La lingua di vitello è un ingrediente protagonista di moltissimi piatti della tradizione culinaria italiana: dalla lingua di vitello alla piemontese con una saporita salsa verde al prezzemolo, alla lingua di vitello alla genovese, una ricetta povera a base di cipolle, o semplicemente lessata o bollita, accompagnata da senape o maionese. Un tipo di carne tenerissima e gustosa, davvero versatile, che si adatta benissimo a così tante ricette, per ottenere piatti saporiti e deliziosi; fa parte di quei tagli sottovalutati e poco utilizzati, chiamati “quinto quarto”, anche se non propriamente economici.

Cucinare la lingua di vitello è molto semplice, è sufficiente seguire alcuni accorgimenti ed il successo è assicurato: come sempre, la materia prima deve essere di ottima qualità, sicura e fresca; effettuare una corretta pulizia iniziale, con lavaggio sotto acqua corrente ed attenta eliminazione delle parti grasse, e della pelle che la ricopre totalmente, utilizzando un coltello ben affilato, se si deve lessare si può eliminarla dopo la cottura; la cottura deve essere lenta, richiede almeno due ore: quando la forchetta si infila con facilità, la carne è cotta!

Insieme alla carne è possibile cucinare anche delle verdure, come piselli, carote e patate, o funghi a fettine, perfetto per accompagnare una fumante polenta. La lingua di vitello al sugo di pomodoro e patate, è un piatto tradizionale della cucina povera, molto saporito, e facile da preparare; può essere cucinato in anticipo e scaldato al momento del consumo: se cucinato il giorno prima risulta ancora più buono perché la carne si insaporisce, restando tenera e morbida grazie alla presenza del sugo. Morbide consistenze, sapori e profumi unici per questo piatto che conquisterà tutti.

Lingua di vitello al sugo di pomodoro e patate

Ingredienti per 4 porzioni

  • una lingua di vitello da circa 800 g
  • una cipolla
  • un pezzo di sedano
  • una carota
  • una foglia di alloro
  • sale

Sugo al pomodoro

  • 500 g di passata di pomodoro
  • 100 g di misto per soffritto (sedano, carota, cipolla)
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe
  • rosmarino, salvia, alloro

Inoltre

  • 5 patate medie

Procedimento

Lavate accuratamente la lingua di vitello, eliminate tutte le parti grasse e lasciatela a bagno in acqua fredda per circa un’ora; trascorso il tempo, scolatela e lessatela in acqua salata con sedano, cipolla, carota e alloro, per circa un’ora o più, fino a che la carne sarà ben cotta e morbida. Nel frattempo, in un ampio tegame, fate soffriggere, il sedano, carota e cipolla tritati, con qualche cucchiaio di olio, fino a che le verdure saranno rosolate; versate la passata di pomodoro, sale e pepe, ed erbe aromatiche, e cuocete il sugo per mezz’ora, senza farlo restringere troppo.

Sbucciate le patate, tagliatele a pezzi e lavatele, tenendole in acqua fredda fino all’utilizzo. Quando la lingua di vitello sarò cotta, lasciatela intiepidire, spellatela e tagliatela in fette di circa due cm di spessore, oppure a cubetti. Aggiungete nel sugo al pomodoro la carne ad insaporire e le patate a cuocere, aggiungete un mestolo del brodo di cottura della lingua, salate e pepate; fate cuocere, coperto ed a fuoco medio, fino a che le patate saranno morbide ed il sugo ristretto e profumato. Impiattate la lingua di vitello in umido con patate, e servitela, spolverando a piacere con prezzemolo fresco tritato finemente.

ricette dal blog Caos&Cucina