https://cdnit1.img.sputniknews.com/img/07e4/07/1e/9359437_0:183:3072:1911_1200x675_80_0_0_61702a31f7498f4e6f2483fa35686560.jpg

Sputnik Italia

https://cdnit2.img.sputniknews.com/i/logo.png

https://it.sputniknews.com/scienza-e-tech/2021013010065273-come-saranno-i-sette-minuti-di-terrore-del-rover-perseverance-su-marte—video/

Il rover Perseverance della NASA completerà il suo viaggio verso il Pianeta Rosso il 18 febbraio. L’agenzia spaziale statunitense ha condiviso un video in cui si possono vedere in dettaglio i cosiddetti “sette minuti di terrore” che la navicella dovrà superare durante l’atterraggio.

Per raggiungere la superficie marziana dopo l’atterraggio nel cratere Jezero, la sonda dovrà ridurre la sua velocità: da 19.300 km/h nella parte alta dell’atmosfera del pianeta dovrà scendere a 3 km/h al momento dell’atterraggio.

Durante la manovra, che si compone di tre fasi – entrata, discesa e atterraggio – il rover, dotato di scudo termico, dovrà sopportare un calore simile a quello della superficie solare, che potrebbe raggiungere circa 5.500°. Quindi un paracadute frenerà la capsula, dotata di motori che la guideranno al sito di atterraggio, e infine, nei minuti finali, la struttura sgancerà il rover con un sistema di cavi per poi lasciare l’area.

“Non lasciare che nessuno ti dica il contrario: atterrare su Marte è difficile. Ma le donne e gli uomini di questa squadra sono i migliori al mondo. Quando la nostra astronave colpirà la parte superiore dell’atmosfera marziana a circa 20.200 km/h saremo pronti”, ha detto John McNamee, mission manager di Mars 2020 Perseverance.

La missione marziana della NASA, lanciata nel luglio 2020, mira a cercare segni di antica vita microbica e mappare la geologia e il clima del pianeta rosso. Perseverance è il veicolo robotico più grande e sofisticato che la NASA vi abbia mai inviato e dovrebbe aprire la strada a future missioni umane oltre la Luna.

Il rover è inoltre integrato con un piccolo elicottero chiamato Ingenuity e tutti gli strumenti necessari per raccogliere le rocce marziane.