La pasta e ceci è il piatto che sicuramente ci viene in mente in questo periodo autunnale. I primi freddi ci fanno venire voglia di zuppe, di legumi, di minestre. Nella tradizione napoletana i ceci si preparano in bianco, insaporiti soltanto da aglio olio e peperoncino. Insieme alla pasta mista, immancabile in questo tipo di primo piatto.

Ma non tutti sanno che i ceci servono anche per sconfiggere il male. Secondo una tradizione basca infatti, se satana vi sta inseguendo vi basterà lanciare per terra una manciata di questi legumi. Sarà costretto a fermarsi per contarli, dandovi il tempo di fuggire. La leggenda è stata anche riportata ultimamente in un film spagnolo. Il regista si chiama Paul Urkjio Alijo e la pellicola è intitolata Errementari. E’ tratta dalla fiaba europea Il fabbro e il diavolo e ritrae proprio una scena in cui quest’ultimo deve fermarsi a contare i ceci.

Non soltanto i legumi, sembra che tutti gli oggetti di piccole dimensioni possano rappresentare un fermo per le presenze demoniache. Tornando a Napoli e alle sue tradizioni infatti abbiamo le streghe, le cosiddette ianare, che devono necessariamente contare i fili di paglia delle scope. Oggi speriamo di utilizzare i ceci soltanto in cucina, per accompagnare la pasta.

Pasta e ceci, Ingredienti

  • pasta 400 g
  • ceci 400 g
  • olio q.b.
  • aglio 2 spicchi
  • peperoncino q.b.
  • prezzemolo q.b.

Preparazione

I ceci secchi dovranno essere ammorbiditi, quindi lasciati in ammollo in acqua per almeno dodici ore. In caso contrario potrete utilizzare quelli in scatola. Dopo il tempo necessario ad ammorbidirli, scolateli e rimetteteli in pentola. Copriteli di acqua e lasciateli cuocere a fuoco lento, finché non raggiungono le consistenza desiderata.

In un altro pentolino lasciate riscaldare l’olio extravergine di oliva e fate sfrigolare l’aglio insieme al peperoncino. Aggiungete i ceci insieme alla loro acqua e regolate di sale. Portate a bollore e buttate la pasta. Mescolate spesso se volete un risultato cremoso. Se preferite la zuppa aggiungete ancora acqua a piacimento. Completate con il prezzemolo.

Leggi anche: Pasta alla Gonzaga, la ricetta storica che si tramanda da 400 anni: bastano poche mosse per un piatto saporitissimo

pasta e ceci