Il risotto può diventare una vera e propria opera d’arte, se cucinato nel modo giusto. Il risultato infatti può essere cremoso, avvolgente, unico, ma solo seguendo delle regole ben precise. Ci sono cinque segreti per affrontare la preparazione di questo primo piatto come si deve. Il primo è sicuramente la scelta dell’ingrediente principale: il riso. In commercio ne esistono di tantissimi tipi differenti, ma non tutti sono quelli giusti per la creazione di un risotto. Sugli scatoli trovate l’utilizzo che si può fare di quell’alimento, ma possiamo dirvi che i due perfetti per l’obiettivo sono il Carnaroli e il Vialone Nano.

Trucchi per un risotto perfetto

Il secondo segreto per ottenere un risotto perfetto è la tostatura. Prima di essere cotto insieme al brodo, infatti, il riso deve essere tostato in padella. Questa operazione si può fare anche a secco, senza aggiungere nulla, oppure preparando un soffritto con burro, olio e cipolla. L’ingrediente dovrà tostare per almeno due minuti. A occhio comunque vi renderete conto di quando è pronto per la preparazione, perché diventerà perlato e asciutto. Passiamo quindi al brodo, importantissimo per la preparazione del nostro primo piatto. Per un risultato perfetto deve essere preparato rigorosamente in casa.

Ci vuole pochissimo tempo, dopo potete utilizzare in altra maniera le verdure che avete scelto per la sua preparazione, e vi garantisce un risotto con tutt’altro sapore. In estate potete prepararlo con pomodori e zucchine. Per renderlo più invernale, invece, potete aggiungere una foglia di alloro e un chiodo di garofano. Ricordate anche di non aggiungere il sale. Proprio quest’ultimo è l’ingrediente alla base del nostro quarto segreto. Ci sono determinati momenti in cui può essere aggiunto: o durante la fase della mantecatura, per essere aggiustato successivamente; o negli ultimi due minuti di cottura; o al momento di mantecare.

Arriviamo al quinto e ultimo segreto per il risotto perfetto: la mantecatura. In questo caso c’è una sola regola da seguire: deve essere effettuata a fuoco spento. Adesso che siete a conoscenza dei consigli corretti per la preparazione del vostro primo piatto, passiamo alle fasi della cottura. La prima cosa da fare è preparare il brodo vegetale e metterlo da parte. In una padella, tostate il riso a fiamma media. Quando è pronto, aggiungete qualche mestolo di brodo e mescolate lentamente e spesso (anche ininterrottamente). Lasciate cuocere per almeno 16/18 minuti.

Nel frattempo potete preparare a parte il condimento. Ce ne sono di tutti i tipi: salsiccia e funghi; stracchino e filetto di vitello; caciotta e tronchetto di vitello; funghi porcini, animelle e mirtilli; zafferano con ossobuco. Insomma, ne avete per tutti i gusti, basta solo seguire la vostra voglia del momento. Il condimento dovrà essere unito al risotto durante gli ultimi due minuti di cottura. Continuate a mescolare e mantecate a fuoco spento con il formaggio grattugiato.

Leggi anche: Risotto Cacio e Pepe di Cannavacciuolo, Il segreto dello chef per un risotto perfetto: “Ecco Cosa aggiungo alla fine per farlo così cremoso”

risotto