L’ex governatore sulla vittoria del centrosinistra nella sua Puglia, il partito dei sindaci (“programma velleitario”) e il successore Emiliano: “Un po’ fascista, un po’ sceriffo”. E non perdona i 5 Stelle “scendiletto di Salvini”