Visite Articolo:
1.564

Non ha saputo rinunciare alla sigaretta durante un viaggio in aereo. Si è chiuso in bagno e ha cominciato ad assaporare la sua bionda. Il passeggero col vizio del fumo, però, non ha fatto bene i suoi calcoli provocando un incendio nella cabina del bagno durante un volo El Al per Bangkok venerdì 28 ottobre 2022, secondo Ynet, uno dei principali siti web di notizie e contenuti generali israeliani. L’incidente è avvenuto su un volo decollato la scorsa notte da Tel Aviv, dopo che un passeggero che probabilmente voleva fumare senza essere scoperto ha gettato un mozzicone di sigaretta nel bidone della spazzatura nel gabinetto, ma la sigaretta ha acceso la carta igienica all’interno, che ha causato l’incendio sia del bidone della spazzatura che del gabinetto. Il comandante ha rilevato il segnale di “fumo in cabina” e ha allertato l’equipaggio che ha verificato cosa stesse accadendo. “Un passeggero di un volo per Bangkok è stato sorpreso a fumare nel bagno dell’aereo e si temeva che scoppiasse un incendio in cabina. L’equipaggio di volo e il personale di bordo si sono occupati dell’incidente immediatamente e con cautela utilizzando l’apposito fuoco estintori”, ha detto El Al in una nota. I sensori di fumo nell’abitacolo del Boeing 777 si sono attivati, avvertendo l’equipaggio di fumo nella cabina del gabinetto. Immediatamente dopo aver ricevuto l’allerta, gli assistenti di volo si sono avvicinati alla cabina del bagno, estinguendo l’incendio utilizzando estintori di emergenza, portando l’incidente sotto controllo prima che potessero essere causati altri danni. L’aereo che era in volo al momento dell’incidente ha continuato il suo percorso come previsto fino a quando non è atterrato a Bangkok nonostante l’incendio. “Il passeggero è stato avvertito e la questione è stata passata per un ulteriore esame dal nostro dipartimento legale”, ha detto El Al. “Il volo è proseguito come previsto ed è atterrato in sicurezza all’aeroporto di Bangkok .Dopo l’estinzione dell’incendio, è stata condotta una valutazione della situazione ed è stato stabilito che non c’era pericolo per l’aereo. Il passeggero è stato presto smascherato, individuato da steward e hostess che sono riusciti a non far scatenare il panico tra i viaggiatori. La segnalazione alla polizia è arrivata solo dopo l’atterraggio. Tuttavia El Al ha deciso di non coinvolgere la polizia in Thailandia, ma la società avvierà un’azione legale contro l’uomo. Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ricorda che è severamente vietato fumare sugli aerei per cercare di prevenire incidenti come questo. Chi infrange la regola del divieto di fumo durante i voli, infatti, rischia di pagare dai mille ai seimila euro.