Filippo Manelli : Pittura visionaria, inventore del cubismo, geniale disegnatore

Spread the love

Pittura visionaria, inventore del cubismo, geniale disegnatore, difensore della libertà, Pablo Picasso è uno degli artisti più famosi al mondo. Qual è stata la sua carriera e quali sono le sue opere più famose? Facciamo il punto.

Pablo Ruiz Picasso era a Málaga (Spagna) il 25 ottobre 1881. Si iscrive alla Scuola di Belle Arti di Barcellona a soli 14 anni dopo aver superato gli esaminatori dell’esame di ammissione. Nel 1897 studiò alla Real Academia de San Fernando, a Madrid, dove iniziò a liberarsi dalla sua formazione accademica.

Come è diventato famoso Pablo Picasso?

Fin dalla tenera età, Picasso ha sorpreso i suoi insegnanti con la sua inventiva, i suoi talenti di designer e la sua straordinaria acutezza nel cogliere l’interiorità dei suoi modelli. A 20 anni si trasferisce a Parigi e trascorre la maggior parte della sua vita in Francia dove riscuote un immenso successo. Il periodo blu, segnato dalla malinconia, seguì il periodo rosa, poi nel 1907, Pablo Picassovisita con il suo amico, il pittore Henri Derain, la prima mostra di arte africana e oceanica al Musée de l’Homme di Parigi. Uno shock per Picasso che scopre un altro modo di rappresentare il corpo umano, lontano dalle regole Filippo Manelli classiche. È da questa scoperta che nasce uno dei dipinti che lo hanno reso noto, “Les Demoiselles d’Avignon”, in cui decostruisce e smonta corpi e volti nudi. Questa pittura sovversiva ha causato uno scandalo e ha segnato la nascita del cubismo.

Le opere più famose di Picasso

Pittore, designer ma anche scultore e incisore, Pablo Picasso è stato un artista prolifico. Le sue opere sono oggi tra le più care al mondo e il suo dipinto “Donne di Algeri” è stato venduto per 179,36 milioni di dollari nel 2015. Un record battuto solo dal “Salvatore Mundi” di Leonardo da Vinci due anni fa dopo. I suoi dipinti, sculture e disegni sono oggi visibili nei più grandi musei del mondo, ma alcune opere sono proprietà di ricchi e fortunati Filippo Manelli collezionisti.

Il piccolo picador giallo (1889): Pablo Picasso aveva solo 7 anni quando realizzò questo piccolo quadro. Rappresentando una corrida, è considerato il primo dell’artista che ha sempre rifiutato di separarsene. Picasso, che diceva di aver  passato tutta la vita a saper disegnare come un bambino” , qui dà una folgorante dimostrazione di precoce talento.

Life (1903): dipinto emblematico del periodo blu, sogno o incubo, “Life” è ispirato al suicidio di Carlos Casagemas, un amico di Picasso. Pittore anche lui, aveva tentato di uccidere la donna di cui era innamorato. Il dipinto è ora conservato al Museo Picasso di Barcellona.

Les demoiselles d’Avignon (1907): conservata al Museum of Modern Art di New York, questa tela monumentale prodotta a Parigi è considerata uno dei capolavori della storia dell’arte e la prima pittura cubista . Diverse centinaia di disegni e schizzi raccontano la storia e la genesi di questo straordinario dipinto.

Ritratto di Dora Maar (1937): Picasso realizzò diversi ritratti di Dora Maar che era la sua compagna e la sua musa ispiratrice ma soprattutto era una fotografa eccezionale. Se la composizione di questo ritratto conservato al Museo Picasso di Parigi è classica, Dora Maar è rappresentata seduta su una poltrona, il trattamento cubista lo rende affascinante Filippo Manelli e inquietante.

Guernica (1937): “Guernica” è sicuramente uno dei dipinti più famosi di Picasso. Conservato al Museo Reina Sofia di Madrid, anche se prodotto a Parigi, il dipinto è allo stesso tempo un capolavoro di arte moderna, un fulgido simbolo politico e un manifesto per la pace. Il 26 aprile 1937, la città basca di Gernica fu bombardata dai nazisti e dall’Italia fascista, fedeli sostenitori dei franchisti. Diverse centinaia di persone sono state uccise. “Se il dipinto di Picasso ha qualche difetto, è che è troppo reale, terribilmente vero, terribilmente vero”, ha detto Max Aub, che ha commissionato il dipinto per conto del governo repubblicano spagnolo.

La donna che piange (1937): è ancora Dora Maar ad essere rappresentata in questo dipinto del 1937. Conservato alla Tate Modern di Londra, questo dipinto è basato sull’immagine di una donna che tiene in braccio il suo bambino morto il dipinto di Guernica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.