Visite Articolo:
90

Una dottoressa della continuità assistenziale, ex guardia medica, è stata aggredita ieri sera a Bari durante il suo turno di lavoro. A denunciarlo è stata la Federazione italiana medici di Bari. L’aggressione è avvenuta nella sede al rione Japigia; un uomo avrebbe minacciato e aggredito la dottoressa e in uno scatto d’ira le avrebbe lanciato addosso una sedia. Immediatamente sono intervenuti i medici della postazione 118 adiacente alla sede di continuità assistenziale, che sono riusciti a calmare il paziente e hanno prestato soccorso alla loro collega. La dottoressa non ha riportato ferite ma è stata trasportata al pronto soccorso in stato di choc. Non sono ancora chiari i motivi dell’aggressione, ma da fonti sanitarie sembra che l’uomo avrebbe preteso la prescrizione di alcuni farmaci.

Sull’episodio è intervenuta la Fimmg Bari. “Esprimo a nome di Fimmg vicinanza e solidarietà alla dottoressa e a tutti i colleghi che quotidianamente subiscono episodi simili, molti dei quali non denunciati – ha detto Nicola Calabrese, Segretario Fimmg Bari – Purtroppo le violenze sono all’ordine del giorno nelle postazioni di continuità assistenziale. Stavolta i colleghi sono intervenuti in tempo, ma spesso i medici di CA sono soli, in postazioni isolate. Urge mettere in sicurezza i colleghi, ripensando il modello della continuità assistenziale, le cui criticità non sono mai state risolte. Si sta aspettando l’evento tragico per intervenire?”