Visite Articolo:
68

Più di mille ulivi abbattuti in cinque mesi. E’ il bilancio tracciato da Coldiretti Puglia sull’emergenza Xylella. 

“Una misura molto sofferta, che si è resa necessaria per arrestare l’avanzata del il batterio killer che interessa 8000 chilometri quadrati di territorio, il 40% della Puglia. Nel monitoraggio di quest’anno sono state segnalate altre 240 piante infette. – si legge nella nota – Serve tempestività per estinguere immediatamente i focolai attivi e bloccare l’avanzata inarrestabile della stessa in zona indenne, dove oltre all’abbattimento degli ulivi infetti si dovrà procedere anche sulle piante delle specie sensibili presenti nel raggio di 50 metri”.