Visite Articolo:
14

I Carabineri di Acquaviva delle Fonti hanno scoperto un deposito della droga all’interno di un garage; nella struttura, inoltre, sono stati  rinvenuti sia denaro, risultato provento dell’attività illecita, sia un auto rubata. In manette sono finiti madre e figlio, rispettivamente di 39 e 18 anni, accusati di detenzione ai fini di spaccio di stupefacente di varia tipologia e ricettazione di un’auto rubata L’attività di indagine è iniziata qualche giorno fa, monitorando con costanza gli spostamenti dei due, i quali raggiungevano più volte un casolare sulla via per Sannicandro, dove poi iniziavano insoliti movimenti di soggetti. Ipotizzando che fosse stata avviata in quella zona periferica un’attività di spaccio, i Carabinieri della locale Stazione hanno deciso di effettuare i controlli del caso. Se da un lato la perquisizione nel casolare ha dato esito negativo, quella effettuata presso l’abitazione ha permesso di ritrovare, nascosto in una cristalliera, 17 dosi fra eroina e cocaina; all’interno dell’armadio della camera da letto è stata trovata altra droga, nonché tutto il materiale necessario per il confezionamento e il taglio della droga. Infine, la perquisizione nel garage. 

L’auto presentava la forzatura del quadro di accensione. Dagli accertamenti eseguiti, l’auto è risultata oggetto di furto consumato nella provincia di Taranto nel mese di dicembre 2019. Arrestati entrambi, per la donna sono stati disposti gli arresti domiciliari, mentre il figlio di trova in carcere.