Perseguita una donna distribuendo anche i volantini denigratori, la polizia arresta un uomo

Gli agenti della Divisione anticrimine della Questura di Frosinone
Non gli bastavano i post sui social, le telefonate e le lettere anonime inviate anche a parenti e amici. Per denigrare la donna che non voleva sapere niente di lui, un uomo è arrivato persino a distribuire volontani nel paese di origine della vittima, una 50enne della provincia di Frosinone. Per lo stalker, già colpito da una misura di divieto di avvicinamento, ora sono scattati gli arresti domiciliari.

Il caso è stato seguito dagli uomini del dr. Antonio Giordano, dirigente della Divisione Polizia Anticrimine della Questura.
La donna aveva raccontato agli inquirenti il suo calvario fatto di molestie sessuali e condotte persecutorie tali da rendere la sua vita impossibile: post sui social, volantini distribuiti in ogni angolo del paese dove la donna viveva, telefonate, messaggi, lettere anonime, indirizzate anche a parenti ed amici della stessa con l’unico obiettivo di denigrarla.
Dopo gli  accertamenti, su delega della Procura della Repubblica di Frosinone, era stata disposta anche la perquisizione presso l’abitazione dell’uomo e presso il suo ufficio nella capitale.
Con i poliziotti della Questura di Frosinone avevano collaborato i colleghi del Commissariato capitolino “Esposizione”, con il sequestro tutto il materiale utilizzato per mettere in atto le persistenti azioni persecutorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto