Paese che vai, frittelle dolci che trovi. Oggi ci trasferiamo in Sicilia per la ricetta delle sfinci di cucuzza, dolcissime e buonissime ciambelle a base di zucca. Se l’Italia è il Paese della cucina, è vero che ogni regione ha le sue specialità. Per ogni evento, quindi, possiamo prendere spunto dalle diverse tradizioni che la nostra Penisola ci propone. Tanto piccola quanto ricca, almeno dal punto di vista culinario. Le sfinci poi hanno una storia davvero interessante. La loro preparazione era infatti associata ai lavori di costruzione dei tetti delle case. Quando erano a buon punto, le donne della famiglia le cucinavano.

Successivamente, inviavano le frittelle agli amici e ai parenti. Un messaggio che stava a significare che il tetto era quasi pronto. In risposta, gli amici preparavano dolci e biscotti di ogni genere e li portavano agli operai mentre erano sul cantiere. Alla vista di tutti quei dolci i lavoratori pronunciavano le parole ‘Ca veni’. Parole propiziatorie affinché il tetto venisse solido e contatto. Una storia interessante avvolge le sfinci di cucuzza, storia che può essere di ispirazione per chi sta facendo dei lavori alla propria casa. O più semplicemente per chi ha voglia di un dolce buonissimo.

Frittelle siciliane Sfinci di cucuzza

Ingredienti

  • zucca gialla 1 kg
  • zucchero 100 g
  • farina q.b.
  • uva passa 1 manciata
  • rosmarino 1/2 rametto (o cannella)
  • bicarbonato 1 cucchiaino
  • lievito di birra 1 bustina
  • olio di semi di girasole q.b.
  • zucchero o miele q.b. dopo la cottura

Preparazione

La prima cosa da fare per cucinare le buonissime frittelle siciliane è preparare gli ingredienti. Pulite la zucca, eliminate i semini e i filamenti e tagliatela a cubetti. Lasciatela cuocere in abbondante acqua finché non risulta molto morbida. Mentre aspettate che cuoce, potete preparare gli altri ingredienti. Tritate finemente il rosmarino.

Ammorbidite l’uva passa nell’acqua e poi strizzatela per bene. Adesso potete tornare alla zucca. Scolatela bene e frullatela finché non diventa una crema molto morbida. In una ciotola capiente versate la crema di zucca, il lievito, lo zucchero, il bicarbonato, l’uvetta, il rosmarino. Al posto del rosmarino, se la preferite, potete utilizzare la cannella. Adesso è giunto il momento di aggiungere la farina. La quantità dipende dal composto. Cospargete finché l’impasto non comincerà a staccarsi dalla ciotola. Coprite l’impasto con un canovaccio e lasciatelo lievitare per un’ora.

In una padella capiente, fate riscaldare l’olio di semi di girasole. Prendete l’impasto con un cucchiaio e adagiatelo nell’olio bollente. Una volta fritte, poggiate le frittelle su della carta assorbente, per eliminare l’olio in eccesso. Cospargetele quindi con lo zucchero (in alternativa il miele o il vin cotto). Le vostre sfinci di cucuzza sono pronte.

LEGGI ANCHE—> Pittelle calabresi: le frittelle di zucchine morbide dentro e croccanti fuori. Si preparano in 5 minuti e si sciolgono in bocca

Sfinci di cucuzza