Gli spaghetti alla Luciana sono un primo piatto della tradizione campana che non può mancare a lungo sulle tavole dei napoletani. Un sugo che esalta tutti i sapori del mediterraneo grazie ai polipetti che rilasceranno tutto il loro sapore nel piatto. Il segreto per farli riultare tenerissimi è sicuramente una lunga cottura ma anche altri trucchetti che andremo a vedere. Con l’aggiunta di pomodorini, olive nere e prezzemolo avremo un sughetto davvero unico.

Questo primo piatto è nato per riciclare il sugo del polpo alla luciana, che può essere servito anche come secondo piatto, realizzando quindi un primo e un secondo al contempo. Per il formato di pasta sono ottimi sia gli scialatielli che gli spaghetti, meglio se quelli quadrati, che grazie al loro spessore assorbono meglio il condimento. vediamo quindi come prepararli

Spaghetti alla Luciana, Ingredienti

  • Polipetti 1,5 kg
  • Spaghetti Quadrati grossi 320 g
  • Pomodori pelati 2 l
  • Aglio 1 spicchio
  • Peperoncini piccanti 2
  • Vino bianco 40 g
  • Olive nere denocciolate 50 g
  • Prezzemolo q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale fino q.b.

Preparazione

Iniziamo a preparare i nostri  spaghetti alla Luciana pulendo i polipetti. Quindi prendiamoli e sciacquiamoli sotto acqua corrente del rubinetto, puliamo l’interno della testa ed eliminiamo il becco in mezzo ai tentacoli. Togliamo anche gli occhi e sciacquiamoli di nuovo sotto acqua corrente. Facciamo questa operazione per tutti i polipetti. ( un suggerimento: andranno benissimo per questa ricetta anche i moscardini). Mettiamo da parte

Fatto ciò, prendiamo una padella bella capiente e mettiamo soffriggere in olio extra vergine di oliva, uno spicchio d’aglio scamiciato e del peperoncino a piacere. Lasciamo andare a fiamma bassa per un paio di minuti, e quando l’aglio sarà dorato aggiungiamo i polipetti alzando la fiamma. Facciamoli rosolare ancora per 3/4 minuti poi sfumiamo tutto con del vino bianco. Quando il vino sarà evaporato, versiamo anche i pelati e schiacciamo i pomodori con una forchetta.

Lasciate cuocere senza coperchio per due ore a fuoco lento, fino a che il suoghetto non si sarà addensato e i polipetti saranno belli teneri. Nel frattempo mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata e aspettate che bolla. Quindi fate cuocere gli spaghetti al dente. Nel frattempo versate nella padella anche le olive nere denocciolate ( meglio se quelle di gaeta, ma mai quelle in busta) e aggiungete anche un mestolo di acqua di cottura. Aggiustate di sale e continuate la cottura.

Quando gli spaghetti sono al dente scolateli e gettateli nella padella con il sugo. Spolverate tutto con del prezzemolo tritato fresco e saltate la pasta a fiamma più vivace fino a che gli spaghetti non saranno cotti. Se necessario aggiungete ancora un mestolo di acqua di cottura. I nostri spaghetti alla Luciana sono pronti. Impiattate e servite ben caldi. Qualche consiglio: oltre alle olive potete aggiungere anche dei capperi dissalati. Le olive sono state aggiunte alla fine per non coprire il sapore dei polipetti ma possono essere messe anche all’inizio. Buon appetito!

Leggi anche: Maccarune d’o gravunar, Altro che aglio e olio. L’antica ricetta della nonna napoletana, molto più goloso con l’ingrediente segreto

spaghetti alla luciana