedesse spesso, nei vari ristoranti, questa pietanza.

Il campione argentino frequentava di solito tre ristoranti a Napoli, e non poteva mai mancare uno dei suoi tre piatti preferiti: le lumache, il pesce e questi famosi spaghetti. Andiamo quindi a vedere come si preparano e quali sono i poverissimi ( di numero) ingredienti.

Ingredienti:

  • 100 g di spaghetti
  • 1 spicchio di aglio
  • peperoncino piccante
  • olio
  • pane grattugiato

Procedimento

E’ un piatto molto veloce. Quindi per prima cosa riempiamo una pentola d’acqua e mettiamola sul fuoco. Prendiamo ora una padella e aggiungiamo dell’olio di oliva. Facciamo rosolare dell’aglio in camicia ( con la sua buccia, in pratica. In questo modo daremo un sapore più delicato). Non dobbiamo cuocerlo del tutto, dobbiamo evitare di arrivare al punto di fumo dell’olio e bruciare l’aglio.

Una volta rosolato togliamo l’aglio. Ora caliamo la pasta e aggiungiamo il sale per dare sapore. Nella padella dobbiamo messo rosolato l’aglio aggiungiamo gli spaghetti. Mettiamo giusto un goccio di acqua di cottura e saltiamo. Ora aggiungiamo il peperoncini piccante ( senza semi) e il pan grattato. Continuiamo a saltare e buon appetito. Aggiungiamo una grattugiata di parmigiano per gustare meglio.

Un’alternativa, ma non è più il piatto di Maradona, è far tostare un po’ il pan grattato e poi metterlo nell’olio con l’aglio. Ovviamente il pangrattato dovrà sempre essere girato con un mestolo oppure saltato perché non bruci. Continua a leggere i nostri primi piatti