Ha un nome un po’ buffo che letteralmente significa “cane caldo”. Uno dei simboli dello street food americano è l’hot dogun panino lungo, morbido, farcito con würstel o salsiccia, insalata, pomodoro e varie salse. Spesso si trova già pronto al supermercato, ma farlo in casa è davvero molto semplice! Oggi vediamo una ricetta facile e veloce per preparare i panini per gli hot dog

Hot dog: perché si chiamano così?

Valentina_G/shutterstock.com

Le ipotesi sulle origini di questi panini dal nome così particolare sono varie. Una delle più accreditate fa risalire la creazione degli hot dog alla fine del 1800 quando, durante una partita di football, un venditore ambulante, lo statunitense Henry M. Stevens pensò di preparare un panino lungo, in modo che le salsicce da lui cucinate, condite con salse piccanti, fossero più agevoli da mangiare allo stadio. 

Altri ritengono che l’origine del nome venga dalle parole Hot Hog, che letteralmente significa “maiale caldo, per indicare appunto una pietanza a base di carne di maiale appena sfornata. All’inizio del 1900, poi, il fumettista Thomas Aloysius Dorgan disegnò un panino lungo con all’interno un bassotto al posto della salsiccia, ironizzando sul fatto che sia la salsiccia che quella razza di cane fossero entrambi lunghi, tedeschi e rossi. Da quel momento si utilizza “hot dog”, il nome con cui ancora oggi identifichiamo questo gustoso panino. 

Consigli per preparare i panini per hot dog

JeniFoto/shutterstock.com

La preparazione dell’impasto, il taglio, la scelta delle salse, della carne e infine tutto il necessario per completare i panini: ecco alcuni semplici consigli per fare gli hot dog.

L’impasto

Come per tutti i lievitati, se volete preparare i panini per hot dog in casa dovete prevedere il tempo di due lievitazioni: la prima in ciotola, la seconda dopo che avrete dato forma ai panini. 

Potete usare la farina 00, la manitoba o anche farine semintegrali tenendo presente che, in base alla varietà scelta, l’impasto potrebbe aver bisogno di più liquidi. Se decidete di usare un determinato tipo di farina e vi rendete conto che il composto necessita di una maggiore idratazione, tenete quindi a portata di mano altra acqua, da aggiungere in maniera graduale.   

Il taglio dei panini

Il taglio dei panini deve essere netto, nella parte lunga. Le due metà vanno poi riscaldate su una piastra per dare la giusta croccantezza. I più golosi usano anche un velo di burro, ma se preferite potete tranquillamente evitare, poiché il pane sarà arricchito anche dalla presenza delle salse.

Le salse

Ketchup, maionese e senape sono le più usate per fare gli hot dog. Non c’è  una regola precisa: scegliete la salsa che più vi piace ma, attenzione… che sia una sola! Unire sapori troppo diversi tra loro potrebbe coprire il gusto della carne. 

Hot dog: würstel o salsiccia?

Solitamente gli hot dog vengono preparati con i würstel in formato maxi, quindi più grandi di quelli normali, ma potete optare anche per delle salsicce. Ovviamente fate in modo che la lunghezza sia adeguata a quella dei panini. 

Gli ingredienti per completare

Oltre alle salse e al würstel, potete completare gli hot dog aggiungendo altri ingredienti che diano freschezza, come una foglia di lattuga, un po’ di pomodoro, qualche anello di cipolla fresca, o un paio di fettine di cetriolo

Hot dog: due ricette per farli in casa

Dopo qualche indicazione generale per la preparazione degli hot dog, vi lasciamo due ricette per dei panini sfiziosi: una classica con semi di sesamo e una più leggera, senza burro e senza uova.

Panini per Hot dog classici: la ricetta

Un classico panino per hot dog, con tanto di semi di sesamo: con questa ricetta avrete un impasto morbido per la presenza del latte e un colore brunito grazie al tuorlo spennellato prima di infornare. 

Vankad/shutterstock.com

Ingredienti per 8-10 panini

  • 250 di di farina 00 ( altra per il piano di lavoro)
  • 250 g di farina manitoba
  • 15 g di zucchero
  • 300 ml di latte ( altro per spennellare)
  • 5 g lievito di birra fresco
  • 40 g di burro
  • 5 g di sale
  • 1 tuorlo 
  • 50 g di semi di sesamo

Procedimento

  1. In una capiente ciotola versate le farine setacciate, poi aggiungete lo zucchero. A parte, versate il latte e fate sciogliere il lievito di birra. Aggiungetelo alla farina e mescolate con un cucchiaio, poi unite il burro morbido, il sale e impastate. 
  2. Quando il composto avrà preso consistenza trasferitelo su un piano di lavoro leggermente infarinato e lavoratelo fino a creare una pagnotta liscia e omogenea. Trasferitela in una ciotola, copritela con pellicola e lasciatela lievitare per due ore
  3. Riprendete l’impasto sul piano di lavoro e procedete con le cosiddette “pieghe a tre”: stendete formando un rettangolo, piegate la parte alta verso il centro, poi fate lo stesso con la parte bassa, sovrapponendola alla precedente. Ripetete questa operazione per tre volte a intervalli di 10 minuti. In questo modo l’impasto prenderà forza. 
  4. Dividete l’impasto in panetti di circa 120 grammi. Prendetene uno alla volta, stendetelo creando un rettangolo poi arrotolatelo su se stesso e sistematelo su una placca rivestita con carta antiaderente. Procedete con la preparazione di tutti i panetti, disponendoli ben distanziati tra di loro. Coprite con un canovaccio e lasciate lievitare per almeno un’ora e mezzo. Sbattete un tuorlo con un goccio di latte, spennellate la superficie dei panini e aggiungete i semi di sesamo. 
  5. Lasciate riposare ancora mezz’ora per dare modo al sesamo di aderire bene e, nel frattempo, scaldate il forno a 200 °C in modalità statica e poi cuocete per 25 minuti o comunque fino a quando la superficie apparirà dorata. 
  6. Sfornate e fateli raffreddare. Conservati in sacchetti con chiusura ermetica si mantengono morbidi per due giorni, in alternativa potete congelarli.

Panini per Hot dog senza burro 

Questa ricetta è più leggera rispetto alla precedente in quanto non è presente il burro: ma, nonostante ciò, non si perdono né la morbidezza né la bontà. In che modo? Scopriamolo subito!

Timolina/shutterstock.com

Ingredienti per circa 10 panini 

  • 500 g di farina 00
  • 200 ml di acqua
  • 5 g di lievito di birra
  • 150 ml di olio di oliva
  • 50 g di zucchero
  • 10 g di sale
  • 50 ml di latte per spennellare 

Procedimento

  1. Sciogliete il lievito in un pochino di acqua. Nella ciotola della planetaria mettete la farina setacciata, il lievito e versate la restante acqua un po’ alla volta. Impastate a bassa velocità e unite l’olio, lo zucchero e, in ultimo, il sale. Continuate a impastare fino a quando il composto sarà completamente incordato, ossia quando si staccherà dalle pareti. A quel punto trasferitelo in una ciotola, coprite con pellicola e lasciatelo lievitare per due ore. 
  2. Una volta raddoppiato, trasferite l’impasto su un piano di lavoro infarinato. Allargatelo con la punta delle dita e date una forma rettangolare. Eseguite le pieghe a tre: prendete la parte superiore e piegatela verso il centro, poi fate lo stesso con la parte inferiore, sovrapponendola alla precedente. Fate riposare 10 minuti, poi ripetete di nuovo per altre due volte, per dare forza all’impasto. 
  3. Terminate le pieghe, dividete l’impasto in pezzi da circa 120 grammi l’uno. Prendetene uno, allargatelo e poi arrotolatelo su se stesso dalla parte lunga, dandogli così la forma del classico panino da hot dog. Adagiatelo su una spianatoia rivestita di carta antiaderente e procedete alla formazione degli altri pezzi. Ricordate di distanziare di almeno 3 cm un panino dall’altro, per evitare che si attacchino durante la cottura. 
  4. Coprite e fate lievitare per almeno un’ora e mezzo. Spennellate i panini con il latte poi scaldate il forno a 200 °C e fate cuocere per 25 minuti, o comunque fino a quando la superficie apparirà dorata.
  5. Sfornate i panini e fateli raffreddare. Se volete che si mantengano morbidi, potete conservarli in sacchetti con chiusura ermetica per uno/due giorni; in alternativa potete congelarli.

Avete mai provato una ricetta per fare i panini hot dog in casa? Quale vi piace di più?

Di origini napoletane, è nata e vive a Roma.
In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui “Di più”; “Di piùTv Cucina”; “RadioCorriere Tv”; “Onda Tv”; “Messaggero Tv”. Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, “Che cavolo cucino, oggi?”. Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, “perché è un ricordo d’infanzia e perché”, dice, “quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane”. Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, “perché altrimenti… il pasto non è finito”.