Dopo quasi un decennio di progettazione e sviluppo, quella che viene definita «la casa più costosa del mondo» è finalmente pronta. Si trova su un terreno di cinque acri nell’elegante quartiere di Bel Air a Los Angeles e si chiama The OneGli interni della proprietà di 105.000 piedi quadrati sono rimasti un segreto gelosamente custodito. Fino ad ora. AD entra in esclusiva per uno sguardo all’interno di questa proprietà da record e al design che si cela dietro al suo prezzo di 340 milioni di dollari.

© Douglas Friedman

Circondata su tre lati da un fossato e da una pista da jogging lunga 400 piedi, la tenuta sembra galleggiare sopra la città. Completata in otto anni e richiedendo 600 lavori per la costruzione, la casa è stata progettata dall’architetto Paul McClean, che è stato chiamato dal proprietario e costruttore Nile Niami per realizzare il suo sogno.


«Questo progetto è stato emozionante e allo stesso tempo una grande sfida», afferma McClean. Ma l’impressionante dimensione della casa e il suo rapporto di lunga data con Niami hanno convinto McClean non solo ad accettare il progetto, ma a «creare qualcosa di unico e spettacolare».


E McClean ci è sicuramente riuscito.


Con i suoi soffitti alti 8 metri, l’ingresso principale della casa conduce a una serie di aree con viste panoramiche a 360 gradi sull’Oceano Pacifico, sul centro di Los Angeles e sulle montagne di San Gabriel. L’area di ingresso è piena d’acqua, insieme a una scultura e a un ponte. «L’acqua è qualcosa che usiamo spesso nel nostro processo di progettazione perché consente un cambiamento sensoriale che ti aiuta ad adattarti all’ambiente circostante“, afferma McClean.


L’uso del nero, del bianco e del grigio in tutta la casa nasce dal desiderio di Niami di avere una tavolozza neutra che permettesse al paesaggio e ai panorami di risplendere.


Traendo ispirazione dall’ambiente circostante e dalla storia del modernismo di Los Angeles, McClean ha collegato l’interno della casa con l’esterno «per fornire la quintessenza della vita a Los Angeles, ma su scala più ampia», spiega. «Per rendere la casa accogliente ma anche social, abbiamo separato gli spazi di intrattenimento dalle zone giorno posizionandole su due piani diversi».

Una scultura bianca rotante intitolata “Unity” di Mike Fields è nell’atrio della casa, che presenta anche un lampadario personalizzato in vetro di Murano bianco. © Douglas Friedman

Oltre al design accattivante ci sono i numeri altrettanto sbalorditivi della casa. Ci sono 42 bagni, 21 camere da letto, una master suite di 5.500 piedi quadrati, una galleria di 30 box auto, una pista da bowling a quattro corsie, un livello spa, un cinema da 30 posti, un’ala filantropica (con una capacità di 200 persone) per gala di beneficenza con baccelli galleggianti che si affacciano su Los Angeles, uno sky deck di 10.000 piedi quadrati e cinque piscine.


Insieme a Niami, Kathryn Rotondi, fondatrice di KFR Design, ha lavorato al design degli interni per dare forma a spazi distintivi che fluiscono l’uno nell’altro nonostante la grandezza della casa. «Ho guardato moltissimo agli elementi con il ‘fattore wow’ del settore dell’ospitalità”, afferma Rotondi, che si è ispirata ai migliori hotel di lusso come Aman, Bulgari e Baccarat. Nel frattempo, la tavolozza dei colori, le trame morbide e l’illuminazione della casa sono un’ode alla boutique di Tom Ford su Rodeo Drive, una delle preferite di Niami e McClean.


Grazie alla collaborazione tra Creative Art Partners e Art Angeles, la proprietà presenta un’impressionante collezione di opere arte, tra cui un’installazione a farfalla di Stephen Wilson al piano inferiore e un pannello personalizzato Niclas Castello in nero e argento in ufficio. C’è anche una vasta collezione di mobili su misura di Showroom.


A causa delle ordinanze cittadine approvate di recente, una casa di questa portata non sarà mai più costruita a Los Angeles, il che significa che The One rimarrà davvero unica nel suo genere. «Questo progetto è stato un viaggio così lungo ed educativo per tutti noi», sottolinea McClean. «È stato affrontato con entusiasmo ed è stato emozionante da creare, ma non credo che nessuno di noi si sia reso conto di quanto impegno e tempo ci sarebbero voluti per completare il progetto». 


Ora è il momento di trovare l’acquirente perfetto. Branden e Rayni Williams di The Beverly Hills Estates, insieme ad Aaron Kirman di Compass, se ne stanno occupando.