Nuovo video del ladro colpito da proiettile: esce dall’ospedale minaccioso, ma è una bufala

Spread the love

Spunta in queste ore in Rete un nuovo video che ci mostra il ladro colpito da proiettile e pronto a tornare a fare quello che gli riesce meglio, nonostante quello che a suo dire gli sarebbe capitato dopo che è stata promossa la legge sulla legittima difesa. Esattamente come abbiamo evidenziato nella giornata di ieri, quando sulle nostre pagine abbiamo preso in esame il primo video di questa mini serie (lo trovate qui), occorre sottolineare subito che siamo davanti ad una bufala bella e buona.

Il protagonista del video in questione, infatti, non è un ladro colpito da proiettile, ma Saolini. Per chi non lo sapesse, si tratta di un noto troll che è solito fingersi personaggio del momento, a seconda dei temi di attualità che potenzialmente possono far più presa presso il pubblico. Dopo le recenti novità legislative sulla legittima difesa, non a caso, ha deciso di fingersi malvivente per far percepire a tutti quali siano le controindicazioni di una legge che potrebbe accentuare l’effetto far west in Italia.

Il tutto, ovviamente, con qualche esagerazione ed una punta di ironia, per rendere il contenuto più divertente. Da sempre Saolini agisce così, secondo quanto dichiarato dal diretto interessato, per sensibilizzare i cosiddetti analfabeti funzionali che di volta in volta ci cascano sempre. Resta il fatto che la sostanza non debba mai essere dimenticata dagli internauti. E in questo caso ci dice che il ladro colpito da proiettile post legge sulla legittima difesa non esiste.

Così come trae in inganno il secondo video che potete apprezzare qui di seguito, nel quale emerge un personaggio che si limita a prendere in giro coloro che tendono a ricondividere di tutto sui social, senza verificare l’autenticità di un documento come quello che trovate qui di seguito.

fonte:
https://www.optimagazine.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.