Frosinone: Frecciarossa in Fiamme

65 passeggeri figuranti. oltre 200 persone impegnateSi tratta dell’esercitazione che si è svolta questa notte sulla linea ferroviaria veloce Roma NapoliL’esercitazione si è svolta all’interno della galleria La Botte nel comune di CeccanoCoordinata dalla Prefettura dFrosinone, con il Gruppo FS Italiane e la Protezione Civile. È stato simulato un principio d’incendio al locomotore di un treno Frecciarossa. La simulazione ha avuto inizio subito dopo la mezzanotte. Presenti sul treno 65 persone, di cui 55 passeggeri “figuranti” tra i quali 2 con disabilità motorie.Una volta messa in sicurezza la linea ferroviaria, le persone a bordo sono state fatte evacuare dai VVF e soccorse dall’ARES 118 per il triage preliminare, con il supporto dei Volontari della Protezione civile regionale che ha assistito i viaggiatori, mentre le Forze dell’Ordine sono intervenute nella gestione dell’emergenza e della viabilità.
Nello specifico, coordinate dal Centro Coordinamento Soccorso, istituito a Frosinone dal Prefetto Emilia Zarrilli, hanno operato oltre 200 persone.All’esercitazione hanno partecipato 40 unità complessive dei Vigili del Fuoco con 25 unità operative sul posto con 8 mezzi, personale delle Forze dell’Ordine con 35 unità operative tra Questura, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Stradale, Polizia Ferroviaria, Polizia Provinciale e Polizia Municipale di Ceccano, Patrica e Frosinone. Sul luogo dell’esercitazione, oltre a personale dell’Ares 118 con 10 unità e 3 mezzi, hanno operato 7 associazioni di Volontariato di Protezione Civile regionale con 7 mezzi e 34 volontari.Intorno alle 2 del mattino tutte le persone presenti sul treno sono state evacuate e messe in sicurezza presso la scuola Gaetano Latini zona Pescara a Ceccano. Il Comune di Ceccano ha istituito il Centro Operativo Comunale (COC), così come i Comuni di Frosinone e di Patrica, mentre la Prefettura di Frosinone il Centro Coordinamento dei Soccorsi (CCS) con tutte le funzioni di supporto attivate.L’esercitazione ha consentito di testare la risposta del sistema emergenziale del Gruppo FS, la sinergia tra le strutture e le componenti del sistema di protezione civile, i flussi di comando e le attivazioni necessarie nei primi momenti di emergenza e la viabilità per il trasferimento di eventuali feriti fino al Pronto Soccorso più vicino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto