Pesto alla trapanese, Ricetta semplice per l’elaborazione, ma anche complessa perché bisogna dosare bene gli ingredienti e cercare un equilibrio che non sembra proprio facilissimo. Tutti gli elementi devono essere freschi, anzi, super freschi. Cercate bene le vostre mandorle e non preferite quelle in busta, anche se è la via più semplice. Alcune mandorle che comprate al supermercato spesso non hanno molto sapore. Magari potete prendere quelle con la buccia o addirittura quelle con il guscio per poi pulirle voi. Il sapore intenso della mandorla ha un ruolo fondamentale.

La ricetta che proponiamo è un classico della cucina siciliana, anzi, trapanese. La versione è quella di Giorgio Locatelli, uno degli chef più amati della televisione e famoso per la sua cucina e il suo ristorante a Londra. Celebre per la cultura gastronomica che mostra e dimostra nei suoi piatti, questo è una parte del viaggio raccontato nel suo libro “Made in Sicily”. Ma andiamo a vedere come si prepara e quali sono gli ingredienti.

Ingredienti del pesto alla trapanese di Locatelli

  • 400 gr di pasta
  • 500 g di pomodori perini
  • 75 g di mandorle
  • 40 g di menta fresca spezzettata
  • 50 ml di olio evo
  • 4 spicchi di aglio
  • sale marino e pepe nero appena macinato

Preparazione

Per prima cosa scaldate il forno a 180 gradi. Prendete la placca del vostro forno e disponete le mandorle in maniera sparsa. Dopo averlo preriscaldato infornate per 8 minuti stando attenti non bruciarle. Le faremo dorare ( non abbiamo specificato che devono essere senza buccia) e una volta tolte tritatele nel mixer.

Fatto questo scottiamo i pomodori in acqua bollente per giusto 10 secondi: scoliamoli sotto l’acqua corrente fredda. Sarà ora facile sbucciarli facilmente. Tagliateli a metà e rimuovete i semi con un cucchiaio. Tritate anche la polpa.

Sempre nel mixer sminuzziamo anche l’aglio nelle mandorle e otteniamo un composto bello cremoso ( se avete un mortaio o un pestello meglio ancora, gli olii usciranno tutti fuori). Aggiungete i pomodori, il sale, il pepe e la menta, poi riprendete a pestare per schiacciare un po’ i pomodori. Infine incorporate l’olio a filo, lavorando il tutto fino a ottenere una salsa cremosa.

Fatto questo mettete la pentola con l’acqua e una volta raggiunto il bollore calate la pasta ( salate l’acqua). Saltate in padella la pasta con il pesto allungando con un po’ di acqua di cottura. La nostra pasta al pesto trapanese è pronta per essere gustata. Il pesto puù essere preparato anche in anticipo e conservato in frigorifero fino a due giorni. In questo caso basterà riscarldarlo nuovamente in padella per qualche minuto. Buon Appetito

pesto alla trapanese