Visite Articolo:
65

Si è tenuta ieri, nella sede dell’Assessorato alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Basilicata, un incontro con i vertici della Giunta del Comune di Potenza e dell’Ater di Potenza per sciogliere il nodo di Bucaletto, relativamente alla Costruzione di 5 fabbricati per complessivi 70 alloggi e 10 locali per cui sono stati stanziati 7 milioni di euro di fondi rivenienti dal PO-FESR Basilicata 2014/2020, nonché ulteriori fondi di diretta competenza comunale.

“Si tratta – ha riferito l’assessore regionale alle infrastrutture Donatella Merra – di un intervento strategico per incrementare la disponibilità di alloggi sociali e servizi abitativi in favore delle categorie fragili per ragioni economiche e sociali, nonché di interventi infrastrutturali finalizzati alla sperimentazione di modelli innovativi sociali e abitativi su cui la Regione si sta impegnando alacremente. Il tavolo– ha proseguito l’assessore – ha stabilito che il nuovo soggetto attuatore dell’operazione sia il Comune di Potenza e non più l’Ater la quale, a causa di una carenza di personale amministrativo, ritiene necessario concentrarsi sulla gestione ordinaria delle proprie attività collegate al patrimonio edilizio, nonché su altri interventi di cui è già titolare. L’Ater gestisce 5.500 alloggi in tutta la provincia, di cui 500 di proprietà dei Comuni e la metà questi di proprietà del solo Comune di Potenza. In virtù di quanto espresso dall’Ater con una propria nota sulle difficoltà dell’Azienda e dunque per sgravare l’Ente dalle molteplici incombenze che possono inficiare il suo funzionamento ordinario, abbiamo inteso proporre – ha aggiunto l’assessore – un trasferimento della titolarità progettuale, tanto per preservare i finanziamenti europei che per procedere più speditamente con le attività relative all’intervento”.