Oggi vi presentiamo il castagnaccio nella sua versione napoletana. Si tratta di un dolce tipico del periodo autunnale, perché fatto a base di farina di castagne, che sicuramente non è adatto per chi è perennemente a dieta. La tradizione vede la nascita di questo piatto nel nord Italia, nello specifico in Toscana. Ma grazie alla sua bontà è diventato un dolce cucinato in tutta la nostra penisola e ovviamente ognuno ha voluto aggiungerci il suo tocco speciale. Come i napoletani, che in cucina hanno sempre da aggiungere qualcosa e che ci insegnano che tutto non è mai abbastanza.

Castagnaccio napoletano, Ingredienti

  • farina di castagne 400 g
  • cioccolato fondente 100 g
  • latte 1 l
  • uova 6 tuorli
  • granella di mandorle (o pinoli) 80 g
  • cedro candito 50 g
  • zucchero 80 g
  • burro 60 g
  • sale q.b.

Preparazione

La prima cosa che dovete fare per preparare il vostro castagnaccio è sciogliere il cioccolato a bagnomaria. Tritate finemente il cioccolato fondente, ponetelo in una ciotola resistente al caldo e lasciate che sciolga insieme al burro, accostandolo a una pentola con l’acqua che sta bollendo. Mettete da parte e in una pentola capiente setacciate la farina.

Aggiungete il latte e amalgamate con una frusta. Aggiungete anche il sale, lo zucchero e infine il cioccolato fuso insieme al burro, continuando sempre ad amalgamare. Mettete la pentola sul fuoco a fiamma bassa e lasciate cuocere il composto per cinque minuti.

Non smettete mai di mescolare gli ingredienti tra loro. Lasciate raffreddare e unite i tuorli, la granella di mandorle e il cedo candito che avete fatto a dadino. Adesso si può completare la preparazione in forno. Imburrate una teglia di 22 centimetri per 28 e versate al suo interno tutto il composto. Mettetelo in forno preriscaldato a 160 gradi e lasciate cuocere per ’50 minuti. Il vostro castagnaccio napoletano è pronto. Lasciatelo riposare a lungo, perché va servito freddo.

Leggi anche: Torta di mele furbissima solo albumi, il segreto per farla sofficissima? la cremina magica di olio, ecco com’è fatta