Visite Articolo:
66

La cultura insieme alla scuola sono il presupposto per la pace, la tolleranza, l’inclusione. L’Europa in gioia, una camminata europea itinerante per numerose piace della città dei Sassi nella mattinata 9 maggio 2022, in coincidenza con la Festa dell’Europa. E’ l’iniziativa dell’Istituto Comprensivo Torraca di Matera che ha visto una colorata carovana composta da quattro classi della scuola di primo grado occupare pacificamente 9 piazze della città di Matera, per eseguire un arrangiamento originale dell’Inno alla Gioia  di L. Van Beethoven, inno dell’Europa.” Lo rende noto il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Torraca di Matera, Caterina Policaro. Queste le tappe dove è stato eseguito con circa 50 ukulele, alcuni Glockenspiel e una chitarra: la scuola Torraca per tutte le classi dell’istituto, per poi raggiungere Piazza San Pio X, la P.zza Marconi a Piccianello insieme alle alunne e agli alunni della scuola primaria Marconi. Il piccolo corteo si è poi diretto in centro e ha suonato in Villa Comunale, in P.zza Vittorio Veneto e sulle scale Santa Lucia, dove vi è stato un saluto di Giovanni Oliva, Direttore della Fondazione Basilicata-Matera. A seguire esecuzioni anche in Piazza San Francesco, in via Ridola davanti a Palazzo Lanfranchi, in piazza Sedile in presenza del direttore del Conservatorio di Matera Saverio Vizziello per poi concludere con un momento istituzionale alla presenza del Vescovo Mons. Pino Caiazzo, del Sindaco di Matera Domenico Bennardi, dell’Assessore alla scuola Valeria Piscopiello e del Consigliere Regionale Luca Braia.

“Sono stati proprio i ragazzi e le ragazze della Torraca prosegue il Dirigente Policaro – a proporre una festa itinerante dell’Europa, di piazza in piazza, per dare un segnale attualissimo della necessità di dover camminare ancora verso la condivisione dei comuni valori di pace e tolleranza tra i popoli, oggi più che mai, con una guerra che si ripresenta ai confini di una unione di nazioni nata dopo la seconda guerra mondiale. Abbiamo voluto portare l’Inno europeo alla gioia come se portassimo un abbraccio gioioso alla città Capitale Europea della Cultura, suonato per tutti coloro che si sono fermati ad ascoltare, cittadini e molti turisti, tra cui un gruppo in Erasmus di diversi paesi europei, nelle diverse tappe, incuriositi, stupiti, da questo piccolo fiume colorato che li riportava al senso della cittadinanza europea che condividiamo. Sono state lette dagli studenti, in ogni piazza, frasi importanti sull’Europa, ricordandone la nascita, i paesi fondatori e i principi a fondamento di questa unione tra i popoli, ricordando anche David Sassoli, Presidente del parlamento Europeo da poco scomparso. Abbiamo portato un messaggio importante, culturale e musicale: il nostro ripudio alla guerra, la nostra voglia di dirlo al mondo, dopo aver approfondito le tematiche e i contenuti relativi alla storia d’Europa, nelle due lingue che si studiano, Inglese e Francese ma soprattutto con la voglia di suonare insieme. Ringrazio  conclude la Policaro per la direzione di questa particolarissima orchestra di ukulele e glockenspiel, il prof. di educazione musicale Filippo Carretta, insieme a tutti i docenti che hanno contribuito alla riuscita della complessa iniziativa.”