Visite Articolo:
183

Nel porto di Bari sono stati sequestrati circa 500 litri di Rakia, una grappa albanese, che erano nascosti a bordo di un bus senza documentazione commerciale e sanitaria che ne legittimasse il trasporto. I funzionari dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli con la Guardia di Finanza e la Polizia di Frontiera hanno denunciato il conducente dell’autobus, sbarcato da un traghetto proveniente dall’Albania, e sequestrato il mezzo.

Dopo un controllo effettuato sul bus al varco doganale, sono stati trovati occultati in un vano nascosto all’interno del mezzo 85 recipienti di plastica contenenti il distillato superalcolico di fabbricazione albanese, custoditi in un doppiofondo naturale del portabagagli chiuso con apertura nascosta e sbloccata mediante tiraggio di un filo d’acciaio posizionato in un vano attiguo.

All’autista sono contestati i reati di contrabbando e trasporto non autorizzato di prodotti soggetti ad accise, oltre alla violazione del codice della strada per trasporto di cose con veicoli sprovvisti di idonee autorizzazioni. L’autobus è stato anche sottoposto a fermo amministrativo per tre mesi.