Visite Articolo:
73

La Basilicata secondo l’ISTAT registra l’incidenza di povertà relativa più alta del Paese (23,4%); di seguito abbiamo la Campania e la Calabria (20,8% in entrambe), mentre il Trentino Alto Adige (4,3%), l’Emilia Romagna (5,3%) e la Valle d’Aosta (5,4%) presentano i valori più bassi, in tutti i casi non significativamente diversi dallo scorso anno.

Circa 4 milioni di persone in Italia percepiscono attualmente una forma di sostegno economico a contrasto della povertà. Lo rende noto l’INPS che oggi ha diffuso i dati relativi al mese di maggio.

Grazie al Reddito e alla Pensione di Cittadinanza, a cui nel corso della pandemia è stato aggiunto il Reddito di Emergenza che con il decreto Sostegni-bis è stato prorogato fino a settembre, il MoVimento 5 Stelle ha costruito una cintura di protezione sociale che ha garantito stabilità al Paese in un momento difficilissimo. 

Come ha evidenziato ieri l’ISTAT, nonostante la crisi innescata dalla pandemia che ha acuito il problema della povertà, nel 2020 l’insieme di queste misure di sostegno ha portato a una diminuzione del valore dell’intensità della povertà assoluta, consentendo alle famiglie in difficoltà economica di mantenere una spesa per consumi non molto distante dalla soglia di povertà.

I dati dell’Istituto di statistica ci impongono ulteriori sforzi per tutelare i cittadini che versano in condizione di povertà, a iniziare dal rafforzamento del Reddito di Cittadinanza per garantire più risorse alle famiglie numerose.

Nessuno deve rimanere indietro: questo è e continuerà a essere il nostro principale obiettivo.

Gianni Leggieri

Gianni Perrino

Carmela Carlucci

Gruppo Consiliare M5S Basilicata