Partorisce in auto aiutata dal marito, avventura a lieto fine per una giovane coppia di Pontecorvo

di Roberta Pugliesi
Partorisce in auto grazie alla prontezza e al coraggio del marito. Una esperienza straordinaria ed emozionante è quella che ha vissuto una giovane coppia di Pontecorvo nella notte tra lunedì e martedì. Sono da poco passate le ore 2 quando Valentina, giovane donna giunta al nono mese di gravidanza, capisce che è arrivato il momento tanto atteso e che la sua piccolina sta per venire alla luce. Le contrazioni diventano sempre più forti e con il marito, Valerio, originario di Alatri, decide di prendere la valigia preparata con amore già da qualche settimana, mettersi subito in auto e di scappare all’ospedale di Sora. È una corsa contro il tempo.

I due sono quasi giunti a destinazione ma in prossimità di una rotatoria, nel centro urbano, accade il miracolo. Valentina si rende conto che la sua piccola sta per nascere sul sedile della loro auto. Papà Valerio accosta l’auto e chiama il 118 mentre già vede la testolina di sua figlia che non vuole più aspettare. E grazie all’assistenza preziosa dei sanitari, mediante il telefono, il coraggioso e prontissimo papà fa nascere la piccola Rachele, 3 chili e 340 grammi di bellezza. A quel punto i due – ora in tre – ripartono con il cuore in gola, in un misto di paura e gioia, per l’ospedale dove Valentina arriva con sua figlia in braccio e con il cordone ombelicale da tagliare. Tutto è pronto nel nosocomio, con i medici e gli infermieri pronti a prendersi cura della piccola e di sua madre.
«UN’ESPERIENZA UNICA»
«Quella che abbiamo vissuto è stata un’esperienza unica: abbiamo avuto tanta paura, ma alla fine la gioia è stata immensa», ha detto Valentina all’indomani della meravigliosa avventura. «È stato tutto così veloce e naturale, eravamo per strada, quando le contrazioni sono aumentate. Non c’era più tempo, mio marito ha subito fermato l’auto e mi ha dato tutto l’aiuto necessario. In pochi minuti Rachele era tra la sue braccia. Mio marito è stato bravissimo. È stata un’emozione molto forte, unica direi, ma allo stesso tempo sono stati minuti di grande ansia. Abbiamo avuto paura per le sorti di Rachele. Quando siamo arrivati al pronto soccorso il personale si è subito preso cura di me e di Rachele. Tutto è andato per il meglio, stiamo bene sia io che la bimba».
In effetti, il parto naturale è stato veloce, spontaneo e tutto è andato per il verso giusto. Sia mamma Valentina che la piccola Rachele stanno benissimo e trascorreranno qualche altro giorno nell’ospedale “SS. Trinità” per poi fare rientro, tutti insieme – per la prima volta e per sempre – nella loro casa. Una storia di amore a lieto fine che senza dubbio mamma Valentina e papà Valerio racconteranno alla loro Rachele quando sarà più grande, magari nel lettino prima di andare a dormire proprio come fosse una favola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *