Banco Farmaceutico, Afm spa e CRI – Comitato L’Aquila invitano i cittadini ad andare in farmacia per donare un medicinale per chi ha bisogno

Si possono donare uno o più farmaci da banco in una delle farmacie comunali dell’Afm spa aderenti: Coppito, Pettino e Santanza. La crisi economica innescata da quella sanitaria ha spinto chi già era povero in una condizione di ulteriore marginalità. Nel 2020, in Italia, 434.000 persone non hanno potuto acquistare le medicine per ragioni economiche. Anche le realtà assistenziali hanno subito l’impatto della pandemia: il 40,6% ha sospeso alcuni servizi. Il 5,9% ha chiuso e non ha ancora riaperto.

Anche quest’anno, la GRF – Giornata di Raccolta del Farmaco, si farà. Durerà una settimana, da martedì 9 a lunedì 15 febbraio. Nelle tre farmacie comunali dell’Afm spa (Coppito, Pettino e Santanza) che hanno aderito all’iniziativa i cittadini potranno donare uno o più medicinali da banco per i bisognosi. I farmaci raccolti saranno consegnati ad enti assistenziali che si prendono cura delle persone indigenti: C.R.I. – Comitato L’Aquila, FRATERNA TAU – ONLUS e CARITAS DI L’AQUILA.

Si invitano i cittadini ad andare appositamente in farmacia per donare un farmaco.

L’iniziativa è possibile grazie al sostegno di oltre 17.000 farmacisti, titolari e non che, oltre ad ospitare la GRF, la sostengono con erogazioni liberali. Anche quest’anno, l’iniziativa sarà supportata da oltre 20.000 volontari che staranno fuori dalle farmacie per invitare i cittadini a donare un farmaco.

Quest’anno, la GRF si farà non solo nonostante la pandemia, ma a motivo della pandemia: a causa della crisi economica innescata da quella sanitaria, tante persone hanno perso il lavoro, chiuso la propria attività o subito una riduzione del proprio reddito. Chi, poi, era già povero è stato spinto in una condizione di ulteriore marginalità.

Nel 2020, 434.000 persone indigenti hanno avuto bisogno di medicinali, ma non hanno potuto acquistarli per ragioni economiche. 173.000 di essi hanno rinunciato a curarsi perché – impauriti dal Covid – non hanno chiesto aiuto agli enti assistenziali. Oppure, hanno chiesto aiuto ma, in molti casi, gli enti che fornivano loro sostegno, avevano subito l’impatto della pandemia: il 40,6% ha sospeso alcuni servizi. Il 5,9% ha chiuso e non ha ancora riaperto. Gli indigenti, quindi, sono stati ulteriormente deprivati della necessaria protezione sociale. Non bisogna dimenticare che, chi è povero, può spendere, per le medicine, circa ¼ rispetto al resto della popolazione: solo 6,38 euro al mese, contro 28,18 euro. (Fonte: 8° Rapporto sulla Povertà Sanitaria di Banco Farmaceutico).

«Nel suo piccolo l’Azienda Farmaceutica Municipalizzata, che gestisce le farmacie comunali sul territorio dell’Aquila, sta mostrando grande sensibilità verso i temi legati al sociale, a tal proposito l’Azienda sente di poter dare il proprio contributo anche in questo frangente di particolare criticità legato alla crisi economica innescata dalla pandemia Covid-19 ospitando e sostenendo, per il terzo anno di seguito, le Giornate di Raccolta del Banco Farmaceutico. Per questo, invitiamo chiunque possa permetterselo ad andare in farmacia – ad andarci appositamente, magari – per donare un medicinale per chi non può permetterselo», ha dichiarato Alessandra Santangelo – Amministratore Unico AFM del Comune dell’Aquila.

ll Presidente della Croce Rossa/ Comitato L’AquilaMarco Antonucci – ricorda che “Da quasi un anno, Il Comitato è parte integrante del progetto Nazionale CRI denominato ‘Il Tempo della Gentilezza’ che attraverso il numero verde CRI Nazionale (800 – 065510, attivo H24) garantisce la presa in carico delle richieste di aiuto provenienti da cittadini in serie difficoltà economiche, frutto dell’attuale emergenza sanitaria, con il coinvolgimento diretto dei Comitati territoriali, favorendo una maggiore integrazione e valorizzazione delle attività offerte nei territori. Inoltre sono già attive il ‘Pronto Spesa’ – con consegna anche a domicilio dei beni – coadiuvate dall’iniziativa della #SpesaSospesa e il ‘Pronto Farmaco’ in collaborazione con L’Azienda Farmaceutica Municipalizzata (AFM).” “A breve, vista la collaborazione oramai collaudata, da quasi un anno, con l’AFM saremo attivi con un nuovo servizio, la distribuzione dei farmaci da banco, nell’ottica di ampliare il supporto alle fasce più deboli, merito della preziosa collaborazione con le altre realtà presenti sul nostro territorio. Un grazie va in particolar modo al nostro nuovo partner il Banco Farmaceutico Fondazione Onlus” ha concluso.